Nasce l’Archivio dei numeri civici
Breaking News
14 Apr 2016
 
L'autore
Redazione
 


Leggi tutti gli articoli dell'autore
 

Nasce l’Archivio dei numeri civici

Riforma del Catasto: censite tutte le abitazioni degli italiani, arriva l’Archivio nazionale dei numeri civici delle strade urbane.

 

Con l’imminente riforma del catasto nasce anche l’Archivio nazionale dei numeri civici per le strade urbane, un modo nuovo per censire tutte le abitazioni degli italiani e la stessa popolazione. Neanche a dirlo, la realizzazione di questa nuova (ed ennesima) banca dati è opera dell’Agenzia delle Entrate, in collaborazione con l’Istat. L’infrastruttura tecnologica dell’Anncsu dovrà essere messa a punto entro 30 giorni dalla pubblicazione del decreto in Gazzetta.

 

Per completare l’allineamento con i dati risultanti dal Catasto servirà la collaborazione dei Comuni che dovranno aggiornare la situazione degli immobili verificando, in particolare, gli indirizzi reali e, in particolare, i numeri civici rispetto a quanto risulta all’Agenzia delle Entrate. Ma – a dire del direttore Rossella Orlandi – i risultati per ora ottenuti sull’archivio degli stradari e dei numeri civici è già soddisfacente: ad oggi 5.350 Comuni hanno completato le verifiche sui dati Istat.

 

Il rischio però, come segnala “Il Sole 24 Ore” è che la riforma, che vedrebbe nuovi valori catastali e locativi assegnati a ogni singola unità immobiliare, cada nel caos degli indirizzi sbagliati. Per questo nella bozza dell’accordo si legge come “nei successivi sessanta giorni ciascun comune comunica il nominativo e i riferimenti del responsabile preposto alla tenuta dello stradario e indirizzario comunale, abilitato alle funzionalità di inserimento e di modifica dei dati”.

 

 

Cosa contiene l’archivio dei numeri civici?

Il nuovo Archivio nazionale dei numeri civici conterrà le informazioni relative a specie, denominazione e codifica di ciascuna area di circolazione urbana e quelle riguardanti la lista, codifica, georiferimento dei numeri civici ad essa appartenenti, nonché il codice identificativo unico nazionale di ciascuna area di circolazione urbana.

 

Le informazioni sulle strade e sui numeri civici saranno messe online, a disposizione della pubblica amministrazione per controlli e verifiche anche di natura fiscale e catastale.

 

In più l’Istat utilizzerà l’archivio per il censimento permanente e la produzione di statistiche territoriali.


Autore immagine: 123rf com

 


richiedi consulenza ai nostri professionisti

 
 
Commenti