Multa se lasci acceso il motore per l’aria condizionata
Lo sai che?
27 Apr 2016
 
L'autore
Redazione
 


Leggi tutti gli articoli dell'autore
 

Multa se lasci acceso il motore per l’aria condizionata

Se l’auto è in sosta, il motore non può rimanere acceso solo per tenere in funzione il climatizzatore con l’aria calda o condizionata.

 

Arriva l’estate ed è tempo di rispolverare una norma del codice della strada da molti ignorata: quando l’auto è in sosta non si può lasciare acceso il motore solo allo scopo di mantenere in funzione l’aria condizionata o l’impianto di riscaldamento. A stabilirlo, in modo chiaro e netto, è un articolo del codice della strada [1].

Chi viola tale norma può essere multato con una sanzione che va da un minimo di 216 euro a un massimo di 432 euro. Mica poco se si considerano certe zone d’Italia dove la temperatura, anche all’ombra, può sfiorare i 40 gradi nel periodo estivo.

 

Puntualmente ignorata dagli automobilisti, con il tacito benestare dei vigili – evidentemente sino ad oggi disposti a chiudere un occhio dinanzi a tale illecito – la norma però non scusa l’ignoranza né prevede alcun tipo di eccezione: sicché è inutile giustificarsi sostenendo che si tratterebbe di una sosta di pochi minuti, magari necessaria per attendere l’arrivo di un passeggero. Il solo fatto di avere l’auto ferma in sosta, anche se momentanea, impone la chiusura del climatizzatore.

 

La disposizione inserita nel codice della strada ha una portata più ampia di quello che potrebbe apparire a prima lettura: non si riferisce, infatti, solo all’impianto dell’aria condizionata, ma al climatizzatore; dunque lo stesso divieto vale tanto in estate, quanto in inverno per chi lascia il motore acceso al solo fine di riscaldarsi.

 

Di questo illecito si parla poco e i repertori di giurisprudenza non segnalano un ampio contenzioso, segno che non si tratta di una delle condotte più contestate ai conducenti (e non certo per merito di questi ultimi). In ogni caso, è anche vero che la norma è relativamente giovane: inserita nel 2007 con decreto legge [2], la sua finalità è quella di ridurre le emissioni dei gas di scarico, nocive per la salute. Gas che, ovviamente, vengono prodotti anche se l’auto è ferma, purché il motore si acceso.


[1] Art. 157 co. 7-bis cod. str.

[2] D.l. n. 117/2007 convertito in legge n. 160/2007, successivamente modificato dalla legge n. 120/2010.

 

Autore immagine: pixabay.com 

 


richiedi consulenza ai nostri professionisti

 
 
Commenti