Rubare per fame non è reato
Lo sai che?
2 Mag 2016
 
L'autore
Redazione
 


Leggi tutti gli articoli dell'autore
 

Rubare per fame non è reato

Stato di necessità per chi, anche se recidivo, ruba i generi alimentari dal supermercato.

 

Tempi duri e i giudici si ammorbidiscono: non è più reato rubare per necessità. Una provocazione? Tutt’altro. A scrivere queste parole è niente poco di meno che la Cassazione [1], la quale, con una sentenza di pochi minuti fa, ha di fatto “depenalizzato” il furto di alimenti di modico valore.

 

 

La vicenda

Nel caso di specie l’imputato, un cittadino extracomunitario, senza casa e senza lavoro, si era appropriato di generi alimentari del valore di 4 euro trafugandoli dallo scaffale di un supermarket e infilandoli nella tasca.

Il cittadino straniero si era presentato alla cassa di un supermercato presentando solo un pacco di grissini, ma nella giacca aveva nascosto due porzioni di formaggio e una confezione di wurstel, notati da un altro cliente.

 

 

Rubare per necessità non è reato

Non scatta la condanna penale per chi viene pescato a rubare per necessità, anche se il reo è recidivo e ha già commesso il fatto più volte: opera infatti la cosiddetta “causa di giustificazione” prevista dal codice penale [2]. In particolare, la legge stabilisce che “non è punibile chi ha commesso il fatto per esservi stato costretto dalla necessità di salvare sé o altri dal pericolo attuale di un danno grave alla persona, pericolo da lui non volontariamente causato, né altrimenti evitabile”. In ogni caso, è necessario che il fatto sia proporzionato al pericolo.

 

Mentre nel caso di legittima difesa si reagisce contro un aggressore che minaccia di offendere un nostro diritto, nell’ipotesi dello stato di necessità si agisce per sottrarsi al pericolo di un danno grave alla persona. In tal caso, poi, l’azione difensiva non ricade sull’aggressore, ma su un terzo estraneo (nel nostro caso, il proprietario del supermercato che subisce il furto).

 

Ebbene, secondo la Cassazione, un furto scaturito per far fronte ad un’immediata ed imprescindibile esigenza di alimentarsi agendo quindi in stato di necessità non commette reato. Resta sempre la possibilità, in via civilistica, di ottenere indietro la cosa rubata o il risarcimento del danno (circostanza, tuttavia, che, per oggetti di scarso valore diventa più teorica che effettiva).

 

Sul punto, comunque, già nel 2008 erano intervenute le Sezioni Unite della stessa Cassazione a ribadire lo stesso principio: chi ruba per necessità – e quindi il richiamo implicito non può che essere ai generi alimentari – non può essere condannato [3].

 

Un tipico caso di stato di necessità a cui più volte i condannati si sono appellati è quello della crisi abitativa che ha reso necessaria l’occupazione abusiva di un immobile vuoto dell’Istituto autonomo case popolari (a riguardo, però, la giurisprudenza maggioritaria non è concorde nel riconoscere lo stato di necessità).


La sentenza

Corte di Cassazione, sez. V Penale, sentenza 7 gennaio – 2 maggio 2016, n. 18248
Presidente Fumo – Relatore Morelli

Ritenuto in fatto

Con la sentenza impugnata, la Corte d’Appello di Genova ha confermato la sentenza del Tribunale di Genova dei 24.10.13 che condannava alla pena di giustizia, previa concessione dell’attenuante di cui all’art.62 n°4 c.p. con giudizio di equivalenza sulla recidiva, O.R., ritenuto responsabile di furto.
Propone ricorso il Procuratore Generale deducendo violazione di legge in ordine alla qualificazione giuridica dei fatto e difetto di motivazione in ordine alla prospettata derubricazione dei reato consumato in reato tentato ed alla applicazione della previsione di cui all’art.131 bis c.p.
Si sostiene che la Corte d’Appello non avrebbe valutato la possibilità di ritenere configurabile la fattispecie di cui all’art.626 n°2 c.p. (considerato che l’imputato, persona straniera senza fissa dimora, si era impossessato di generi alimentari del valore di 4 euro) e, in ogni caso, l’ipotesi tentata, dal momento che l’imputato era stato notato da un cliente mentre si impossessava della merce ed era stato immediatamente segnalato al personale che l’aveva bloccato, ottenendo la pronta restituzione dei beni.
II

Mostra tutto
 


richiedi consulenza ai nostri professionisti

 
 
Commenti