Se ho due Cud sono obbligato a presentare il 730?
Lo sai che?
18 Apr 2016
 
L'autore
Noemi Secci
 


Leggi tutti gli articoli dell'autore
 

Se ho due Cud sono obbligato a presentare il 730?

Dichiarazione dei redditi e presenza di più rapporti di lavoro: il lavoratore è obbligato a presentare il modello?

 

Ho svolto due lavori a tempo determinato e le aziende mi hanno dato due Cud: devo per forza fare il 730?

 

I dipendenti che durante l’anno di imposta hanno avuto più contratti di lavoro sono solitamente obbligati a presentare la dichiarazione dei redditi (tramite modello 730 o modello Unico), in quanto raramente l’ultimo sostituto d’imposta, cioè l’ultimo datore di lavoro che ha erogato lo stipendio, effettua il conguaglio.

Il datore di lavoro che effettua il conguaglio di fine anno (solitamente nel mese di dicembre) dovrebbe difatti, su richiesta del dipendente, considerare anche i redditi percepiti dai precedenti datori: in questo caso il lavoratore non ha l’obbligo di presentare il 730. Il discorso cambia, però, se il dipendente percepisce altri redditi oltre quelli da lavoro subordinato: ad esempio in quanto ha percepito un canone di locazione o un compenso da lavoro autonomo occasionale. In queste ipotesi, per capire se il lavoratore è esonerato dalla presentazione della dichiarazione, bisogna aver riguardo all’imposta risultante ed alla soglia di reddito.

Vediamo, per capire meglio, tutti i casi in cui il lavoratore è esonerato dalla presentazione del 730.

 

 

Imposta inferiore a 10,33 euro

In primo luogo, il lavoratore è esonerato dalla presentazione del 730 o del modello Unico se l’imposta dovuta è inferiore a 10,33 euro: l’importo deve essere calcolato sottraendo all’imposta lorda le detrazioni (per carichi di famiglia, per redditi di lavoro dipendente, pensione o altri redditi) e le ritenute effettuate. Non è dunque sufficiente riferirsi al solo importo dovuto a saldo.

 

 

Redditi esonerati

Il lavoratore è esonerato dalla presentazione del 730 o del modello Unico, inoltre, se nell’anno ha percepito soltanto i seguenti redditi:

 

redditi esenti, come le pensioni sociali e le pensioni di guerra;

– redditi assoggettati ad imposta sostitutiva (esclusi quelli soggetti a cedolare secca) o a ritenuta alla fonte a titolo d’imposta (come gli interessi sui conti correnti);

– redditi derivanti dal possesso dell’abitazione principale (non di lusso) e delle relative pertinenze;

– redditi derivanti dal possesso di altri fabbricati non locati, situati in un comune diverso da quello dell’abitazione principale;

TFR erogato dal datore di lavoro.

 

 

Redditi da lavoro dipendente e assimilati

Il lavoratore può non presentare il 730 se ricorre una delle seguenti condizioni:

 

– possiede un solo reddito da lavoro dipendente o assimilato (co.co.co., tirocini, borse di studio, disoccupazione), se corrisposto da un unico datore di lavoro/sostituto d’imposta obbligato ad effettuare le ritenute; le detrazioni eventualmente fruite per i familiari a carico devono essere spettanti e non devono essere dovute addizionale regionale e addizionali comunali;

 

-possiede più redditi da lavoro dipendente e assimilati, se l’ultimo sostituto d’imposta ne ha effettuato il conguaglio; le detrazioni eventualmente fruite per i familiari a carico devono essere spettanti e non devono essere dovute addizionale regionale e addizionali comunali;

 

– possiede uno o più redditi da lavoro dipendente e assimilati (con le condizioni appena esposte) e i redditi da abitazione principale non di lusso, relative pertinenze e altri fabbricati non affittati situati in un comune diverso da quello dell’abitazione principale;

 

– possiede uno o più redditi da lavoro dipendente e assimilati(con le condizioni appena esposte) e altri redditi, se il reddito complessivo non supera  8.000 euro (al netto dell’abitazione principale e delle relative pertinenze) ed il periodo di lavoro non è inferiore a 365 giorni;

 

– possiede uno o più redditi da lavoro dipendente e assimilati(con le condizioni appena esposte) e altri redditi per i quali la detrazione prevista non è rapportata al periodo di lavoro (come avviene per il lavoro autonomo occasionale): in questo caso il reddito complessivo non deve superare  4.800 euro.

 

 

Lavoro dipendente e pensione

Se il lavoratore possiede uno o più redditi da lavoro dipendente assieme a redditi di pensione (alle condizioni già esposte: conguaglio effettuato, detrazioni per carichi di famiglia effettivamente spettanti, nessuna addizionale dovuta), è esonerato dalla presentazione del 730 se:

 

– il reddito complessivo non supera 7.500 euro se l’età del lavoratore è inferiore a 75 anni (dal 2016 la soglia è di 7.750 euro);

– il reddito complessivo non supera 7.750 euro se l’età del lavoratore è pari o superiore a 75 anni (dal 2016 la soglia è di 8.000 euro);

– il periodo di pensione non è inferiore a 365 giorni.

 

 

Lavoro dipendente e assegno corrisposto dal coniuge

Se il lavoratore possiede uno o più redditi da lavoro dipendente (alle condizioni già esposte: conguaglio effettuato, detrazioni per carichi di famiglia effettivamente spettanti, nessuna addizionale dovuta), assieme al reddito derivante dagli assegni corrisposti periodicamente dal coniuge, è esonerato dalla presentazione del 730 se il reddito complessivo non supera 7.500 euro.

 

 

Attività sportiva dilettantistica

Se il contribuente possiede soltanto compensi derivanti da attività sportive dilettantistiche, non deve presentare il 730 se il reddito complessivo non supera 28.158,28 euro.


 


richiedi consulenza ai nostri professionisti

 
 
Commenti