HOME Articoli

News Pubblicato il 28 maggio 2016

Articolo di

News I voucher diventano tracciabili

> News Pubblicato il 28 maggio 2016

Per evitare gli usi impropri dei voucher arriva la riforma del Job Act: fino a 2.400 euro di sanzione per l’omessa comunicazione dell’utilizzo.

 

Arriva la tracciabilità dei voucher per evitare abusi e sfruttamento della manodopera: scatta, infatti, l’obbligo della preventiva comunicazione dell’uso del voucher, con pene fino a 2.400 euro in caso di omissione. In particolare, almeno 60 minuti prima dell’inizio della prestazione lavorativa, l’azienda datrice di lavoro o il professionista dovrà comunicare, con un sms o con una normale email, alla sede territoriale dell’Ispettorato nazionale del lavoro, i dati anagrafici o il codice fiscale del lavoratore, nonché il luogo e la durata dell’impiego accessorio. In caso di inadempimento, scatteranno sanzioni da 400 a 2.400 per ciascun lavoratore per cui è stata omessa detta comunicazione. Viene così superato l’attuale sistema che, invece, prevede che la comunicazione possa intervenire fino a 30 giorni dopo dall’inizio della prestazione, il che ha fatto sorgere numerosi abusi.

La norma sulla tracciabilità dei buoni lavoro entrerà come correttivo al Job Act. È questa la misura più interessante che il Consiglio dei Ministri esaminerà la prossima settimana, al fine di evitare l’uso improprio dei voucher e ridurre – come la definisce il Presidente Mattarella – “l’odiosa pratica del caporalato”.

Proprio con riferimento al caporalato, il Governo ha intenzione di intervenire con controlli più mirati e costati. A tal fine ieri è stato firmato un protocollo d’intesa dai ministri dell’Interno, delle Politiche agricole e del Lavoro, prevede contro il caporalato l’impiego di task force di carabinieri e Corpo forestale, affiancate dal nuovo Ispettorato nazionale del lavoro, con interventi per migliorare le condizioni di vita dei lavoratori (il trasporto gratuito da casa a lavoro, la distribuzione di acqua e viveri).

Sempre con riferimento ai voucher è confermato il limite di utilizzo dei 7mila euro per la prestazione complessiva e di 2mila euro per la prestazione svolta per ogni singolo committente. Diverso è il caso dell’agricoltura dove non vale più il limite per ciascun committente, ma solo limite complessivo di 7mila euro per lavoratore.

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter.
Scarica L’articolo in PDF

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

I PROFESSIONISTI DEL NOSTRO NETWORK