HOME Articoli

Lo sai che? Pubblicato il 31 maggio 2016

Articolo di

Lo sai che? Niente più assegno di mantenimento alla donna separata

> Lo sai che? Pubblicato il 31 maggio 2016

Separazione e divorzio: le sentenze della Cassazione che azzerano il mantenimento dovuto all’ex moglie.

«Giustizia è fatta» diranno alcuni uomini che, da anni, versano l’assegno di mantenimento all’ex moglie; meno contente invece saranno quelle donne che, invece, si stanno per separare e che non potranno più contare sul tradizionale orientamento della giurisprudenza più flessibile nell’accordare generosi assegni.

Va infatti tramontando l’idea di un mantenimento a lungo inteso più come “un’assicurazione a vita” che non come una misura assistenziale limitata al tempo strettamente necessario per recuperare una propria autonomia economica. Aumenta, infatti, il numero delle sentenze della Cassazione che, nel determinare l’ammontare dell’assegno mantenimento, danno rilievo a una serie di fattori ed elementi capaci di sgonfiare l’importo, fino ad azzerarlo completamente. Forse è troppo presto per parlare di tramonto definitivo, ma di certo qualcosa sta cambiando, e anche rapidamente.

Pesa la casa familiare assegnata alla ex moglie

La prima sentenza è stata resa nota proprio di questi giorni anche se risale a fine 2015 [1]. Secondo il Tribunale di Roma, il giudice può negare il mantenimento alla moglie se questa vive all’interno della ex casa familiare mentre il marito, costretto ad andare via dall’abitazione un tempo anche sua e, per di più a pagare anche le rate del relativo mutuo, è costretto a trovare un altro alloggio in affitto. Insomma, l’aumento delle spese per l’uomo, conseguenti alla separazione, fanno sì che questi – a meno che non abbia un reddito particolarmente alto – sia quantomeno esentato dal versare anche l’assegno di mantenimento.

Secondo la tesi del Tribunale di Roma, la sproporzione dei redditi tra i due ex coniugi – condizione necessaria per far scattare l’obbligo al mantenimento – può essere compensata dal fatto che la donna non debba sostenere costi per l’abitazione mentre, nello stesso tempo, il marito deve provvedere al pagamento della rata del mutuo della casa in cui lei vive coi figli e, per di più, a trovarsi un altro tetto sotto cui vivere.

Peraltro – ricorda sempre la stessa sentenza – l’assegnazione della casa coniugale in favore della moglie viene meno non appena questa abbandoni l’immobile per andare a vivere altrove o presso i propri genitori.

Niente mantenimento alla donna casalinga che può lavorare

Non perché prima era casalinga, la donna separata deve essere mantenuta a vita dal marito, senza che questa senta neanche l’impellenza di trovarsi un lavoro per mantenersi con le proprie forze. Con queste parole potrebbe sintetizzarsi un’altra importante presa di posizione della Cassazione [2], secondo cui solo lo stato di effettivo bisogno è meritevole dell’assegno di mantenimento. Al contrario, la donna giovane, ancora “abile” al lavoro e, quindi, in grado di reperire un proprio reddito che le garantisca un tenore di vita più o meno simile a quello goduto durante il matrimonio, non ha diritto alla stessa tutela. E ciò vale anche se la moglie durante il matrimonio si occupava solamente della casa, svolgendo le mansioni di casalinga.

Almeno quando ciò è possibile, i due ex coniugi devono tentare di badare a sé stessi da soli, senza costituire un peso per l’altro. Quindi, sebbene in prima istanza ben potrà essere possibile che il giudice accordi un mantenimento alla donna con reddito nettamente più basso, al fine di garantirle una continuità con il procedente tenore di vita, laddove venga constatata la sua completa inattività all’obbligo sociale di cercare un lavoro, tale assegno può essere ridotto o azzerato.

Il panorama delle sentenze che valorizzano la capacità lavorativa della donna e le sue potenzialità economiche sta poco alla volta ampliandosi. Per un elenco di tutte le pronunce favorevoli al marito leggi: “Divorzio: addio al mantenimento della moglie”.

note

[1] Trib. Roma, sent. n. 19764/15 del 31.05.2016.

[2] Cass. sent. n. 11870/2015.

