Pensione anticipata, quali contributi si possono contare?
Lo sai che?
7 Apr 2016
 
L'autore
Noemi Secci
 


Leggi tutti gli articoli dell'autore
 

Pensione anticipata, quali contributi si possono contare?

Contributi per la pensione anticipata: computo dei contributi da riscatto e degli accrediti figurativi.

 

Posso contare i versamenti volontari e i contributi figurativi per ottenere la pensione anticipata?

 

La pensione anticipata, che ha sostituito la pensione di anzianità dall’entrata in vigore dalla Legge Fornero, può essere raggiunta con i seguenti requisiti, sino al 31 dicembre 2018:

 

42 anni e 10 mesi di contributi per gli uomini;

41 anni e 10 mesi di contributi per le donne.

 

Per i lavoratori che non hanno contributi precedenti al 1996, che optano per il sistema contributivo di calcolo, o che effettuano il computo nella Gestione separata, è possibile ottenere la pensione anticipata anche con i seguenti requisiti:

 

63 anni e 7 mesi di età;

20 anni di contributi;

– assegno pari ad almeno 2,8 volte l’assegno sociale.

 

 

Pensione anticipata ordinaria: contributi computabili

Nella pensione anticipata ordinaria possono essere computati  gli accrediti figurativi (cioè i contributi accreditati direttamente dall’Inps, ad esempio per  malattia o disoccupazione) sino ad un massimo di 5 anni complessivi, se non si possiedono contributi versati prima del 31 dicembre 1992. I contributi volontari possono essere liberamente computati per tutti i contribuenti che desiderano accedere a questa tipologia di pensione. Lo stesso vale anche per i contributi da riscatto.

 

 

Pensione anticipata contributiva: versamenti utili

Per chi ha invece diritto alla pensione anticipata contributiva, essendo solo 20 gli anni di contribuzione necessari, i requisiti sono più severi. Non possono essere, difatti, contati:

 

– i contributi figurativi;

– i contributi volontari.

 

Vi sono comunque dei vantaggi: i contributi accreditati prima del compimento del 18° anno di età vanno, difatti, moltiplicati per 1,5.

 

 

Pensione anticipata: riduzione

Il vecchio regime che prevedeva la riduzione percentuale della pensione anticipata ordinaria solo per chi possedeva determinati contributi figurativi è stato recentemente superato. Per chi matura il diritto alla pensione sino al 31 dicembre 2017 non è prevista alcuna penalizzazione.

Successivamente, la penalizzazione sarà per tutti, a prescindere dalla contribuzione posseduta. Le decurtazioni saranno pari:

 

all’1%, per coloro che si pensionano con meno di 62 ma più di 60 anni di età, per ogni anno mancante al compimento del 62°;

 

al 2% per coloro che si pensionano con meno di 62 e meno  di 60 anni di età, per ogni anno mancante al compimento del 60°; dal 60° al 62° anno di età la penalizzazione è pari all’1%.

 

Ad esempio, se tizio si pensiona a 59 anni di età, la sua penalizzazione sarà pari al 4% (2% dal 59° al 60° anno; 1% più 1% per gli altri anni mancanti al 62°).

La riduzione sul trattamento di pensione si applica permanentemente: non esiste dunque alcun periodo a partire dal quale la penalizzazione possa essere eliminata.

Nessuna riduzione, invece, si deve applicare per la pensione anticipata contributiva, in quanto l’accesso non è consentito prima di 63 anni e 7 mesi di età.

La decorrenza della pensione anticipata, in entrambe le ipotesi, è collocata il mese successivo alla domanda: non è dunque necessario attendere alcuna finestra.


 


richiedi consulenza ai nostri professionisti

 
 
Commenti
9 Apr 2016 Giuseppe Antonazzi

Buon giorno, sono Giuseppe ex guardia giurata, da 3 anni sono in mobilita’ ordinaria tenendo conto che ho quasi 61 anni di eta’ con 38 anni di contribuzione, vorrei sapere gentilmente se al momento esiste qualche possibilita’ di un prolungamento della mobilita’ ,o in alternativa un collocamento anticipato in pensione pur considerando un eventuale decurtamento per l’ uscita anticipata, sono nella confusione piu’ totale e’ comincio a preoccuparmi per il mio futuro , visto che a maggio 2017 finiro’ anche la mobilita’, vi ringrazio anticipatamente per un risposta gradita.