Parcheggiare sulla proprietà del vicino fa scattare l’usucapione
Lo sai che?
26 Apr 2016
 
L'autore
Redazione
 


Leggi tutti gli articoli dell'autore
 

Parcheggiare sulla proprietà del vicino fa scattare l’usucapione

Chi lascia l’auto sul parcheggio condominiale del palazzo vicino e lo fa per 20 anni ne diventa proprietario attraverso l’usucapione.

 

Si può diventare proprietari di un’area altrui destinata a parcheggio tramite usucapione: chi infatti utilizza tale spazio per oltre 20 anni comportandosi come se fosse il proprietario (ad esempio, lasciandovi la propria auto e impedendo l’accesso ad altri con sbarre o lucchetti) diventa, anche per la legge, effettivo titolare dell’immobile. Lo ricorda la Cassazione con una recente sentenza [1].

 

 

Una cosa è la proprietà, un’altra il diritto di servitù

Attualmente è possibile la vendita di uno spazio su cui grava il vincolo pubblicistico della destinazione a parcheggio. Infatti il diritto d’uso che spetta ai proprietari degli appartamenti, in ragione dei metri quadri acquistati dalla ditta costruttrice, non impedisce che la nuda proprietà dell’area spetti ad altri soggetti.

Pertanto, chiarisce la Cassazione, se è possibile la cessione a terzi dell’area adibita a parcheggio condominiale, ben è possibile anche l’usucapione di tale spazio. La proprietà di quest’ultima, infatti, ben può circolare indipendentemente dal diritto d’uso dei condomini.

 

In un precedente articolo avevamo chiarito “Come diventare proprietari di un posto auto con l’usucapione”: nel 2014, infatti, la Cassazione aveva offerto su un piatto d’argento l’indicazione di quali comportamenti tenere per rivendicare l’usucapione della proprietà.

 

La servitù di parcheggio, invece, non può mai essere usucapita in quanto essa nasce come utilità che un fondo arreca a un altro fondo, mentre il posto auto costituisce l’utilità di un fondo in favore di una persona (il proprietario dell’auto). Leggi “Non tutelabile il parcheggio auto su area condominiale”.

 

 

 

Il tempo per l’usucapione

Infine, va anche ricordato come secondo la Cassazione il possesso utile ai fini di usucapione (pari a 20 anni) decorre in danno del proprietario «dal momento dell’atto di acquisto, essendo soltanto a far tempo da esso possibile considerare distintamente il diritto dominicale (trasferito) e quello al parcheggio non trasferito nell’area destinata a parcheggio».


La sentenza

Corte di Cassazione, sez. II Civile, sentenza 8 marzo – 22 aprile 2016, n. 8220
Presidente Matera – Relatore Scarpa

Svolgimento del processo
Con citazione notificata il 27 dicembre 1993, C.F. , (+ Altri). Gli attori assumevano di aver acquistato dalla costruttrice S.r.l. Edilizia Egeria i loro rispettivi appartamenti in un complesso di tre edifici, siti in (…) ed aventi accesso da Via (omissis), da Via (omissis), e da Via (omissis) ; e che la S.r.l. Edilizia Egeria, in violazione dei cinque patti d’obbligo presentati al Comune per ottenere la licenza edilizia, non aveva destinato a parcheggio l’area di mq. 6.354,90, sottostante gli edifici e i cortili, avendo in detto spazio costruito posti auto, box e sottonegozi alienati a condomini degli edifici stessi. Aggiungevano gli attori che contro la S.r.l. Edilizia Egeria essi avevano iniziato altro giudizio, in esito al quale la Corte di Appello di Roma, con la sentenza n. 388/1992, aveva accertato il loro diritto reale all’uso dell’area destinata a parcheggio e condannato la S.r.l. Edilizia Egeria al rilascio della stessa. Poiché, nonostante le numerose richieste inoltrate agli attuali possessori, non era stato possibile ottenerne la consegna dell’area, la citazione era volta, in attuazione della citata sentenza, a conseguire la condanna dei convenuti al

Mostra tutto

[1] Cass. sent. n. 8220/16 del 22.04.2016.

 

Autore immagine: pixabay.com

 


richiedi consulenza ai nostri professionisti

 
 
Commenti
27 Apr 2016 Nadine corna

E per quanto riguarda una casa in cui da più di 30 anni si vive senza essere divisa con gli altri fratelli ma di cui si ha una minima parte in eredità?
Mai pagato affitto ma sempre rimasto lì. Ora un fratello fa storie per la sua parte volendo venderla a prezzo esagerato ma io non ho diritto a questo punto a usucapione anche essendo solo in parte proprietario visto eredità di mio padre più di 50 anni fa e usufrutto di mia madre?
Grazie