A che velocità scatta l’autovelox
Lo sai che?
13 Apr 2016
 
L'autore
Redazione
 


Leggi tutti gli articoli dell'autore
 

A che velocità scatta l’autovelox

Sono passato davanti a un autovelox di cui mi sono accorto solo in ritardo: benché abbia frenato immediatamente, ero ancora sopra i limiti del codice della strada: a che velocità scatta la foto dell’autovelox?

 

Gli autovelox devono essere programmati a scattare la foto al superamento del limite di velocità previsto sulla strada di percorrenza, garantendo comunque una tolleranza di almeno il 5% e, comunque, non inferiore a 5 km/h [1]. In buona sostanza, l’autovelox si mette in funzione non appena l’automobilista supera di oltre il 5% il limite di velocità della strada. Facciamo qualche esempio per comprendere meglio:

 

  • se in una strada vi è un limite di velocità di 110 km/h, l’autovelox può scattare la foto solo nel momento in cui l’automobile supera 115,5 km/h (ossia 110 km + 5%);
  • se in una strada vi è un limite di velocità di 50 km/h, l’autovelox può scattare la foto solo nel momento in cui l’automobilista supera 55 km/h: in questo caso, infatti, poiché il 5% di 50 è 2,5, si applica la seconda regola (sopra richiamata) secondo cui la tolleranza non può mai scendere al di sotto di 5 km/h);
  • se in una strada vi è un limite di velocità di 90 km/h, l’autovelox scatta al superamento di 95 km/h (anche in questo caso, infatti, il 5% di 90 è inferire a 5, essendo pari infatti a 4,5);
  • se in una strada vi è un limite di velocità di 100 km/h, l’autovelox scatta da 105 km/h in su (ossia 100 + 5%);
  • se in una strada vi è un limite di velocità di 130 km/h, l’autovelox scatta a partire da 136,5 km/h (ossia 130 + 5%).

 

Si comprende bene che, fin quando il limite di velocità non supera 100 km/h, per sapere quando si attiva l’autovelox è necessario sommare 5 al limite predetto. Da 110 km/h in su è necessario effettuare il calcolo del 5%.

 

Attenzione: i limiti appena indicati sono considerati minimi; questo vuol dire che la polizia ben potrebbe fissare l’attivazione dell’autovelox a una velocità superiore al 5%. Così, per esempio, in un tratto stradale ove è previsto il limite a 50 km/h, le autorità potrebbero comunque decidere di far scattare la foto solo se l’automobile supera 100 km/h.

 

 

Strade in salita o discesa

Spesso, nel caso di strade a doppio senso di circolazione, l’autovelox è in grado di rilevare la velocità delle auto su entrambi i sensi di marcia. Nel caso, però, in cui la strada sia in pendenza, si potrebbe ritenere che vi sia maggiore tolleranza sulla tratta in discesa che non su quella in salita. Si tratta, però, di una falsa convinzione: anche in discesa i limiti restano gli stessi e così pure la tolleranza del 5% sia per chi sale che per chi scende.

 

 

Taratura dell’autovelox

Ricordiamo che l’autovelox deve essere necessariamente omologato e tarato. Dei relativi certificati l’automobilista ha diritto a prendere visione.

 

 

Sanzioni per la multa con autovelox

Se l’automobilista supera il limite di velocità della strada di oltre il 5% (tolleranza) scattano sanzioni differenti a seconda dello scarto tra la velocità rilevata e quella consentita. In particolare:

 

  • per chi supera di non oltre 10 km/h il limite di velocità, la sanzione va da 39 e 159 euro;
  • per chi supera il limite di velocità di oltre 10 km/h, ma non oltre 40 km/h, la sanzione va da 159 a 639 euro, con decurtazione di 3 punti dalla patente;
  • per chi supera i limiti di oltre 40 km/h, ma non oltre 60 km/h, scatta la sanzione da 500 a 2.000 euro, con decurtazione di 10 punti dalla patente nonché ritiro e sospensione della stessa da 1 a 3 mesi con il provvedimento di inibizione alla guida del veicolo, nella fascia oraria che va dalle ore 22 alle ore 7 del mattino, per i 3 mesi successivi alla restituzione della patente di guida (identica la sanzione in caso di conducente neopatentato);
  • per chi supera il limite massimo di oltre 60 km/h, scatta la sanzione amministrativa da 779 a 3.119 euro, la decurtazione di 10 punti patente nonché il ritiro e sospensione della stessa da 6 a 12 mesi.

 

I punti decurtati dalla patente sono raddoppiati nel caso in cui il titolare l’abbia conseguita da meno di 3 anni.


[1] Art. 197 D.P.R. 610/96.

 

Autore immagine: pixabay.com 

 


richiedi consulenza ai nostri professionisti

 


Download PDF SCARICA PDF
 
 
 
Commenti
14 Apr 2016 bruno n

Rivedere la velocita di 130 e relativa tolleranza, c’è un errore ed ultimo punto, neopatentati e non dove c’è anche un errore.