[3] Cass. sent. n. 21080/2004.

Autore immagine: 123rf com

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter.
Scarica L’articolo in PDF

ARTICOLI CORRELATI

7 Commenti

  1. Ci sarebbero tante eccezioni da valutare… La separazione per colpa, ad esempio, a carico del marito o viceversa. Oltre tutto resta sempre l’annosa questione sul fatto che magari la donna è si abile al lavoro, ma siamo onesti, ad oltre 40 anni, ad esempio, dopo che ha speso la giovinezza nel crescere i figli e occuparsi della casa (anche perché se non l’avesse fatto lei magari avrebbero dovuto assumere una colf e una baby sitter) chi l’assumerebbe senza esperienza e in età matura? E’ quasi impossibile per una trentenne con esperienza trovare lavoro grazie a garanzia giovani, apprendistato e lo spettro incombente della maternità… figuriamoci per una donna più avanti negli anni e senza esperienza.

  2. certamente, la notizia colpisce senzaltro le donne, che abituate ad avere tutto dalla vita senza il minimo sforzo, oggi si trovano a dover fare i conti con la realtà, quella realtà di mollare l’inutile marito, quello che a creato il tutto, per poi goderselo da sole, senza dover lavare o cucinare a nessuno, tanto hanno la casa, i figli e il mantenimento, che bello. andate a lavorare, che vi sentite superiori agli uomini! per dignità non dovreste accettare il mantenimento e smettiamola di dimostrare sempre di essere vittime, invece penso che siete carnefici e diaboliche, come la storia ci insegna, che EVa iniziò a storcere l’uomo e voi continuate lo stesso cammino.

    1. Finalmente era ora che iniziassero ad applicare delle norme che in comunità europea già ci sono e vengono applicate so in Italia ciò non avviene.

  3. GIUSTIZIA è FATTA NON SI VIVE CON 653 DI PENSIONE è IL COMPAGNO SI DEVE PAGARE LE SPESE CHE ANNO FATTO NELLI ANNI DI MATRIMONIO PERCHè QUESTO AVEVA TUTTO IN COMUNIONE DEI BENI ..IO SPERO CHE QUESTA LEGGE SIA IN ATTO SUBITO PERO COME SI PER LEVARE IL MANTENIMENTO ? ANCHE PERCHè LE AVEVO ABBASATO IL MANTENIMETO POI A FATTO RICORSO ,,TRE DONNE GIUDICI DATO RAGIONE ALLA DONNE IO DEVO FARE LA FAME ..SENZA CASA NON POSSO NEANCHE PAGARE UN AVVOCATO OK

  4. mi sembra che ogni caso vada trattato separatamente. Io credo solo che ognuno, per la propria dignità e coscienza, debba provvedere al proprio mantenimento e non gravare sulle spalle dell’altro. Anche se non si è più giovani, non si può vedere nella separazione una opportunità di stipendio a vita, approfittando della legge che tutela le donne. Bisogna che ognuno lavori e si mantenga con le proprie forze, allorquando viene meno il rapporto di amore e collaborazione tra i coniugi.

  5. Giusto per certi punti di vista. Io sono una donna di 52 anni, non ho potuto lavorare per motivi di famiglia.Sono alla soglia di divorzio. Lavoro qua non si trova. Mio marito prende una discreta pensione grazie allo sacrificio di tutti due. Vuoi dire che ora mi tocca buttarmi a mare oppure sopportare marito despota. Se potessi trovare qualche lavoro sicuramente non sarei qui a lamentarmi. Ci sono donne che si fanno mantenere e mariti che fa piacere sottomettere le donne! Neanche io mi posso pagare avvocato signor Dore….

  6. Buongiorno,

    nel mio caso è così ,
    dopo la fine del lavoro , il mutuo , la bambina da far crescere , la madre di mia figlia che ha mollato il lavoro dopo varie società costituite e poi chiuse ,
    mi ha mollato ed è tornata della madre che gli da da baby sitter cuoca donna delle pulizie e tutto il resto , lei si è trovate un tizio inesperto di dieci anni più giovane e gli fa da neve scuola anche professionalmente , gli passo oltre € 1000 al nese e mi privo di tutto .

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

I PROFESSIONISTI DEL NOSTRO NETWORK