Riforma delle professioni sanitarie: approvato il Ddl Lorenzin
Lo sai che?
27 Mag 2016
 
L'autore
Daniela Rotunno
 


Leggi tutti gli articoli dell'autore
 

Riforma delle professioni sanitarie: approvato il Ddl Lorenzin

Approvato al Senato il Ddl Lorenzin sulla riforma degli ordini sanitari e le sperimentazioni cliniche.

 

Il 24 maggio il Senato ha approvato il disegno di legge Lorenzin sulla riforma degli Ordini sanitari e le sperimentazioni cliniche. Adesso il testo passa al vaglio della Camera dei deputati.

 

Il disegno di legge prevede, tra l’altro, la costituzione di nuovi ordini professionali e di albi delle professioni sanitarie. Vediamo quali sono le principali novità

 

 

Riordino della disciplina degli Ordini delle professioni sanitarie

Sono istituiti i seguenti ordini professionali:

– delle professioni infermieristiche;

 

– delle ostetriche e degli ostetrici;

 

– delle professioni sanitarie della riabilitazione;

 

– delle professioni sanitarie tecniche, dei tecnici sanitari di radiologia medica e della riabilitazione e della prevenzione.

 

Anche l’Ordine dei biologi viene inserito tra gli Ordini delle professioni sanitarie.

 

Il Consiglio nazionale dei chimici assume la denominazione di Federazione nazionale degli Ordini dei chimici e dei fisici, al quale si applicano le disposizioni degli Ordini delle professioni sanitarie. Per quanto riguarda l’esame di abilitazione alla professione di chimico e fisico ed i requisiti ammissione verrà adottato apposito regolamento.
L’Ordine dei biologi e degli psicologi passano sotto la vigilanza del Ministero della Salute  e la professione di psicologo viene ricompresa tra le professioni sanitarie.

 

 

Istituzione di nuove professioni sanitarie

La professione di osteopata assume una connotazione autonoma. Per l’esercizio di tale professione occorre aver conseguito il titolo accademico richiesto ed è obbligatorio iscriversi nell’apposito albo, tenuto presso l’ordine dei tecnici sanitari di radiologia medica e delle professioni sanitarie tecniche, della riabilitazione e della prevenzione.

 

Anche la chiropratica diventa una professione sanitaria, per il cui esercizio sono necessari la laurea abilitante o titolo equipollente e l’iscrizione al registro istituito presso il Ministero della salute.

 

 

Nuove sanzioni penali per l’esercizio abusivo della professione

Per chi esercita abusivamente una professione sanitaria, è stabilito un aumento di pena che va da un terzo alla metà. Inoltre il condannato sarà soggetto alla confisca obbligatoria dell’immobile e delle attrezzature e strumenti e i beni confiscati verranno destinati alle strutture pubbliche o private che offrono cure e assistenza a persone in difficoltà economico e sociale.

 

Viene inoltre introdotta la pena da due a sei anni e la multa da  euro 5.164 a euro 77.468 per il farmacista che dispensi senza ricetta sostanze farmacologicamente o biologicamente attive considerate sostanze dopanti.

 

 

Novità nel settore delle farmacie

Il Ddl Lorenzin dispone che coloro che esercitano professioni o arti sanitarie, ad eccezione dei professionisti abilitati alla prescrizione di medicinali, svolgano la loro attività anche in farmacia e possano stipulare convenzioni con i farmacisti sulla partecipazione all’utile della farmacia.

 

 

Il ruolo di dirigente sanitario del Ministero della Salute

Ulteriore novità riguarda l’istituzione del ruolo di dirigente sanitario del Ministero della Salute, al quale si accede tramite pubblico concorso per titoli ed esami. Per il momento, è destinato a coprire tale ruolo, il personale di qualifica dirigenziale del Ministero della Salute con professionalità sanitaria.


 


richiedi consulenza ai nostri professionisti

 
 
Commenti
5 Giu 2016 Di Giacomo Anna

NN ho commenti…sono un OSS…e pervoi tutti nessuno….e credetemi è una figura che fà molto nel sanitario e nel sociale….ora siamo una miriade…e abbandonati a noi stessi…nn si guadagna più su di noi…ma su quelli che ancora lo vogliono fare…le porte sono aperte…siamo carne da macello.