Infiltrazioni in condominio: chi paga?
Lo sai che?
10 Giu 2016
 
L'autore
Maura Corrado
 


Leggi tutti gli articoli dell'autore
 

Infiltrazioni in condominio: chi paga?

Di chi è la colpa delle infiltrazioni d’acqua e chi è il responsabile del danno: la responsabilità è del proprietario della cosa da cui proviene la causa del danno. 

 

                                                                              

Infiltrazioni in condominio: chi paga?

Le infiltrazioni di acqua, purtroppo, rappresentano una delle cause più frequenti di danni subiti dagli appartamenti siti all’interno del condominio.

Individuare chi è tenuto al risarcimento per le conseguenze negative che il singolo condomino ha subito, tuttavia, non è cosa semplice, considerate le innumerevoli cause che possono aver causato la rottura e il danno.

 

In via generale, il principio che va applicato è quello secondo cui il presunto responsabile dei danni che derivano a terzi è il soggetto che ha la custodia del bene danneggiato [1]. Di conseguenza, nel caso in cui le infiltrazioni provengano dalla rottura di una tubatura condominiale o di qualsiasi altro bene comune, responsabile è il condominio, il quale dovrà farsi carico dei lavori di ripristino e del risarcimento dei danni subiti da mobili, arredi e suppellettili: questo perché è proprio lui ad avere l’obbligo di custodire le parti e gli impianti comuni dell’edificio e quello di garantirne la manutenzione.

 

Si tratta, peraltro, di una tutela particolarmente intensa, se si tiene presente che quando si verificano infiltrazioni d’acqua in un appartamento che provengono dall’intercapedine tra due edifici che non è stata mai soggetta a manutenzione, il condominio deve risarcire il proprietario di tutti i danni, compresi i costi che il danneggiato abbia dovuto sostenere per prendere in affitto, sia pur temporaneamente, una nuova abitazione, risultando la sua momentaneamente inservibile [2].

 

 

Infiltrazioni condominiali: quali sono i casi specifici?

Con particolare riferimento ai danni alle tubature, occorre ricordare che quelle di adduzione sono di proprietà condominiale sino a quando non incontrano i contatori dei singoli condomini, mentre quelle di scarico lo sono sino a quando non si collegano con i tubi dei vari appartamenti.

 

Se, invece, le infiltrazioni provengono dai muri perimetrali, è da precisare che essi sono comunque considerati parti comuni, con la conseguenza che il condominio risponde sempre dei relativi danni. A meno che non riesca a provare che essi siano connessi a un grave difetto di costruzione: in tal caso, infatti, il loro risarcimento può essere richiesto, sia dal danneggiato che dal condominio, all’impresa che ha eseguito i lavori, entro dieci anni da quando sono stati ultimati.

 

Per quanto riguarda, infine, la terrazza a livello, occorre tener presente che essa, anche se è di proprietà o in godimento esclusivo di un singolo condomino, assolve nei confronti degli appartamenti sottostanti la stessa funzione di copertura propria del lastrico solare posto alla sommità dell’edificio. Di conseguenza, nell’ipotesi in cui l’appartamento sottostante sia interessato dalle infiltrazioni che provengono dal terrazzo a livello deteriorato per difetto di manutenzione, saranno tutti i condomini a dover provvedere al risarcimento [3].

 

 

Infiltrazioni condominiali: quando è responsabile il singolo condomino?

Se, dunque, è responsabile il condominio per le infiltrazioni provenienti dalle parti comuni, a rispondere per quelle provenienti dalle tubature di proprietà del singolo condomino è quest’ultimo, a meno che egli non provi che il danno sia dovuto a caso fortuito, cioè a un evento assolutamente imprevedibile.


[1] Art. 2051 cod. civ.

[2] Cass., sent. n. 6128, del 19.04.2012.

[3] Cass., sent. n. 18164, del 25.08.2014.

 

Autore immagine: 123rf com

 


richiedi consulenza ai nostri professionisti

 


Download PDF SCARICA PDF
 
 
Commenti