Bonus assunzione, nuovo esonero contributivo 2017
News
24 Mag 2016
 
L'autore
Noemi Secci
 


Leggi tutti gli articoli dell'autore
 

Bonus assunzione, nuovo esonero contributivo 2017

Allo studio un nuovo sgravio contributivo per l’assunzione di lavoratori disoccupati: taglio del 20-25% dei contributi Inps.

 

Sarà prorogato al 2017 l’esonero contributivo per i neoassunti, meglio noto come Bonus disoccupazione. È allo studio, difatti, un nuovo sgravio dei contributi Inps per le assunzioni di disoccupati da almeno 6 mesi: vista l’esiguità delle risorse disponibili, tuttavia, il taglio della contribuzione si limiterebbe al 20-25% massimo e sarebbe della durata di un solo anno. Un calo notevole, considerando che il primo esonero, per gli assunti nel 2015, prevedeva uno sgravio contributivo pari al 100% per ben 3 anni; l’esonero attualmente in vigore, per l’anno 2016, prevede invece un taglio dei contributi Inps a carico del datore di lavoro pari al 40% ed ha la durata di 2 anni.

Il Governo, però, vorrebbe mettere mano alla normativa sugli sgravi in via permanente: non più maxi bonus per i soli neoassunti, ma un taglio della contribuzione per tutti, anche per i vecchi lavoratori.

 

 

Taglio del cuneo fiscale

Si parla già, difatti, della possibilità di ridurre in maniera definitiva il cuneo fiscale (o, meglio, il cuneo fiscale e contributivo), cioè la differenza tra il trattamento lordo dei lavoratori e quanto da loro materialmente percepito (netto in busta). Contributi e imposte, col loro peso notevole sulle tasche di datori di lavoro e dipendenti, disincentivano le assunzioni ed il lavoro stabile in particolare, favorendo non solo il lavoro nero, ma anche l’abuso di forme contrattuali altamente precarie, come i voucher.

Il costo del taglio dei contributi sarebbe dunque, almeno in parte, compensato dall’emersione dei lavoratori irregolari e dall’utilizzo di forme contrattuali non precarie. Peraltro, tagliare i contributi in modo uguale per tutti, comprendendo nelle agevolazioni anche i lavoratori assunti da vecchia data, disincentiverebbe i datori di lavoro ai licenziamenti allo scadere degli sgravi contributivi, in quanto questi sarebbero permanenti.

Il taglio delle aliquote prospettato dovrebbe essere di 4-6 punti: considerando, ad esempio, che nel commercio il datore di lavoro paga, solitamente, il 28,98% dei contributi, col taglio del cuneo fiscale pagherebbe il 23-26%, passando da un peso della contribuzione del 38,17% al 32,19%; in caso di applicazione della massima decurtazione, si avrebbe una diminuzione di circa il 15%.

Certamente i costi di un’operazione simile, in quanto estesa alla generalità dei lavoratori, non sarebbero indifferenti, specie considerando l’ipotesi di tagli anche della contribuzione a carico dei dipendenti: i minori versamenti potrebbero essere, allora, compensati dall’incentivazione della previdenza complementare.

 

 

Esonero contributivo 2017

Ad ogni modo, in attesa del cuneo fiscale, vi sarà, come già esposto, la proroga dell’esonero contributivo, o bonus disoccupazione, nel 2017, con uno “sconto” sui contributi Inps a carico del datore di lavoro pari al 20-25%.

Il funzionamento dello sgravio ricalcherà quello attualmente esistente, pertanto sarà fruibile da tutti i lavoratori privi di occupazione stabile da almeno 6 mesi.

Saranno dunque ammessi all’agevolazione non solo i lavoratori privi di occupazione da almeno 6 mesi, ma tutti coloro per i quali non sussistono, nei 6 mesi precedenti all’assunzione, contratti a tempo indeterminato, ossia chi ha svolto:

 

– lavoro subordinato a tempo determinato;

– collaborazioni (co.co.co.);

– lavoro accessorio (voucher);

– lavoro autonomo occasionale o con partita Iva;

– lavoro in somministrazione.

 

Saranno invece esclusi coloro che hanno svolto, nei 6 mesi precedenti, lavoro subordinato a tempo indeterminato, anche se part time o se risultano licenziati durante il periodo di prova o dopo pochi giorni. Sono inoltre esclusi gli apprendisti e coloro che hanno già usufruito del medesimo bonus.

 

 

Esonero contributivo 2017: requisiti aziende

Resteranno uguali anche i requisiti necessari all’ammissione allo sgravio per le aziende. In particolare, il datore di lavoro dovrà avere il Durc in regola, rispettare le leggi fondamentali in materia di lavoro e le previsioni dei contratti collettivi.

I lavoratori per i quali è valido il bonus dovranno essere assunti per mansioni differenti rispetto a quelle del personale in integrazione salariale.

Se il mancato rispetto della normativa in materia di lavoro, degli accordi collettivi o delle altre condizioni è accertato successivamente alla concessione dello sgravio, il bonus è revocato, e si dovranno restituire le somme illegittimamente erogate.


 


richiedi consulenza ai nostri professionisti

 
 
Commenti