Giovani 2G, contributi a fondo perduto per nuove attività
Bandi-Concorsi
11 Apr 2016
 
L'autore
Noemi Secci
 


Leggi tutti gli articoli dell'autore
 

Giovani 2G, contributi a fondo perduto per nuove attività

Prorogato il bando pubblico Giovani 2G: finanziamenti a fondo perduto per nuove iniziative d’impresa da parte di cittadini stranieri o italiani di origine straniera.

 

Il Ministero del Lavoro ha appena prorogato al 31 maggio la scadenza del bando Giovani 2G: si tratta di un bando pubblico che riconosce contributi a fondo perduto per l’apertura di nuove attività in proprio da parte di cittadini italiani originari di Paesi extraeuropei o di cittadini stranieri in possesso di regolare permesso di soggiorno. L’avviso pubblico è sostenuto anche da Italia Lavoro, ente strumentale del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali e fa parte del progetto “Programmazione e gestione delle politiche migratorie”.

 

 

Giovani 2G: chi sono i beneficiari

Nel dettaglio, possono beneficiare dei  contributi a fondo perduto le persone in possesso dei seguenti requisiti:

 

– cittadinanza di Paesi non appartenenti all’Unione Europea e titolarità di un regolare permesso di soggiorno che consenta l’esercizio di attività di lavoro autonomo;

 

– età compresa tra i 18 e i 30 anni;

 

cittadinanza italiana acquisita successivamente alla nascita, con origini da paesi non appartenenti all’Unione Europea;

 

– residenza in una delle seguenti Regioni: Lazio, Campania, Sicilia;

 

– stato di inoccupazione o di disoccupazione.

 

 

Giovani 2G: attività agevolate

Sono agevolabili, in particolare, le seguenti tipologie di attività:

 

ditta individuale;

 

società di persone (SNC o SAS) nelle quali i giovani potenziali beneficiari rappresentino la maggioranza numerica dei componenti della compagine sociale e detengano la maggioranza delle quote;

 

società cooperative nelle quali i giovani potenziali beneficiari devono costituire la maggioranza numerica dei soci e rappresentino almeno il 60% del Consiglio di Amministrazione;

 

SRLS (Società a Responsabilità Limitata Semplificata) nelle quali i giovani potenziali beneficiari rappresentino la maggioranza numerica dei componenti della compagine sociale e detengano la maggioranza delle quote.

 

 

Giovani 2G: contributi e agevolazioni

I benefici concessi dal bando Giovani 2G consistono:

 

– nell’assegnazione di contributi a fondo perduto a sostegno della nascita di nuove realtà imprenditoriali o di autoimpiego;

 

– nell’erogazione di servizi di consulenza ed accompagnamento a sostegno della nascita di nuove realtà imprenditoriali o di autoimpiego.

 

I contributi a fondo perduto sono riconosciuti sotto forma di una dote individuale pari a 10.000 euro per ogni iniziativa e comprendono le spese di investimento ed assicurative.

 

 

Giovani 2G: spese agevolabili

I contributi a fondo perduto possono essere finalizzati alla copertura delle seguenti spese:

 

– spese per la costituzione dell’Impresa;

costi assicurativi e bancari connessi alla erogazione dei contributi (entro un massimo di 800 euro);

– contratti per gli allacciamenti e i collegamenti delle utenze (esclusi i canoni);

– spese per l’iscrizione alla Camera di commercio;

macchinari, impianti ed attrezzature varie, nuovi di fabbrica e strettamente necessari all’attività dell’impresa, con esclusione di quelli relativi all’attività di rappresentanza;

mezzi mobili inerenti all’esercizio dell’attività di impresa;

software connessi alle esigenze produttive e gestionali dell’impresa;

opere murarie e assimilate, impiantistica ed infrastrutture specifiche aziendali (entro il limite

massimo del 10 % del contributo).

 

 

Giovani 2G: come presentare domanda

Le domande devono inizialmente essere presentate in modalità telematica, attraverso il sito www.giovani2g.it; assieme alla domanda di partecipazione deve essere presentato anche il formulario del progetto, una sorta di business plan abbreviato che illustri l’iniziativa imprenditoriale o di autoimpiego, sottolineandone anche la cantierabilità, la sostenibilità ed i punti di forza.

 

Una volta inoltrata l’istanza online ed acquisito il protocollo telematico d’invio,  la domanda deve essere recapitata, entro 10 giorni, a rischio del mittente, presso la sede del capofila di progetto, al seguente indirizzo:

 

“Business Value s.r.l., Via di Panico 54, CAP 00186 – Roma”.

 

L’istanza deve essere inviata  in un plico in busta chiusa con la dicitura:

“Domanda per l’assegnazione di contributi e servizi a sostegno della nascita di nuove realtà imprenditoriali o di auto impiego in favore di giovani di età compresa tra i 18 e i 30 anni cittadini di paesi non appartenenti all’Unione europea ovvero giovani con origini da paesi non appartenenti all’Unione europea che abbiano acquisito la cittadinanza italiana successivamente alla nascita”.


 


richiedi consulenza ai nostri professionisti

 


Download PDF SCARICA PDF
 
 
Commenti