HOME Articoli

Lo sai che? Pubblicato il 18 maggio 2016

Articolo di

Lo sai che? Il riferimento alla PAS nella CTU non invalida la perizia

> Lo sai che? Pubblicato il 18 maggio 2016

Sindrome di alienazione parentale: si tratta di una patologia effettivamente oggetto di dibattito tra gli esperti del settore per cui il consulente tecnico non è responsabile se, nella propria perizia, vi fa riferimento.

Il consulente tecnico nominato dal giudice nella causa tra i coniugi in merito all’affidamento dei figli minori, che faccia riferimento, nella propria perizia, ad una sindrome di alienazione parentale a carico di uno dei predetti minori (cosiddetta PAS) non è responsabile per grave negligenza professionale: si tratta, infatti, di una patologia che, seppur controversa, ha trovato un riconoscimento in ambito scientifico da una parte dei tecnici del settore. A dirlo è la Corte di Appello di Venezia con una recente ordinanza.

La vicenda

Un soggetto aveva avanzato una domanda di risarcimento dei danni (per un ammontare di ben 1.500.000 euro) nei confronti di un consulente tecnico, nominato dal giudice (cosiddetto CTU), ed incaricato di elaborare una perizia su un minore, al centro di una controversa vicenda familiare. Il consulente, nel proprio documento, aveva ritenuto sussistesse, in capo al minore medesimo, una PAS, ossia la sindrome di alienazione parentale per aver, uno dei genitori – discreditando sistematicamente l’ex coniuge – allontanato il giovane dall’altro genitore.

La PAS esiste davvero?

Il giudice ammette che l’inquadramento della PAS come autonoma patologia è ancora al centro di discussioni tra i tecnici del settore, tuttavia è anche vero che essa ha “trovato riconoscimento in ambito scientifico”; il che significa che non sbaglia il CTU che, nella propria perizia, vi si riferisca. Ciò non può qualificarsi come una grave negligenza professionale in quanto, indipendentemente dalla validità o meno di tali opinioni, essere “risultano avere comunque una loro dignità e riconoscimento scientifico”.

note

[1] C. App. Venezia, ord. del 6.04.2016.

Autore immagine: Pixabay.com

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter.
Scarica L’articolo in PDF

ARTICOLI CORRELATI

1 Commento

Andrea Mazzeo

2 luglio 2016 alle 17:10

Ma per favore, con tutto il rispetto per la Corte di Appello di Venezia!!
Sarebbe come, in altro campo del diritto, avere il riconoscimento di una invalidità per una presunta malattia inesistente, non presnete nelle classificazioni ufficiali, ma ritenuta esistente da una esigua minoranza di professionisti, evidentemente poco aggiornati, poco avvezzi a consultare la letteratura scientifica accreditata. O come essere ritenuti non imputabili per una analoga malattia inesistente.
La cosiddetta PAS, o come va di moda oggi, non è una patlogia, non può esserlo perché della patologia non ha proprio nessuna caratteristica. Lo ha dichiarato ufficialmente il Ministro della Salute citando il parere dell’Istituto Supoeriore di Sanità, che è il massimo organo scientifico del paese.
Inoltre, mi spiace autocitarmi, ma non ho altro mezzo:

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

I PROFESSIONISTI DEL NOSTRO NETWORK