Pensione di vecchiaia: quando si ottiene?
Le Guide
21 Mag 2016
 
L'autore
Noemi Secci
 


Leggi tutti gli articoli dell'autore
 

Pensione di vecchiaia: quando si ottiene?

Pensione di vecchiaia: requisiti di età e contribuzione, Deroga Amato con 15 anni di contributi, vecchiaia contributiva con 5 anni di contributi.

 

La Legge Fornero, che ha soppresso la pensione di anzianità, sostituendola con la pensione anticipata, ha lasciato in piedi la pensione di vecchiaia, ma ne ha notevolmente inasprito i requisiti.

L’Inps, difatti, può liquidare tale tipologia di trattamento, a partire dal 2016, solo se il pensionato ha compiuto:

 

66 anni e 7 mesi, se uomo o lavoratrice del settore pubblico;

66 anni e 1 mese, se lavoratrice autonoma;

65 anni e 7 mesi, se dipendente del settore privato.

 

I requisiti diverranno uguali per tutti a partire dal 2018, con un nuovo parametro universale fissato a 66 anni e 7 mesi, che aumenterà gradualmente nel tempo.

 

 

Pensione di vecchiaia con 15 anni di contributi

I contributi necessari per raggiungere il trattamento di vecchiaia sono pari a 20 anni, cioè a 1040 settimane.

Il requisito è però più basso, pari a 15 anni (780 settimane) per chi possiede almeno:

 

15 anni di contributi versati prima del 31 dicembre 1992 (sono validi tutti i contributi, anche da riscatto, ricongiunzione, volontari e figurativi);

 

15 anni effettivi di contribuzione da lavoro dipendente, 25 anni di anzianità contributiva (cioè il primo contributo deve essere stato versato almeno 25 anni fa), e 10 anni lavorati discontinuamente (cioè, per 10 anni, devono risultare lavorate meno di 52 settimane all’anno).

 

Può pensionarsi con 15 anni di contributi anche chi è stato autorizzato al versamento dei contributi volontari prima del 31 dicembre 1992, a prescindere dagli effettivi accrediti di contribuzione volontaria.

 

 

Pensione di vecchiaia con 5 anni di contributi

I contribuenti con calcolo interamente contributivo del trattamento (chi non possiede contribuzione al 1° gennaio 1996, chi opta per il calcolo contributivo o per il computo nella Gestione Separata) possono pensionarsi con soli 5 anni di contributi, a 70 anni e 7 mesi.

Il requisito aumenta nel tempo nella seguente misura:

 

– nel triennio 2016-2018, l’età pensionabile è pari a 70 anni e 7 mesi;

 

– nel 2019-2020, a 70 anni e 11 mesi;

 

– nel 2021-2022, a 71 anni e 2 mesi.

 

I requisiti continuano, poi, ad aumentare di 3 mesi ogni biennio, e di 2 mesi ogni biennio dal 2029.

 

 

Pensione di vecchiaia: requisito di età

I requisiti di età, per la pensione di vecchiaia “ordinaria”, aumenteranno nel tempo nella seguente misura:

 

2018: 66 anni e 7 mesi per tutti

2019: 66 e 11 mesi;

2020: 66 e 11 mesi;

2021: 67 e 2 mesi;

2022: 67 e 2 mesi;

2023: 67 e 5 mesi;

2024: 67 e 5 mesi;

2025: 67 e 8 mesi;

2026: 67 e 8 mesi;

2027: 67 e 11 mesi;

2028: 67 e 11 mesi;

2029: 68 e 1 mese;

2030: 68 e 1 mese;

2031: 68 e 3 mesi;

2032: 68 e 3 mesi;

2033: 68 e 5 mesi;

2034: 68 e 5 mesi;

2035: 68 e 7 mesi;

2036: 68 e 7 mesi;

2037: 68 e 9 mesi;

2038: 68 e 9 mesi;

2039: 68 e 11 mesi ;

2040: 68 e 11 mesi;

2041: 69 e 1 mese;

2042: 69 e 1 mese;

2043: 69 e 3 mesi;

2044: 69 e 3 mesi;

2045: 69 e 5 mesi.

 

I requisiti, successivamente a tale data, aumenteranno sempre di 2 mesi ogni biennio.

 

 

Pensione di vecchiaia: ammontare dell’assegno

L’assegno di pensione è calcolato:

 

– col metodo retributivo sino al 31 dicembre 2011, poi col contributivo, per chi possiede oltre 18 anni di contributi al 31 dicembre 1995;

– col metodo retributivo sino al 31 dicembre 1995, poi col contributivo (ossia col metodo misto), per chi possiede meno 18 anni di contributi al 31 dicembre 1995;

– col metodo interamente contributivo, per chi non possiede contributi al 31 dicembre 1995, per chi opta per il metodo contributivo o per chi effettua il computo nella gestione separata.

 

Per potersi pensionare, l’assegno calcolato deve essere pari almeno a 1,5 volte l’assegno sociale, cioè a 672,11 euro (448,07 x 1,5). Non può dunque ottenere il trattamento chi possiede un assegno inferiore a tale soglia.


Autore immagine: 123rf com

 


richiedi consulenza ai nostri professionisti

 
 
Commenti