PEC: alternativa alla raccomandata, come funziona
Lo sai che?
18 Mag 2016
 
L'autore
Maura Corrado
 


Leggi tutti gli articoli dell'autore
 

PEC: alternativa alla raccomandata, come funziona

Esiste una alternativa valida alla raccomandata tradizionale con le stesse garanzie di sicurezza? Sì, la Posta Elettronica Certificata. Funzionamento, funzioni, vantaggi, modalità di attivazione e costi di questo strumento.

 

Molti si chiederanno se esiste una alternativa valida alla raccomandata cartacea tradizionale che possa permettere una maggiore praticità con le stesse garanzie di sicurezza: la risposta è sì, grazie alla Posta Elettronica Certificata (detta anche posta certificata o PEC). Si tratta di un sistema di comunicazione simile alla posta elettronica standard ma con in più la possibilità della certificazione della trasmissione che rendono i messaggi opponibili (efficaci nei confronti di) a terzi [1].

 

 

Come funziona la PEC?

Il funzionamento è praticamente uguale a quello di una normale casella di posta elettronica. L’unica differenza è che per, ogni messaggio inviato, il mittente ottiene una ricevuta di accettazione (che gli assicura che il messaggio è corretto) ed una ricevuta di avvenuta consegna quando il messaggio giunge a destinazione. In questo modo, essa assicura lo stesso valore legale della raccomandata con ricevuta di ritorno.

 

 

Chi può usare la PEC?

Va sottolineato che chi utilizza la PEC non ha la necessità di dotarsi di specifiche apparecchiature: bastano un computer e una connessione ad internet. Per cui possono usarla davvero tutti: le aziende, le pubbliche amministrazioni, le associazioni, i privati. Ad esempio le aziende possono usare lo strumento per comunicare con i propri clienti, con i propri fornitori o con la propria rete di vendita, gli enti pubblici per comunicare al proprio interno, con le altre amministrazioni, con i professionisti e con i cittadini, i privati per comunicare con le aziende, con le pubbliche amministrazioni e anche fra loro stessi.

 

 

Per cosa può essere usata la PEC?

Un messaggio di PEC è un messaggio di posta elettronica e come tale può contenere qualsiasi tipo di allegato (immagini, video, file di testo, ecc…) e può essere utilizzato per inviare qualsiasi tipo di informazione per la quale il mittente desidera avere la certezza dell’avvenuta consegna.

 

 

Quali sono i vantaggi della PEC?

La PEC presenta moltissimi vantaggi tra i quali:

  • economicità: con un costo irrisorio (5 euro l’anno) è possibile inviare un numero illimitato di messaggi;
  • velocità di consegna: i tempi di consegna sono praticamente azzerati rispetto al canale postale tradizionale;
  • semplicità d’uso: una casella di PEC non è nient’altro che una casella di email e come tale viene utilizzata;
  • validità legale: le ricevute rappresentano una prova legale opponibile a terzi che il messaggio inviato è giunto a destinazione;
  • sicurezza: i messaggi viaggiano su canali sicuri e vengono firmati alla sorgente e verificati a destinazione in modo da garantirne l’inalterabilità;
  • assenza virus e spam: il sistema è dotato dei più moderni ed aggiornati prodotti antivirus. Inoltre ogni casella di PEC è associata ad una persona fisica ed i messaggi non certificati non vengono consegnati a destinazione.

 

 

Che cosa accade se invio un messaggio di PEC ad una casella tradizionale (non PEC)?

L’indirizzo PEC può essere utilizzato anche per inviare una mail a una casella di posta normale: in tal caso, il messaggio viene correttamente spedito ma, arrivato a destinazione, non viene inviata alcuna ricevuta di accettazione al mittente.

Che cosa accade se invio un messaggio di posta tradizionale (non PEC) ad una casella PEC?

La posta certificata è stata creata per scambiare messaggi tra caselle PEC.
Per questo motivo e allo scopo di eliminare il problema dello spamming sulle caselle PEC in genere i Gestori decidono di non far arrivare a destinazione le mail tradizionali dirette a caselle di posta certificata. È comunque possibile modificare tale impostazione e decidere di accettare i messaggi convenzionali oppure di inoltrarli verso una casella di posta convenzionale a scelta dell’utente (servizio di inoltro). Nel caso in cui l’utente intenda accettare i messaggi convenzionali, può inoltre decidere di spostarli automaticamente all’interno di una cartella a sua scelta. Per i messaggi di posta convenzionale è previsto anche il servizio antispam.

 

 

Come posso attivare una casella PEC?

Per richiedere l’attivazione di una casella PEC o di un dominio certificato è necessario compilare un modulo di adesione ed inviare ad uno dei gestori di tale servizio il documento compilato in ogni sua parte insieme ad un documento valido di identità ed alla ricevuta di avvenuto pagamento.
E’ possibile acquistare caselle a partire da 5 euro + IVA l’anno.

 

 

Che differenza c’è tra PEC e firma digitale?

La PEC può essere utilizzato per inviare i documenti e sostituisce i mezzi tradizionali quali la raccomandata A/R, il fax ed il corriere. La firma digitale, viceversa, rappresenta il mezzo elettronico per apporre la propria firma ad un documento elettronico o ad una mail. In altre parole la firma digitale è il sostituto elettronico della firma autografa in calce ai documenti cartacei.
La PEC assicura che un messaggio arrivi a destinazione inalterato ed integro e garantisce l’identità del mittente; con la firma digitale il mittente appone il proprio autografo al contenuto della mail ed agli eventuali allegati ad ulteriore garanzia della propria identità.
Chiaramente i due strumenti non sono in contrapposizione ma possono essere utilizzati insieme.


[1] Queste caratteristiche sono state definite nel D.P.R. n. 68/2005, dell’11 febbraio 2005 e nei collegati documenti tecnici: Regole tecniche per la formazione, la trasmissione e la validazione, anche temporale, della posta elettronica certificata e la Circolare CNIPA del 24 novembre 2005 n.49.

 


richiedi consulenza ai nostri professionisti

 
 
Commenti
20 Mag 2016 Antonio

1) Laddove io abbia la ricevuta di “accettazione” ma non arrivi quella di “consegna” l’invio è legalmente effettutato !?

2) E’ possibile e lecito inviare dalla mia casella PEC questioni riguardanti altre persone ? Ha valenza legale ?

Grazie