Naspi, la disoccupazione è compatibile col lavoro occasionale?
Lo sai che?
5 Apr 2016
 
L'autore
Noemi Secci
 


Leggi tutti gli articoli dell'autore
 

Naspi, la disoccupazione è compatibile col lavoro occasionale?

Indennità di disoccupazione Naspi e lavoro autonomo occasionale, lavoro occasionale accessorio e collaborazione occasionale.

 

Se svolgo attività di lavoro occasionale perdo la Naspi?

 

La Naspi, cioè la nuova indennità di disoccupazione (che ha sostituito Aspi e Mini Aspi) è compatibile con il reddito derivante da altre attività lavorative sino a determinate soglie: i limiti entro i quali si ha diritto all’indennità sono differenti a seconda della tipologia di attività svolta.

Per quanto riguarda il lavoro occasionale, in particolare, è necessario distinguere tra lavoro occasionale accessorio, lavoro autonomo occasionale e collaborazione occasionale: si tratta, malgrado la somiglianza nel nome, di attività completamente diverse, compatibili con la Naspi in misure differenti.

 

 

Naspi e lavoro autonomo occasionale

Il lavoro autonomo occasionale consiste in un’attività prestata in completa autonomia, ma in modo non continuativo: mancano, in pratica, i requisiti dell’abitualità e della professionalità.

Questo tipo di attività, dunque, anche se non dà luogo all’apertura della partita Iva, è compatibile con l’indennità di disoccupazione sino a 4.800 euro annui, alla pari dell’attività professionale o di impresa.

Al di sotto di 4.800 euro di reddito da lavoro autonomo occasionale, la Naspi è ridotta in misura pari all’80% del reddito: ciò vuol dire che, se nell’anno l’indennità complessiva è pari a 5.000 euro al mese ed il reddito da lavoro autonomo occasionale ammonta a 3000 euro, alla Naspi sono sottratti 2.400 euro (il tutto è riproporzionato su base mensile).

 

Il reddito presunto deve essere comunicato attraverso il modello Naspi Com, che può essere compilato direttamente dal sito dell’Inps, per chi possiede il codice Pin o l’identità Spid, oppure può essere presentato tramite patronato. In mancanza di comunicazione la Naspi viene sospesa. Se l’indennità è percepita “a cavaliere” di due anni (ad esempio 2015 e 2016) la comunicazione Naspi Come deve essere ripresentata entro il 31 gennaio.

 

 

Naspi e lavoro occasionale accessorio

Il lavoro occasionale accessorio non è un’attività svolta in autonomia, ma si tratta di una fattispecie creata per dare una copertura assicurativa e previdenziale ai cosiddetti impieghi marginali, come le piccole riparazioni, il babysitting, le ripetizioni, etc.

In pratica, si tratta di quelle attività, meramente occasionali, pagate con i voucher o buoni lavoro.

La Naspi è pienamente cumulabile con i compensi derivanti da voucher sino a un massimo di 3000 euro netti (pari a 4.000 lordi) annui [1]; al di sopra di tale cifra, l’indennità è ridotta dell’80% del reddito derivante dai buoni, sino al limite di quest’ultimo, cioè sino a 7000 euro netti l’anno. Inoltre, al superamento della soglia, deve essere effettuata la comunicazione Naspi Com.

 

 

Naspi e collaborazioni occasionali

Le collaborazioni occasionali, o mini co.co.co., erano, in pratica, delle attività svolte sotto forma di collaborazione per non più di 30 giornate annue e non oltre 5.000 euro di retribuzione.

Ora tale tipologia di rapporto è stata cancellata dal decreto di riordino dei contratti [2] e ricondotta all’insieme delle co.co.co., le collaborazioni coordinate e continuative.

Il reddito derivante dalle collaborazioni, in quanto assimilato al reddito da lavoro dipendente, può essere sommato alla Naspi sino al limite di 8000 euro annui, dando luogo alla riduzione dell’indennità pari all’80% delle entrate percepite dalla (o dalle) co.co.co.


[1] Inps Mess. 494/2016.

[2] D.lgs. 81/2015.

 


richiedi consulenza ai nostri professionisti

 


Download PDF SCARICA PDF
 
 
Commenti
1 Ott 2016 Francesco Maggipinto

Buonasera. La comunicazione dell’inizio attività all’inps con il modulo previsto va fatta sempre indipendentemente dal reddito che si andrà a percepire (ipotizzando di stare sempre sotto i 4800 €)? Il modulo va compilato entro un mese dall’inizio dell’attività, è corretto? La cifra con la quale si compone il modulo è vincolante in qualche modo? Lo domando perchè percepirò una parte fissa e una variabile, di conseguenza non potrò essere preciso sulla cifra in questione. Grazie in anticipo per tutte le informazioni.