HOME Articoli

Editoriali Pubblicato il 19 maggio 2016

Articolo di

Editoriali Bonus bebè, aumento sino a 240 euro al mese

> Editoriali Pubblicato il 19 maggio 2016

Raddoppio del bonus bebè: come funziona il nuovo incentivo, chi sono i beneficiari, come richiederlo.

Il Governo ha appena annunciato che il bonus bebè sarà raddoppiato a breve, probabilmente con la Legge di stabilità 2017. Il bonus è un’agevolazione a favore delle famiglie della durata di 3 anni, che va, a seconda del reddito, da 80 a 160 euro mensili: col raddoppio, dunque, arriverebbe a 240 euro al mese. La misura, a detta del ministro della Salute Beatrice Lorenzin, sarebbe indispensabile per frenare il calo delle nascite, che nel nostro Paese è arrivato ai minimi storici.

Ma questo incentivo basterà per arginare la crisi demografica?

Per rispondere a questa domanda, è prima necessario capire nel dettaglio come funziona il bonus e quali sono le famiglie beneficiarie.

Bonus bebè: a chi spetta

Il Bonus bebè spetta per ogni figlio nato, adottato (se minorenne) o in affido preadottivo tra il 1º gennaio 2015 e il 31 dicembre 2017, ai genitori che possiedono i seguenti requisiti:

– cittadinanza italiana, di uno Stato UE o di uno Stato extraeuropeo con permesso di soggiorno di lungo periodo;

residenza in Italia;

convivenza con il figlio;

– nucleo familiare in possesso di un reddito ai fini ISEE non superiore a 25.000 euro annui, per tutta la durata dell’assegno.

Bonus bebè: domanda

Per ottenere il bonus bebè il genitore deve presentare un’apposita domanda all’Inps, tramite i seguenti canali:

– sito internet dell’Istituto (www.inps.it), sezione servizi per il cittadino, se in possesso di Pin dispositivo o identità digitale unica Spid;

– contact center integrato INPS (803.164 da rete fissa o 06.164164 da rete mobile);

– patronati.

La domanda, accompagnata dall’autocertificazione dei requisiti che danno titolo all’assegno, deve essere presentata entro 90 giorni dalla nascita o dall’ingresso del figlio adottato nel nucleo familiare: l’istanza deve essere presentata una sola volta per ciascun figlio.

Bonus bebè: per quanto spetta

L’incentivo viene corrisposto, sotto forma di assegno al nucleo familiare, a partire dal giorno di nascita o di ingresso del figlio nella famiglia (in caso di adozione o di affido preadottivo) e fino al compimento del terzo anno di età o al terzo anno dall’ingresso nel nucleo (o, se precedente, al compimento della maggiore età).

Se l’adozione avviene nel periodo dal 1° gennaio 2015 al 31 dicembre 2017, ma il figlio è entrato in famiglia in affido preadottivo prima del 2015, l’assegno spetta per tre anni a decorrere dal 1° gennaio 2015.

Bonus bebè: a quanto ammonta

L’importo dell’assegno varia a seconda del reddito ai fini Isee posseduto dalla famiglia. In particolare:

– se il reddito ai fini Isee è inferiore a 7.000 euro annui, l’assegno ammonta a 160 euro al mese (1920 euro all’anno);

– se l’importo del reddito Isee va da 7.000 a 25.000 euro annui, l’assegno ammonta a 80 euro mensili (960 euro all’anno).

È necessario, per stabilire il corretto ammontare dell’assegno, che sia presente una dichiarazione Isee (DSU) in corso di validità: dato che la dichiarazione scade il 15 gennaio dell’anno successivo a quello di presentazione, deve essere presentata una nuova DSU ogni anno, per evitare la sospensione dell’assegno.

Bonus bebè: raddoppio

Secondo la proposta del Governo, il nuovo bonus bebè dovrebbe ammontare:

– a 240 euro al mese (2.880 euro all’anno) se il reddito ai fini Isee è inferiore a 7.000 euro annui;

– a 160 euro al mese (1920 euro all’anno) se l’importo del reddito Isee va da 7.000 a 25.000 euro annui.

Il raddoppio del bonus rappresenta un buon aiuto ma, da solo, non è certamente in grado di “invertire la rotta” in tema di natalità: occorrerebbero misure strutturali più consistenti e, soprattutto, una netta ripresa dell’occupazione, unico strumento capace di dare stabilità alle famiglie.

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter.
Scarica L’articolo in PDF

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

I PROFESSIONISTI DEL NOSTRO NETWORK