Equo compenso agli avvocati
Editoriali
31 Mag 2016
 
L'autore
Ditelo Voi
 


Leggi tutti gli articoli dell'autore
 

Equo compenso agli avvocati

La proposta di legge volta a garantire una parcella dignitosa nei confronti dei clienti più forti come banche e assicurazioni.

 

All’interno dell’avvocatura si parla da qualche mese di “equo compenso”, ossia di una proposta di legge tesa ad impedire che offerte di lavoro fatte agli avvocati siano manifestate con proposte di compensi considerati bassi, indecorosi e lesivi della dignità del lavoro del professionista.

Il tema impone di ritornare alla rappresentanza politica. Ci chiediamo infatti, in primo luogo, chi possa legittimamente articolare una tale proposta e sottoporla alla politica, per conto dell’intera avvocatura. L’Ordine Forense infatti non ha tale facoltà: gli Ordini Circondariali, ex art. 29 della 247/2012 non possono formulare proposte di legge, né può farlo il CNF, che ex art. 35 lettera q della stessa legge, può esprimere unicamente pareri su proposte e disegni di legge che riguardino, anche indirettamente, l’avvocatura, ma solo su richiesta del Ministro della Giustizia. L’unico Organo che, in nome dell’avvocatura, può formulare proposte autonome, è il Congresso Nazionale, ai sensi dell’art. 39 della 247/2012.

 

Ma al di là del riconoscimento necessario per sottoporre alla politica nazionale questo provvedimento, cosa si può dire circa il merito? Alcuni elementi li offre proprio la nostra legge professionale, che all’art. 13, prevede che l’avvocato possa svolgere l’incarico anche a titolo gratuito. In aggiunta, al n. 3, l’art. 13 dispone che la pattuizione dei compensi sia libera.

 

La libertà nella pattuizione del compenso infatti è un elemento che esalta l’autonomia del professionista. Le possibilità di svolgere incarichi a qualsiasi condizione economica, o per ragioni di interesse professionale verso l’incarico, o per poter fidelizzare il proprio cliente, o ancora, perché un caso venga ritenuto meritevole di approfondimento, magari perché potenzialmente in grado di generare una pronuncia nomofilattica, sono tutte prerogative connaturate allo svolgimento della professione.

L’Art. 2 della legge professionale prevede: “l’avvocato è un libero professionista, che in libertà, autonomia e indipendenza svolge le attività…ecc. ecc.”

Proprio per questo, nessuna proposta di onorario può dirsi “vessatoria” per un professionista davvero libero, perché egli può sempre scegliere di rifiutare, come prevede l’Art. 14 della legge professionale.

 

Si aggiunga che le tariffe minime (tale è in definitiva l’equo compenso, comunque lo si voglia chiamare) sono universalmente ritenute restrittive della concorrenza, e che per questo sono e saranno sempre più bandite dagli ordinamenti contemporanei.

 

Onestà impone però di trattare anche le condizioni di fatto: molti, troppi avvocati non sono né liberi, né autonomi, né indipendenti, è vero. Il mercato stritola i più deboli, quelli che hanno difficoltà a dire “no”, quelli tra noi che fanno fatica a tirare avanti, e sono decine di migliaia. Che fare? Limitarsi a dire a questi colleghi: “vai a casa, l’articolo 2 dice che non puoi fare l’avvocato, perché non sei libero”, è una risposta politicamente indifendibile, è evidente. E’ per questo che occorre analizzare seriamente la crisi dell’avvocatura di massa e trovare soluzioni a un processo che ha chiari responsabili.

 

Negli ultimi anni un’alleanza sempre più evidente tra politica ed istituzioni forensi ha agito con l’ossessiva ricerca della deflazione giurisdizionale e con l’imposizione di vessazioni ed oneri operativi tendenti a rendere la professione sempre meno “libera”. Questo, unito alla legge della domanda e dell’offerta, sta affamando molti dei circa 240 mila avvocati oggi presenti in Italia. E’ per questo che negli ultimi anni è ritornato ciclicamente in auge il tema del “numero” degli avvocati, che porta chi lo propone ad attirarsi superficiali ire di colleghi che non accettano di discuterne.

 

A tutto questo occorre aggiungere dell’altro. Molto presto infatti, oltre alla deflazione della giurisdizione pubblica e ai vincoli a misura di potente, noi avremo nuovi nemici: i robot, che lavoreranno nello studio legale dell’avvocato “X”, svolgendo ciascuno il lavoro di cinquanta avvocati, esattamente come negli USA fa “Ross”, il nostro collega by IBM, già operativo presso la Baker & Hostetler.

Cominciamo dunque a ragionare sugli effetti del capitalismo cognitivo, che depaupera il valore della nostra conoscenza, in ragione della gratuità con cui essa si diffonde e chiediamoci se il nostro numero e il nostro benessere siano compatibili con la direzione politica e tecnologica verso cui sembra evolversi la società. Immaginiamo rimedi possibili, perché le innovazioni alle porte renderanno sempre più accessibili, e a costi sempre minori, le nozioni che per secoli abbiamo legittimamente venduto ai nostri potenziali clienti. Tutto ciò non sarà indolore, ma crea il rischio di generare la più drammatica perdita di valore del lavoro mai osservata nella storia dell’umanità.

 

Uno studio indipendente del “Pew Research Center”, realizzato nel 2014 – ma ce ne sono molti altri – vede un gran numero di esperti mondiali equamente divisi sugli effetti che l’interazione della robotica e lo sviluppo delle reti di trasmissione del sapere avranno sulla morte dei nostri attuali lavori, già a partire dal 2025. Le professioni intellettuali, l’avvocatura, che forse erroneamente in questi anni si è creduta immune, non saranno risparmiate. Presto un lettore ottico leggerà la domanda della signora Y, e le fornirà in tempo reale un parere legale inappuntabile.

Non è fantascienza, è la realtà e non c’è politica che tenga, non è questione di destra o sinistra. C’è chi parla del 2025 e chi, più ottimista, del 2040, ma in ogni caso, si tratta di processi già in atto. Il lavoro, come fonte di reddito per le società di massa, rischia davvero di svanire. Qualcuno crede che tali scenari, che mettono in discussione ben più che l’avvocatura, possano essere contrastati con le tariffe minime? Difficile da credere.

 

Appare piuttosto urgente ripensare l’avvocatura di massa ed adeguarla progressivamente, anche nel numero, alle esigenze della contemporaneità, per traghettare la categoria verso scenari ineluttabili. La restrizione ai nuovi accessi, in ragione dell’equilibrio del sistema giustizia, è una misura di somma urgenza ed è la più importante per la nostra sopravvivenza. Per far questo ci occorre un governo politico unitario, forte, giovane, competente, coraggioso, che sappia guardare avanti. Le battaglie di retroguardia, nel 2016, non sono più giustificabili. Diversamente, il futuro non costituirà per noi tutti un’opportunità da cogliere, ma un killer a cui sarà impossibile sfuggire.

 

Avv. Salvatore Lucignano


Autore immagine: 123rf com

 


richiedi consulenza ai nostri professionisti

 


Download PDF SCARICA PDF
 
 
Commenti