Separazione e divorzio in Comune delegato a un procuratore
Lo sai che?
7 Apr 2016
 
L'autore
Redazione
 


Leggi tutti gli articoli dell'autore
 

Separazione e divorzio in Comune delegato a un procuratore

Ci si può separare o divorziare delegando il proprio avvocato o un parente, facendolo comparire al posto proprio in Comune davanti all’ufficiale di Stato civile.

 

Ci si può separare o divorziare in Comune, senza bisogno di giudici e avvocati e, da oggi, anche senza la presenza fisica delle parti interessate: marito e moglie possono infatti delegare un procuratore speciale affinché li rappresenti nell’atto da firmare davanti all’ufficiale di Stato civile. È questa la sintesi di un recente decreto del Tribunale di Milano [1]. Insomma, se dirsi addio oggi è diventato più facile e veloce (fino a massimo 1 anno), domani lo sarà ancor di più non dovendosi gli ex coniugi guardarsi neanche in faccia.

 

Specifica il provvedimento in commento che, dinnanzi all’ufficiale di Stato Civile, i coniugi – così come potrebbero munirsi di procura speciale davanti al giudice – possono avvalersi della rappresentanza di un procuratore speciale e, in virtù di ciò, svolgere, in luogo del rappresentato, tutte le attività che questi dovrebbe porre in essere al cospetto dell’autorità amministrativa. Del resto non è una novità che, nel nostro ordinamento, sia possibile anche il matrimonio a mezzo di procuratore speciale quando, per esempio, uno dei due nubendi si trova all’estero, impegnato in una operazione bellica, ecc. Dunque, la stessa cosa può avvenire anche per lo scopo contrario, ossia per chiedere lo scioglimento o la cessazione degli effetti civili del matrimonio (separazione e divorzio).

 

 

Chi si può delegare per la separazione o divorzio?

Per conferire la delega sarà necessario un atto notarile. Non ci sono limiti in ordine al soggetto da delegare, ben potendo essere un avvocato o un parente.

 

Tale soggetto dovrà recarsi in Comune e seguire la procedura ordinaria per le separazioni e divorzi innanzi all’ufficiale di Stato civile che abbiamo descritto analiticamente nella guida: “Separazione e divorzio in Comune: come si fa”. In buona sostanza bisognerà presentarsi una prima volta presso il Municipio per firmare la richiesta di separazione e redigere l’accordo di separazione che i coniugi dichiarano di aver raggiunto. Infatti, tale tipo di procedura è riservata solo alle separazioni consensuali in cui non vi siano figli ottenuti dalla stessa unione (ben potrebbero invece essercene se derivanti da precedenti unioni) e sempre a condizione che non vi siano passaggi di beni (salvo ovviamente l’assegno di mantenimento).

 

Alle parti viene poi dato un secondo appuntamento non prima di 30 giorni per confermare l’intenzione di dirsi addio. Ciò serve per consentire una pausa di riflessione sulla scelta in atto.


La sentenza

Tribunale di Milano, sez. IX Civile, decreto 14 dicembre 2015 – 19 gennaio 2016

In fatto

(omissis), c.f. (omissis), nato a (omissis), in data (omissis), residente in (omissis) (Repubblica popolare Cinese), in (omissis), (omissis), e (omissis), nata a (omissis), in data (omissis), residente in (omissis) (MI), via (omissis) n. (omissis), contraevano matrimonio civile in (omissis) (MI), in data (omissis) 2003 (atto iscritto nei registri comunali di (omissis)). Dall’unione non nascevano figli. Il Tribunale di Milano, con sentenza n. (omissis)/11 del 21 dicembre 2011, resa pubblica in data 22 dicembre 2011, pronunciava la separazione dei coniugi nella contumacia del (omissis). La sentenza passava in giudicato (v. certificato di Cancelleria del 2 maggio 2012). Con istanza del 29 luglio 2015, i coniugi richiedevano all’Ufficiale di Stato Civile del Comune di (omissis), di prendere atto della loro volontà di procedere allo scioglimento del matrimonio, ai sensi dell’art. 12 d.l. 132 del 2014, convertito in l. 162/2014. Il (omissis) agiva in persona del procuratore speciale, designato giusta procura consolare. L’Ufficiale dello Stato civile adito dichiarava di rifiutare di dare corso alla richiesta dei coniugi, poiché il marito non era personalmente presente alla lettura dell’atto consensuale, ai sensi

Mostra tutto

[1] Trib. Milano, decr. del 19.01.2016.

 

Autore immagine: 123rf com

 


richiedi consulenza ai nostri professionisti

 


Download PDF SCARICA PDF
 
 
 
Commenti