Se l’azienda è insolvente il Tfr lo paga l’Inps
Lo sai che?
21 Apr 2016
 
L'autore
Redazione
 


Leggi tutti gli articoli dell'autore
 

Se l’azienda è insolvente il Tfr lo paga l’Inps

Non c’è bisogno che il datore di lavoro sia soggetto a fallimento per ottenere il pagamento del TFR dal fondo di garanzia dell’Inps.

 

Buone notizie per chi non è riuscito ad ottenere, con le buone, il TFR dall’azienda datrice di lavoro: a pagare tutti coloro che hanno tentato un pignoramento e che sono rimasti a mani vuote è il Fondo di Garanzia dell’Inps. A renderlo noto è una sentenza della Cassazione depositata qualche ora fa [1].

 

 

Il TFR se l’azienda fallisce

La regola generale vuole che, in caso di fallimento dell’azienda, le ultime tre mensilità dello stipendio e il TFR siano pagati, ai dipendenti, dal Fondo speciale istituito presso l’Inps. Per ottenere tali importi, però, i dipendenti devono prima assicurarsi che il datore di lavoro sia stato dichiarato fallito, poi devono insinuarsi alla procedura ed essere ammessi, infine è necessario che lo stato passivo venga dichiarato esecutivo (per chi non è esperto di aule giudiziali, si tratta di una fase del procedimento fallimentare volta a “contare” e ad “accertare” i crediti che l’azienda, prima del fallimento, non ha pagato). Fatto ciò, il dipendente può presentare una domanda all’Inps (secondo il modulo scaricabile dal sito dell’Inps e previamente firmata dal curatore fallimentare).

 

 

Il TFR se l’azienda non fallisce

Non tutte le aziende però falliscono. Questo perché la legge ha fissato determinati requisiti per poter essere sottoposti a tale procedura (requisiti come, ad esempio, l’aver maturato un debito uguale o superiore a 500.000 euro, un attivo patrimoniale pari ad almeno 300.000 euro e ricavi lordi di almeno 200.000).

 

Se l’azienda non rientra in tali soglie, non può essere dichiarata mai fallita. Ma questo non significa che i dipendenti perderanno il loro TFR. Il Fondo di Garanzia – sottolinea la Suprema Corte – opera ugualmente ma a due condizioni:

 

  • il lavoratore deve aver agito contro l’azienda procurandosi una sentenza definitiva o un decreto ingiuntivo non opposto e, quindi, ormai irrevocabile (è il cosiddetto titolo esecutivo);

 

  • il patrimonio dell’azienda deve essere insufficiente a consentire la soddisfazione dei lavoratori: il che significa che il dipendente deve aver tentato un pignoramento e che questo sia stato negativo per non aver l’ufficiale giudiziario trovato beni da asportare o da “bloccare” con la procedura esecutiva (ciò viene documentato nell’atto di pignoramento negativo).

 

Lo stesso discorso vale nel caso in cui, pur presentando l’azienda i requisiti per fallire, l’istanza di fallimento venga rigettata perché l’impresa è ormai chiusa da oltre un anno o in caso di immediata estinzione del fallimento per insufficienza dell’attivo (anche in questo caso, non essendo stata effettuata la verifica dello stato passivo, è necessario che il lavoratore si munisca di sentenza di condanna o decreto ingiuntivo).

 

È chiaro che il lavoratore che voglia procedere in tal senso ha sempre la necessità di farsi assistere da un avvocato. I tempi potrebbero allungarsi se l’azienda è ormai chiusa e le notifiche vengono fatte con deposito alla Casa comunale (potrebbe essere necessario anche un anno).


[1] Cass. sent. n. 8072/2016 del 21.04.16.

 

Autore immagine: 123rf com

 


richiedi consulenza ai nostri professionisti

 


Download PDF SCARICA PDF
 
 
 
Commenti
14 Set 2016 Maracchioni Graziella

Nel caso di un Ente pubblico (Croce Rossa Italiana) che non paga il TFR perchè non ci sono i fondi in cassa e la banca tesoriera non anticipa più perchè è stato largamente splafonato i fido, vale lo stesso criterio ? Il tutto ovviamente dopo aver esperito i tentativi previsti.