Canone Rai, l’autocertificazione si può inviare anche con PEC
News
7 Mag 2016
 
L'autore
Redazione
 


Leggi tutti gli articoli dell'autore
 

Canone Rai, l’autocertificazione si può inviare anche con PEC

Anche la posta elettronica certificata tra le modalità per l’invio della dichiarazione sostitutiva per la non detenzione della televisione.

 

Canone Rai: chi non possiede la televisione e dovrà inviare all’Agenzia delle Entrate il modello di autocertificazione annuale potrà farlo anche tramite PEC; l’utilizzo della posta elettronica certificata rientra, infatti, tra le modalità di invio della dichiarazione sostitutiva consentite dal fisco. A chiarirlo è stata la stessa Agenzia delle Entrate, con un comunicato apparso ieri sul proprio sito e inserito nella sezione delle FAQ.

 

Come noto, l’invio dell’autocertificazione – da effettuarsi necessariamente una volta all’anno – consente a chi non possiede una televisione di evitare l’addebito del canone Rai sulla bolletta della luce.

A inviare il modello è tenuto anche il familiare intestatario di un contratto della luce se, all’interno dello stesso nucleo familiare, vi è già un altro soggetto che paga il canone Rai (sempre che i due membri non abbiano residenza diversa); in tal caso, però – a differenza del precedente – l’autocertificazione andrà inviata non annualmente ma una sola volta.

 

Tra le modalità consentite per l’invio dell’autocertificazione, fino a ieri vi sono state solo l’invio attraverso la piattaforma presente sul sito dell’Agenzia delle Entrate, l’invio telematico attraverso intermediario abilitato (di norma il commercialista che provvede all’invio telematico della dichiarazione dei redditi) o, in ultima istanza la raccomandata a.r. all’indirizzo Agenzia delle entrate – Ufficio Torino 1 – Sportello abbonamenti Tv – Casella postale 22 – 10121 Torino.

 

Ora, invece, l’amministrazione finanziaria ritiene possibile anche l’invio della posta elettronica certificata che, ovviamente, dovrà contenere, come allegato, il modello di autocertificazione che abbiamo diffuso sul nostro sito in questa pagina.

 

Attenzione: la Pec dovrà essere sottoscritta mediante firma digitale. Dunque, il contribuente dovrà dotarsi dello strumento hardware apposito.

 

L’indirizzo email a cui inviare la PEC è il seguente:

cp22.sat@postacertificata.rai.it.


Autore immagine: 123rf com

 


richiedi consulenza ai nostri professionisti

 


Download PDF SCARICA PDF
 
 
Commenti
Roberto Capra
9 Mag 2016 Roberto Capra

Attenzione, l’Agenzia delle Entrate richiede una “Raccomandata senza busta”, secondo alcuni uffici postali il plico deve essere chiuso senza uso di punti metallici (quindi con delle scotch)