Pensioni Inps, spedita la busta arancione
News
20 Apr 2016
 
L'autore
Noemi Secci
 


Leggi tutti gli articoli dell'autore
 

Pensioni Inps, spedita la busta arancione

Arriveranno entro la prossima settimana in tutta Italia le buste arancioni contenenti il calcolo della pensione.

 

Stanno per arrivare nelle case degli italiani le famose buste arancioni, cioè le lettere dell’Istituto contenenti il calcolo della futura pensione. L’operazione, finalizzata ad una maggiore informazione e trasparenza in ambito previdenziale,  riguarda ben 7 milioni di lavoratori privati, oltre a 1 milione e mezzo di dipendenti pubblici: si tratta dei lavoratori che non hanno accesso ai servizi online dell’Inps o al portale Noipa perché privi di credenziali.

 

 

Come funziona la mia pensione

La busta arancione non è una novità assoluta, ma esiste già da tempo come servizio online: accedendo al sito dell’Inps con il proprio pin e la propria password, oppure con l’identità unica Spid, oltre a visualizzare il proprio estratto conto previdenziale (contenente i contributi versati nelle varie gestioni dell’Istituto) si può utilizzare la funzione “La mia pensione”.

Attraverso la funzione “La mia pensione” è possibile ottenere un prospetto di calcolo della pensione futura  basato sui dati presenti nell’estratto conto: l’applicazione consente comunque di cambiare diversi dati nel calcolo, compresa la decorrenza della pensione.

Il servizio non è, però,  accessibile a chi possiede contributi in gestioni esterne all’Inps.

 

 

Come funziona la busta arancione

La busta arancione permette di ottenere il calcolo della pensione anche ai lavoratori che non hanno accesso al sito dell’Inps: i conteggi previdenziali, in questo caso, sono inviati in formato cartaceo.

Nel dettaglio, i prospetti con le proiezioni della futura pensione contenuti nella busta arancione sono basati sul presupposto che lo stipendio resti costante (con un aumento dell’1,5% annuo) e non ci siano variazioni nella carriera lavorativa.

I calcoli della pensione cartacei riguardano, per ora, i soli lavoratori dipendenti, mentre il corrispondente servizio online coinvolge gli appartenenti alle seguenti gestioni:

 

– Fondo Pensioni Lavoratori Dipendenti (anche domestici);

– Gestioni Speciali dei Lavoratori Autonomi (Artigiani e Commercianti, Coltivatori diretti, coloni e mezzadri, ex INPDAI);

Gestione separata.

 

Tra qualche mese si aggiungeranno alcuni fondi speciali, come quello del Ferrovieri.

 

 

Il calcolo della busta arancione è attendibile?

L’attendibilità della busta arancione ha destato forti perplessità nei maggiori esperti previdenziali, a causa della proiezione eccessivamente ottimistica, con uno stipendio costante ed una crescita annua pari all’1,5% del Pil. Già da oggi lo scenario è decisamente più negativo rispetto a quello dipinto dalla proiezione: una continuazione di questa fase di stallo potrebbe portare ad un’effettiva perdita anche di 400 euro rispetto alle pensioni calcolate dall’Inps.

Che infatti non garantisce niente e si guarda bene di parlare di calcolo certificato della pensione. È vero che nessuno è in possesso di una sfera magica in grado di fare proiezioni esatte dello scenario futuro, ma, per il cittadino, ricevere una proiezione con un certo carattere di ufficialità può trarre facilmente in inganno e alimentare aspettative non realistiche per il futuro.

 

 

Calcolo pensione dell’Inps: chi resta fuori

Il calcolo pensione dell’Inps, peraltro,  non copre tutte le ipotesi di trattamento: innanzitutto, considera i contributi versati in un solo fondo e non permette di calcolare la totalizzazione dei contributi  accreditati in più casse. Inoltre, la proiezione non considera i  periodi non ancora ricongiunti o gli anni di laurea non ancora riscattati, né calcola gli oneri di ricongiunzione o riscatto.

Impossibile anche calcolare la totalizzazione dei contributi versati all’estero ed il pro rata, così come non sono contemplate le eccezioni al regime generale: nessun calcolo e valutazione di convenienza per l’Opzione Donna, dunque, né per l’Opzione Contributiva Dini, o per il computo presso la Gestione Separata.

 


 


richiedi consulenza ai nostri professionisti

 


Download PDF SCARICA PDF
 
 
Commenti