Voucher babysitter, come ottenere il bonus, le istruzioni
Lo sai che?
11 Mag 2016
 
L'autore
Noemi Secci
 


Leggi tutti gli articoli dell'autore
 

Voucher babysitter, come ottenere il bonus, le istruzioni

Nuove istruzioni dell’Inps sull’utilizzo e l’attivazione dei voucher per l’erogazione dei servizi di baby sitting al posto del congedo parentale.

 

È operativa, sul sito dell’Inps, la procedura per l’attivazione ed il pagamento dei voucher babysitter: si tratta di una misura introdotta dalla Legge Fornero di riforma del mercato del lavoro [1], nell’ambito della conciliazione famiglia-impiego, erogata dall’Istituto al posto del congedo parentale.

In pratica, anziché fruire del congedo parentale (o maternità facoltativa), interamente o parzialmente, la lavoratrice ha la facoltà di richiedere all’Inps dei buoni lavoro, per pagare un servizio di baby sitting.

I voucher possono essere richiesti sia dalle lavoratrici dipendenti, che dalle parasubordinate (cococo) e dalle libere professioniste, hanno un valore pari a 600 euro mensili e sono erogabili per un massimo di 6 mesi (3 per le lavoratrici autonome).

 

 

Voucher baby sitting: come si ottengono

La lavoratrice, dopo aver effettuato l’apposita domanda di beneficio all’Inps ed aver ricevuto il provvedimento di accoglimento (si veda, a questo proposito: Voucher babysitter, istruzioni e domanda), per ottenere i bonus deve effettuare i seguenti passaggi fondamentali:

 

– entrare nel sito dell’Inps e registrarsi come committente;

accreditare, sempre nel sito dell’Inps, il prestatore di lavoro (cioè la babysitter) e richiedere l’attivazione dell’Inps card presso l’Ufficio postale;

– comunicare all’Inps la prestazione lavorativa;

– effettuare la consuntivazione dei voucher al termine della prestazione (precisando se il pagamento degli stessi deve avvenire con scomputo dal bonus o con altri mezzi, nell’eventualità che si ricorra già a prestazioni di lavoro accessorio per altri motivi).

 

Per ottenere il bonus, la lavoratrice madre, munita di PIN, carta nazionale dei servizi o identità digitale SPID, deve:

 

– accedere alla procedura per l’assegnazione del bonus, tramite la voce di menu “committente/datori di lavoro”, presente nel menù delle funzionalità del lavoro accessorio;

– scegliere di agire come committente/persona fisica;

– entrare in possesso del bonus, tramite la voce “appropriazione bonus”: in questo modo il bonus andrà a far parte dell’importo disponibile, utilizzabile per il pagamento delle prestazioni rese dalla persona che si prende cura del bambino.

 

Per accedere alla funzionalità e confermare l’appropriazione la madre deve inserire i seguenti dati obbligatori:

 

– proprio codice fiscale;

– codice fiscale del bambino;

– numero di domanda;

– anno di riferimento.

 

La lavoratrice deve procedere all’appropriazione del bonus nel termine di 120 giorni dalla ricevuta di accoglimento della domanda da parte dell’Inps: se l’appropriazione non è effettuata entro tale termine,  il bonus si intende rinunciato.

 

 

Restituzione bonus

Se la lavoratrice, che ha già effettuato l’appropriazione, non ha usufruito di una o più mensilità, è tenuta a restituirle entro 24 mesi, attraverso la funzionalità “restituzione bonus”.

Per accedere alla funzionalità deve inserire i seguenti dati obbligatori:

 

– proprio codice fiscale;

– codice fiscale del bambino;

– numero di domanda;

– anno di riferimento.

 

 

Attivazione e pagamento voucher: la procedura

La procedura di acquisto, attivazione e consuntivazione voucher è piuttosto articolata: per i dettagli, si veda il nostro vademecum: come attivare i buoni lavoro.


[1] L. 92/2012.

 

Autore immagine: 123rf com

 


richiedi consulenza ai nostri professionisti

 
 
Commenti