Processo tributario telematico: arrivano le linee guida
News
17 Mag 2016
 
L'autore
Maria Monteleone
 


Leggi tutti gli articoli dell'autore
 

Processo tributario telematico: arrivano le linee guida

Il Ministero dell’Economia e delle Finanze ha pubblicato le linee guida del processo tributario telematico: vige ancora la possibilità di scelta tra deposito del ricorso telematico o cartaceo e il principio di graduale estensione presso le Commissioni tributarie italiane.

 

Pubblicate le linee guida del processo tributario telematico (PTT), già in vigore da dicembre 2015 nelle Commissioni tributarie provinciali e regionali dell’Umbria e della Toscana e pronto per la graduale diffusione nel resto dell’Italia.

 

Le linee guida, contenute in apposita circolare ministeriale [1], sono scaricabili al seguente link: Linee guida processo tributario telematico 2016.

 

Il Ministero chiarisce il principio di facoltatività del sistema telematico, proprio della prima fase attuativa. In base ad esso, ciascuna delle parti può scegliere di notificare e depositare gli atti processuali con le modalità tradizionali, o con quelle telematiche presso le Commissioni tributarie ove risultino attivate tali modalità.

 

La parte resistente, indipendentemente dalla scelta operata dal ricorrente, ha la facoltà di avvalersi delle modalità telematiche di deposito delle controdeduzioni e relativi documenti allegati. Ne deriva che anche in presenza di ricorsi/appelli notificati e depositati con modalità tradizionali (ufficiale giudiziario, a mezzo posta ovvero a sportello), la parte resistente potrà scegliere di avvalersi del deposito telematico degli atti processuali, senza precludere la validità del deposito.

 

Inoltre, fermo restando il principio di facoltatività sopra descritto, qualora la parte sia ricorrente che resistente si avvalga delle modalità telematiche nel procedimento di primo grado, è obbligata successivamente ad utilizzare le medesime modalità anche nel giudizio d’appello. Tale obbligo si estende anche al deposito degli atti successivi alla costituzione in giudizio.

 

Nelle linee guida viene poi descritto il funzionamento del processo telematico, dalla presentazione e notifica del ricorso alla comunicazione dei provvedimenti giudiziali.

 

Si ricorda, che al momento l’informatizzazione del processo tributario, riguarda le seguenti fasi:

 

–  registrazione e accesso al portale del processo telematico;

 

– notificazioni e costituzione in giudizio;

 

– deposito degli atti e documenti informatici successivi alla costituzione in giudizio;

 

– formazione e consultazione del fascicolo processuale informatico.


[1] Ministero dell’Economia e delle Finanze, circolare n. 2/DF dell’11.5.16.

 


richiedi consulenza ai nostri professionisti

 


Download PDF SCARICA PDF
 
 
Commenti