Quanto tempo per il divorzio dopo la separazione in Comune?
Lo sai che?
22 Mag 2016
 
L'autore
Redazione
 


Leggi tutti gli articoli dell'autore
 

Quanto tempo per il divorzio dopo la separazione in Comune?

Per il divorzio breve dopo l’accordo di separazione siglato in Comune alla presenza del Sindaco ci vogliono sei mesi.

 

La coppia che si separa in Comune davanti al Sindaco deve attendere solo sei mesi per divorziare e dirsi addio definitivamente: tale termine decorre dalla data in cui viene compilato l’atto che racchiude l’accordo siglato dai coniugi davanti all’ufficiale di stato civile. È quanto prevede la legge sul divorzio breve, di recente interpretata da una sentenza del tribunale di Milano [1].

 

Come noto, la legge consente oggi alla coppia che intende separarsi consensualmente, ossia senza farsi causa, e che pertanto abbia trovato accordo su tutte le dinamiche del distacco (personali e patrimoniali) due indubbi vantaggi:

 

  • il primo è quello di potersi separare non necessariamente in tribunale, ma in Comune (davanti all’ufficiale di Stato civile o al sindaco) senza bisogno di avvocati e senza sostenere spese (leggi: “Separazione e divorzio in Comune: come si fa”). Questa procedura non è consentita se la coppia ha figli o se, negli accordi di separazione, è previsto il trasferimento di beni: in questo caso si può optare per una seconda procedura semplificata che è quella della cosiddetta negoziazione assistita gestita, cioè, dai rispettivi avvocati, senza bisogno del giudice (leggi: “Separazione e divorzio dall’avvocato: negoziazione assistita”);
  • il secondo vantaggio riguarda il tempo che bisogna attendere, dopo la separazione, per procedere al successivo divorzio: solo sei mesi (invece, nel caso di separazione giudiziale, quella cioè a seguito di una causa ordinaria in tribunale, i tempi si raddoppiano: bisogna, infatti, aspettare un anno). È quello che è stato definito divorzio breve. Non esiste in Italia il cosiddetto “divorzio brevissimo”, ossia quello cui si può procedere senza prima essersi separati.

 

Tutte le volte in cui ci si separa in Comune o con la negoziazione assistita, il tempo di attesa per il divorzio è, quindi, sempre di sei mesi, che decorre:

 

  • nel caso di accordo davanti all’ufficiale di Stato civile, dal giorno in cui le parti hanno perfezionato l’accordo di separazione davanti al sindaco (si tratta, cioè, della data riportata sull’atto stesso);
  • nel caso di accordi davanti ai rispettivi avvocati, dalla data certificata dai legali con la negoziazione assistita.

 

In entrambi i casi, l’accordo raggiunto a seguito di negoziazione assistita o davanti all’ufficiale di Stato civile è equiparabile in tutto alla sentenza di separazione del giudice e produce gli stessi effetti. Risultato: in entrambi i casi l’accordo vale come una normale separazione consensuale.


[1] Trib. Milano sent. del 9.03.2016.

 

Autore immagine: 123rf com

 


richiedi consulenza ai nostri professionisti

 


Download PDF SCARICA PDF
 
 
Commenti