Multa autovelox: ricorso accolto se non c’è la revisione
Lo sai che?
15 Mag 2016
 
L'autore
Redazione
 


Leggi tutti gli articoli dell'autore
 

Multa autovelox: ricorso accolto se non c’è la revisione

Obbligatoria la taratura dell’autovelox: l’amministrazione deve produrre una copia autentica del certificato di revisione dello strumento di controllo elettronico della velocità.

 

Gli autovelox devono essere periodicamente tarati e verificati nel loro funzionamento, verifiche che debbono essere dimostrate o attestate con certificazioni di omologazione e conformità e non possono essere provate con altri mezzi. Diversamente, tutte le multe per eccesso di velocità sono nulle. A dirlo è la Cassazione con una recente sentenza [1].

 

Non è passato un anno da quando la Corte Costituzionale [2] ha dichiarato l’illegittimità del codice della strada nella parte in cui non prevede l’obbligo di sottoporre a checkup periodico gli strumenti di controllo elettronico della velocità: il che significa obbligo di taratura per tutti gli autovelox mobili, spostati periodicamente da un luogo a un altro e, pertanto, soggetti a sfasature e squilibri. Del resto, se è vero che una qualunque bilancia di un mercato rionale è soggetta a periodica verifica perché non lo dovrebbe essere una complessa apparecchiatura che svolge un accertamento irripetibile ed è fonte di gravi conseguenze per il cittadino proprietario e/o conducente di un veicolo?

 

La Corte non ha fatto altro che dare un ulteriore motivo di difesa agli automobilisti che, così, potranno sollevare la contestazione per mancata taratura dell’apparecchio e obbligare l’amministrazione a dare prova del contrario: prova che può essere fornita solo con il certificato di omologazione (in originale o copia autenticata da un pubblico ufficiale, ma mai in fotocopia). Di tanto avevamo già parlato nell’articolo “Multe da autovelox, come difendersi”.

Oggi la Cassazione non fa che ribadire questo principio: gli autovelox devono essere periodicamente tarati e verificati nel loro funzionamento.

A dire il vero, il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, con nota del 16 maggio 2005, ha rilevato la necessità di sottoporre a taratura periodica gli strumenti di rilevazione della velocità ma tale disposizione è stata completamente ignorata dalla Pubblica Amministrazione.

È quindi impossibile pensare che un autovelox possa funzionare in modo efficiente per tutta la durata dell’approvazione ministeriale; al contrario, l’apparecchio deve essere sottoposto a verifica e taratura periodica da provarsi esclusivamente con la produzione delle certificazioni di omologazione e conformità.


La sentenza

Corte di Cassazione, sez. II Civile, sentenza 5 febbraio – 11 maggio 2016, n. 9645
Presidente Petitti – Relatore Oricchio

Considerato in fatto

li Giudice di Pace di Ceccano, con sentenza n. 20/2007, rigettava il ricorso ex art. 22 L. n. 689/1981 proposto da B.A. avverso il verbale n. 7172618 del 3 settembre 2006, con il quale gli veniva contestata la violazione dell’art. 142, co. 9 C.d.S. ed applicate le conseguenti sanzioni.
Avverso la suddetta decisione del Giudice di prima istanza interponeva appello l’originario ricorrente. Resisteva al proposto gravame l’appellato Ministero dell’Interno.
Con sentenza n. 959/2010 l’adito Tribunale di Frosinone, in funzione di Giudice di appello, rigettava integralmente la svolta impugnazione con condanna dell’appellante alle spese dei giudizio.
Per la cassazione della succitata sentenza propone ricorso il B. con atto affidato a tre ordini di motivi. Resiste con controricorso l’intimato Ministero.

Ritenuto in diritto

1.- Con il primo motivo del ricorso si censura il vizio di violazione e/o falsa applicazione dell’art. 142, sesto comma, d.lgs. n. 285/1992, dell’art. 2 d.m. n. 602511998, dell’art. 23,
comma dodicesimo 1. n. 689/1081 e dell’art. 2697 c.c.

Mostra tutto

[1] Cass. sent. n. 9645/16 dell’11.05.2016.

[2] C. Cost. sent. n. 113/2015.

 


richiedi consulenza ai nostri professionisti

 
 
Commenti
16 Mag 2016 claudio

buongiorno, se per la taratura c’è poco da fare se non rivolgersi ai centri LAT (ex SIT) potreste però approfondire ildiscorso della revisione in quanto questa secondo logica andrebbe fatta presso il produttore ma molte altre aziende si propongono per farla; ma sono qualificate? e da chi?
grazie