Stalking anche per le molestie non in luogo pubblico
Lo sai che?
16 Mag 2016
 
L'autore
Redazione
 


Leggi tutti gli articoli dell'autore
 

Stalking anche per le molestie non in luogo pubblico

La differenza tra stallking e il reato di molestia o disturbo alle persone: lo stalking si commette anche in luogo privato e non necessariamente col telefono.

 

È più facile commettere il reato di stalking [1] che quello di molestie [2] e questo perché il primo – a differenza del secondo – si può consumare anche se il comportamento invadente è commesso in un luogo non pubblico. A chiarirlo è la Cassazione con una recente sentenza [3].

 

Le molestie che danno vita allo stalking – chiarisce la Suprema Corte – non devono essere necessariamente commesse in luogo pubblico, aperto al pubblico, ovvero con il mezzo del telefono, come previsto invece dall’articolo del codice penale che regola il reato di molestie.

 

Il delitto di atti persecutori – meglio conosciuto come stalking – è del tutto diverso dalle molestie e questo perché:

 

  • nelle molestie: 1) si tratta di una contravvenzione; 2) il bene tutelato è la quiete privata e l’ordine pubblico; 3) la condotta molesta si sostanzia in un unico atto che deve avvenire un luogo pubblico, o aperto al pubblico o col mezzo del telefono e deve necessariamente arrecare disturbo ad altra persona;
  • nello stalking: 1) si tratta di un delitto; 2) il bene tutelato è la libertà individuale; 3) la condotta molesta si inserisce in una sequenza di più atti reiterati, a prescindere da come posti in essere, purché siano idonei a realizzare uno dei seguenti danni sulla vittima: alterazione delle proprie abitudini di vita; perdurante e grave stato di ansia o di paura; fondato timore per l’incolumità propria o di un prossimo congiunto o di persona al medesimo legata da relazione affettiva.

 

La contravvenzione di molestie, proprio perché volta a tutelare anche l’ordine pubblico, richiede necessariamente che la condotta sia commessa in un luogo pubblico o aperto al pubblico o con il mezzo del telefono.

Al contrario, il delitto di atti persecutori (stalking) tutela la libertà individuale e pertanto è irrilevante che le condotte moleste siano commesse in un luogo privato o non aperto al pubblico.


[1] Art. 612-bis cod. pen.

[2] Art. 660 cod. pen.

[3] Cass. sent. n. 12528/2016 del 24.03.2016.

 


richiedi consulenza ai nostri professionisti

 
 
Commenti