Il garage paga la Cosap o la Tosap
Lo sai che?
29 Apr 2016
 
L'autore
Redazione
 


Leggi tutti gli articoli dell'autore
 

Il garage paga la Cosap o la Tosap

Il proprietario di un garage al piano terra con rampa di accesso sul fronte strada realizzato sul marciapiede e di pertinenza dell’appartamento stesso ubicato al 1° piano, è tenuto al pagamento della COSAP?

 

Tutte le occupazioni permanenti (ma anche solo temporanee) relative al suolo pubblico appartenente al demanio ed al patrimonio indisponibile degli Enti locali (come, ad esempio la realizzazione di un passo carraio) sono soggette, in alternativa, al Canone per l’Occupazione del Suolo e delle Aree pubbliche (COSAP”) o alla Tassa per l’Occupazione del Suolo e delle Aree Pubbliche (TOSAP). Sia la COSAP che la TOSAP possono essere istituite da parte dell’Amministrazione provinciale o da quella comunale. In ogni caso il tributo deve essere quantificato sulla base delle tariffe contenute nel relativo regolamento, approvato con deliberazione del Consiglio Comunale o Provinciale. Sono anche soggette alla COSAP (ed alla TOSAP) le occupazioni permanenti e temporanee degli spazi soprastanti e sottostanti il suolo pubblico, effettuate con manufatti di qualunque genere, compresi i cavi, le condutture e gli impianti, nonché le occupazioni di aree private sulle quali si sia costituita nei modi di legge la servitù di uso pubblico.

 

Il Ministero delle Finanze ha chiarito con circolare del 1998 [1] la natura patrimoniale del canone stesso. Presupposto impositivo del canone (o della tassa) di occupazione di spazi ed aree è la sottrazione delle aree e degli spazi pubblici all’uso indiscriminato esercitabile da parte della collettività per il vantaggio specifico di singoli soggetti e l’occupazione di aree private soggette a servitù di pubblico passaggio. Il canone (così come la tassa) è dovuto dal titolare dell’atto di concessione o dall’occupante (anche nel caso in cui risulti essere abusivo) in proporzione della superficie sottratta all’uso pubblico per le occupazioni effettuate nelle strade, aree e comunque sui beni appartenenti al demanio o al patrimonio indisponibile della Provincia [2].

 

 

La risposta è tratta dall’ebook:

CASA, FISCO, RISTRUTTURAZIONI – GLI EBOOK PRATICI DI LLpT

Le risposte ai casi pratici in materia di edilizia, dalla A alla Z

Per acquistarlo al costo di 8 euro, clicca qui


[1] Min. Finanze circolare n. 256 del 3.11.1998.

[2] Art. 63 D.lgs. n. 446/1997.

 

Autore immagine: Pixabay.com

 


richiedi consulenza ai nostri professionisti

 


Download PDF SCARICA PDF
 
 
Commenti