Canone Rai: l’autocertificazione se compri la tv
Lo sai che?
15 Apr 2016
 
L'autore
Redazione
 


Leggi tutti gli articoli dell'autore
 

Canone Rai: l’autocertificazione se compri la tv

L’acquisto di una televisione in corso di anno impone l’invio dell’autocertificazione all’Agenzia delle Entrate e il pagamento delle rate di Canone Rai relative ai mesi a venire.

 

È chiaro ormai a tutti che chi non ha in casa la televisione e, tuttavia, ha intestato un contratto della luce a uso residenziale, se non vuole pagare 100 euro all’anno a titolo di Canone Rai deve inviare, all’Agenzia delle Entrate, una volta all’anno, un’autocertificazione seguendo le istruzioni che abbiamo fornito qua.

La stessa autocertificazione deve essere inviata da chi ha intestato un contratto della luce, ma fa parte di un nucleo ove già uno dei membri paga il Canone Rai per essere anch’egli intestatario di un contratto di utenza elettrica.

In entrambi i casi, l’autocertificazione va inviata in un momento qualsiasi dal 1° luglio dell’anno precedente al 31 gennaio dell’anno rispetto al quale il canone si riferisce. Così, per esempio, se non si vuol pagare l’abbonamento Tv per il 2017, si dovrà inviare l’autocertificazione tra il 1° luglio 2016 e il 31 gennaio 2017.

 

Ma che succede a chi, inizialmente senza tv, decide invece di acquistarla in corso di anno? Anch’egli deve inviare l’autocertificazione, sempre secondo le medesime istruzioni. In tal caso, però, la dichiarazione avrà ad oggetto l’autodenuncia della detenzione dell’apparecchio televisivo e, quindi, implicherà automaticamente il pagamento del Canone Rai a partire dai mesi successivi a quello dell’invio. Il chiarimento, in merito, è stato fornito dalla stessa Agenzia delle Entrate il 14 aprile 2016 con alcune risposte a domande frequenti pubblicate sul proprio sito.

 

Quindi, se un contribuente ha già compilato e inoltrato all’Agenzia delle Entrate l’autodichiarazione per non pagare l’imposta sulla televisione, in quanto non detentore di alcun apparecchio, e successivamente viene in possesso di una tv, dovrà presentarne una nuova, compilando la sezione “dichiarazione di variazione dei presupposti” contenuta nel quadro A. Questa dichiarazione comporterà l’addebito del canone dal mese in cui sarà presentata.

 

 

Per chi va a vivere da solo

Per chi invece non ha mai pagato il canone Rai perché è sempre restato all’interno della famiglia di origine (nucleo familiare del padre) e decide di rendersi indipendente, andando a vivere da solo, il Canone Rai verrà addebitato automaticamente all’atto della conclusione del contratto con la compagnia elettrica e non ci sarà bisogno di inviare alcuna autocertificazione, poiché varrà già quanto fatto con l’intestazione della bolletta della luce.

Viceversa se lo stesso soggetto, andando a vivere da solo, attivi un contratto della luce, ma non ha intenzione di acquistare la televisione, dovrà inviare l’autocertificazione di non possesso della tv. Ma attenzione, lo dovrà fare in tempi assai risicati, ossia entro la fine del mese successivo alla data di attivazione della fornitura. La dichiarazione presentata successivamente ha effetto secondo i termini previsti per le utenze elettriche non nuove.


 


richiedi consulenza ai nostri professionisti

 


Download PDF SCARICA PDF
 
 
Commenti