Mantenimento a moglie e figli anche da disoccupati o con pochi soldi
Lo sai che?
17 Apr 2016
 
L'autore
Redazione
 


Leggi tutti gli articoli dell'autore
 

Mantenimento a moglie e figli anche da disoccupati o con pochi soldi

Reato di violazione degli obblighi di assistenza famigliare anche per chi è in una situazione economica precaria.

 

Non basta la perdita del lavoro e una condizione economica precaria per liberare il coniuge dal pagamento dell’assegno di mantenimento mensile in favore dell’ex e dei figli: la condotta resta punita come reato, perché in questo modo si violano gli obblighi di assistenza familiare, facendo mancare alla prole e al coniuge economicamente più debole i mezzi di sussistenza. È quanto ricorda la Cassazione con una sentenza recente [1].

 

Il semplice stato di disoccupazione non basta per evitare la condanna. Per difendersi, il coniuge obbligato a versare il mantenimento non può limitarsi a dimostrare di aver perso il lavoro per ragioni indipendenti dalla propria volontà o colpa. Egli deve provare qualcosa in più, ossia che la situazione di impossibilità economica si sia protratta a lungo e, soprattutto, che in questo arco di tempo egli si sia dato animo di cercare nuove occupazioni e non sia invece rimasto “in panciolle”.

 

Inoltre, l’incapacità economica deve essere “assoluta”, il che non ricorrerebbe per esempio nell’ipotesi in cui l’uomo, pur perdendo il lavoro, ha comunque un conto in banca o può disporre di altri redditi percepiti in diverso modo.

 

Tutti questi concetti vengono espressi e sintetizzati dalla Suprema Corte con questa massima: per evitare il reato di “violazione degli obblighi di assistenza familiare” è necessario che l’impossibilità economica del coniuge obbligato al mantenimento dipenda da una situazione di assoluta, persistente, oggettiva e incolpevole indisponibilità di introiti.

 

Possiamo così spiegare i quattro aggettivi usati dai giudici:

 

  • assoluta: come detto, l’imputato non deve avere possibilità di provvedere al mantenimento attingendo da altri redditi. In buona sostanza il suo conto corrente deve essere completamente “a secco”, né deve avere la possibilità di recuperare i soldi in altro modo;
  • persistente: non deve trattarsi di un periodo transitorio e breve. Così, il coniuge che resti disoccupato solo per qualche mese, ma dopo trovi lavoro, non può scusarsi per il mancato versamento del mantenimento per detta forbice di tempo adducendo di essere stato senza lavoro;
  • oggettivo: l’incapacità economica deve essere obiettiva, ossia tale per qualsiasi persona. Così, un soggetto abituato a un tenore di vita molto elevato, guadagnando diverse migliaia di euro al mese, non potrebbe dire di essersi trovato in una impossibilità economica solo perché il suo reddito è sceso notevolmente al di sotto delle sue aspettative, ma comunque nella media di una persona dal tenore di vita medio-basso;
  • incolpevole: il licenziamento non deve essere stato determinato da una colpa o, peggio, dalla volontà del lavoratore. Per cui non rileva il caso delle dimissioni.

La sentenza

Corte di Cassazione, sez. VI Penale, sentenza 16 marzo – 12 aprile 2016, n. 15432

Presidente Ippolito – Relatore Gianesini

Ritenuto in fatto

II difensore di S.G. ha proposto ricorso per Cassazione contro la sentenza 11 gennaio 2016 con la quale la Corte di Appello di PALERMO, in parziale riforma della sentenza di primo grado, ha assolto l’imputato limitatamente alla condotta realizzata fino al marzo 2007 riducendo conseguentemente la pena inflitta e confermando per il resto la sentenza di primo grado con condanna al risarcimento del danno.

1.1 II G. è accusato dei reato di cui all’art. 570 cod. pen. per aver fatto mancare i mezzi di sussistenza alle figlie minori omettendo di versare la somma di 230.000,00 euro mensili alla moglie, come disposto dal Tribunale di Termini Imerese.

II difensore ha dedotto due motivi di ricorso.

2.1 Con il primo motivo, il ricorrente ha lamentato che la Corte territoriale non avesse valorizzato, omettendo quindi la doverosa motivazione sul punto, gli elementi a discolpa dell’imputato che era in realtà disoccupato, come era stato dimostrato documentalmente, e che non poteva quindi adempiere ai suoi obblighi di versamento; non era quindi stato dimostrato da parte del Giudice di appello l’elemento soggettivo dei reato, tanto più che il G., quando aveva

Mostra tutto

[1] Cass. sent. n. 15432/2016 del 12.04.2016.

 

Autore immagine: pixabay. com

 


richiedi consulenza ai nostri professionisti

 


Download PDF SCARICA PDF
 
 
Commenti