Avvocato non responsabile se la causa è difficile
Lo sai che?
6 Giu 2016
 
L'autore
Redazione
 


Leggi tutti gli articoli dell'autore
 

Avvocato non responsabile se la causa è difficile

Caso giudiziario complesso: l’avvocato risponde solo per colpa e dolo, salvo che la difesa del cliente sia particolarmente complessa.

 

Non si può pretendere che l’avvocato sia responsabile, e risarcisca il danno al cliente, nel caso in cui il mandato affidatogli abbia implicato la soluzione di problemi tecnici particolarmente complessi. È quanto chiarito da una recente sentenza della Cassazione [1].

 

 

La responsabilità dell’avvocato per dolo o colpa lieve

L’avvocato non è responsabile per tutti gli errori commessi nel corso della causa, ma solo di quelli che, se evitati, avrebbero portato a un esito diverso del giudizio. In pratica è necessario dimostrare che, senza quella determinata condotta colpevole o dolosa del legale, la sentenza avrebbe avuto un contenuto più favorevole per il cliente. Questo significa che egli non è tenuto a garantire, al proprio cliente, la vittoria della causa, ma una prestazione comunque esente da dolo o da colpa anche lieve.

 

 

Le cause e gli incarichi difficili

Un’eccezione a tale regola è costituita dal caso in cui la prestazione richiesta all’avvocato comporti la soluzione di problemi di particolare complessità: in tale ipotesi, la responsabilità del professionista è attenuata in quanto scatta solo per dolo o colpa grave.

 

Il codice civile [2], a riguardo, stabilisce che se la prestazione (professionale) implica la soluzione di problemi tecnici di particolare difficoltà, la responsabilità del prestatore dell’opera può aversi solo per colpa grave o dolo, e non più invece nel caso di colpa lieve.

 

La sentenza in commento prende le mosse proprio da tale norma e ribadisce che l’avvocato può essere “assolto” dal giudizio di responsabilità professionale, anche se ha commesso un errore, quando sia chiamato ad affrontare una questione complicata, che coinvolga magari tesi o norme nuove o di non facile interpretazione. Si pensi al caso il legale deve dare soluzione a un problema tecnico particolarmente complesso: in questa ipotesi egli risponde solo per dolo o colpa grave e non per una condotta errata dovuta alla complessità del caso.

 

Ma chi stabilisce se la prestazione implichi o meno la soluzione di problemi tecnici di particolare difficoltà? Il criterio standard è quello del cosiddetto “professionista medio”: in pratica, la colpa scatta tutte le volte in cui un avvocato, di media bravura, sarebbe riuscito a fare diversamente. Pertanto, per comprendere se la bravura richiesta dal mandato ecceda o meno i limiti della preparazione e dell’abilità professionale del “professionista medio” bisogna necessariamente fare una valutazione “caso per caso” e di tipo probabilistico. Sarà ovviamente il giudice a interpretare tali criteri.


La sentenza

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE SECONDA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. BUCCIANTE Ettore – Presidente

Dott. NUZZO Laurenza – Consigliere

Dott. PARZIALE Ippolisto – Consigliere

Dott. LOMBARDO Luigi Giovanni – Consigliere Dott. FALASCHI Milena – rel. Consigliere

ha pronunciato la seguente:

SENTENZA

sul ricorso (iscritto al N.R.G. 21411/10) proposto da:

COMUNE di MONTEROTONDO, in persona del sindaco pro tempore, rappresentato e difeso, in forza di procura speciale a margine del ricorso, dagli Avv.ti (OMISSIS), (OMISSIS) e (OMISSIS) del foro di (OMISSIS) ed elettivamente domiciliato presso lo studio del primo in (OMISSIS);

– ricorrente – contro

Avv.to (OMISSIS), rappresentata e difesa da se’ ex articolo 86 codice procedura civile, unitamente all’Avv.to (OMISSIS) del foro di (OMISSIS), in virtu’ di procura speciale apposta in calce al controricorso, ed elettivamente domiciliata presso lo studio di quest’ultimo in (OMISSIS);

– controricorrente e ricorrente incidentale – e contro

(OMISSIS), in persona della procuratrice speciale

Mostra tutto

[1] Cass. sent. n. 2954/2016.

[2] Art. 2236 cod. civ.

 

Autore immagine: 123rf com

 


richiedi consulenza ai nostri professionisti

 


Download PDF SCARICA PDF
 
 
Commenti