La rinuncia all’eredità
Professionisti
29 Apr 2016
 
L'autore
Edizioni Simone
 


Leggi tutti gli articoli dell'autore
 

La rinuncia all’eredità

Caratteristiche e modalità della rinuncia all’eredità.

 

La rinunzia all’eredità è un negozio unilaterale tra vivi, non recettizio, con il quale il chiamato dichiara di non voler acquistare l’eredità. È un vero e proprio atto dismissivo che ha per oggetto il diritto di accettare l’eredità.

Con quest’atto egli fa cessare gli effetti della delazione verificatasi nei suoi confronti a seguito dell’apertura della successione e rimane, pertanto, completamente estraneo alla stessa, con la conseguenza che nessun creditore potrà rivolgersi a lui per il pagamento di debiti ereditari, né egli potrà esercitare alcuna azione ereditaria o acquisire alcun bene dell’asse.

 

Per ciò che concerne caratteri e forma si ricordi che:

 

– la rinunzia può farsi validamente solo in un momento successivo all’apertura della successione, stante il limite dell’art. 458 c.c. (v. ante) sul divieto dei patti successori;

 

– la rinunzia è atto solenne e, come tale, deve risultare da una dichiarazione resa dal chiamato (o da un suo rappresentante) ad un notaio o al cancelliere del Tribunale territorialmente competente ed inserita nel registro delle successioni;

 

– la rinunzia è actus legitimus: è, cioè, invalida se fatta sotto condizione o a termine (art. 520 c.c.);

 

– la rinunzia non può essere parziale;

 

– è negozio limitatamente revocabile.

 

La rinunzia è revocabile, purché:

 

– non sia decorso il termine di prescrizione del diritto (10 anni, ex art. 480 c.c.);

 

– non vi sia stata accettazione da parte di altri eredi.

 

agente-immobiliare


 


richiedi consulenza ai nostri professionisti

 


Download PDF SCARICA PDF
 
 
Commenti