Se il datore non assume il dipendente deve risarcirgli il danno
Lo sai che?
15 Mag 2016
 
L'autore
Redazione
 


Leggi tutti gli articoli dell'autore
 

Se il datore non assume il dipendente deve risarcirgli il danno

Il giudice può liquidare il danno subito dal lavoratore in via equitativa, spettando al datore di lavoro la prova contraria.

 

Tutte le volte in cui il datore di lavoro è obbligato ad assumere un lavoratore (per esempio: a termine del periodo di prova con esito positivo o al diritto alla priorità in caso di contratto di formazione e lavoro) e ciononostante non vi adempia, deve risarcirgli l’intero danno subìto durante tutto il periodo in cui si è protratto l’inadempimento medesimo. Detto danno può essere in concreto determinato – senza necessità di una specifica prova da parte del lavoratore – sulla base delle utilità che quest’ultimo avrebbe conseguito se fosse stato tempestivamente assunto. Spetta al datore di lavoro provare che il lavoratore, in tale periodo, ha conseguito altri redditi per una diversa occupazione (nel qual caso il risarcimento verrebbe ridotto) oppure la negligenza del lavoratore stesso nel cercare altra proficua occupazione. Lo ha chiarito la Cassazione con una recente sentenza [1].

 

Non sempre dunque, la prova del danno è a carico del lavoratore: il giudice gli può riconoscere un risarcimento in via equitativa, ossia secondo il suo prudente apprezzamento, quando detto danno non può essere dimostrato nel suo preciso ammontare. Spetta all’azienda inadempiente la prova contraria.

 

La quantificazione del danno viene effettuata in via equitativa quando esso non può essere provato nel suo preciso ammontare. L’esercizio di tale potere del giudice – conclude la Corte – è subordinato alla condizione che risulti obiettivamente impossibile, o particolarmente difficile, provare il danno nel suo preciso ammontare; ciò però non toglie che il danneggiato debba dimostrare l’esistenza del diritto.


La sentenza

Corte di Cassazione, sez. Lavoro, sentenza 23 febbraio – 12 maggio 2016, n. 9758
Presidente Napoletano – Relatore Boghetich

Svolgimento del processo

Il sig. A.B. , premesso di aver ottenuto, da parte del Consiglio di Stato, l’annullamento dell’atto di avviamento dell’Ufficio di collocamento di Sessa Aurunca che, nel luglio 1987, lo aveva pretermesso per una assunzione presso l’Enel con contratto di formazione e lavoro, ha adito il Tribunale di Napoli per ottenere il risarcimento del danno per il periodo 1987 – 2002 (data di avviamento al lavoro presso l’Enel). Il Tribunale ha respinto la domanda e la Corte di appello, con sentenza depositata il 18.10.2010, riformando la sentenza impugnata, ha condannato il Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali al pagamento dei danni liquidati equitativamente in Euro 74.000,00.
Per la cassazione della sentenza il Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale propone ricorso affidato a cinque motivi. Il lavoratore resiste con controricorso, proponendo altresì ricorso incidentale.

Motivi della decisione

1. – Con la prima doglianza, deducendo la violazione e la falsa applicazione degli artt. 2043, 2056 e 2697 cc., in relazione all’art. 360, primo comma, n. 3, c.p.c., il Ministero ha censurato la sentenza

Mostra tutto

[1] Cass. sent. n. 9758/2016 del 12.05.2016.

 

Autore immagine: 123rf com

 


richiedi consulenza ai nostri professionisti

 
 
Commenti