Stato di disoccupazione anche con reddito minimo
Lo sai che?
11 Giu 2016
 
L'autore
Redazione
 


Leggi tutti gli articoli dell'autore
 

Stato di disoccupazione anche con reddito minimo

Ammessa la conservazione dello stato di disoccupazione per chi percepisce, a titolo di lavoro dipendente o autonomo, un reddito non superiore rispettivamente a 8000 e 4800 euro.

 

Possono mantenere lo stato di disoccupazione, e quindi conservare il diritto all’assegno Naspi, coloro che percepiscono redditi da lavoro autonomo o da lavoro dipendente, inferiori alle soglie di imposizione dell’Irpef (pari a 8.000 euro annui per i redditi da lavoro dipendente e a 4.800 per il lavoro autonomo). È questa la novità contenuta nel decreto correttivo al Job Act approvato ieri dal Governo. In questo modo si evita di mettere i lavoratori di fronte all’alternativa tra il continuare a percepire l’assegno di disoccupazione o l’accettare un lavoro con un reddito minimo (circostanza che spesso ha favorito le assunzioni in nero, per dare all’interessato la possibilità di continuare a fruire della Naspi).

 

Dunque, con un reddito minimo resterà lo stesso lo stato di disoccupazione. In questo modo, la disciplina dello stato di disoccupazione risulta allineata a quella del decreto di riordino degli ammortizzatori sociali [1], che prevede il mantenimento della Naspi per i lavoratori che percepiscono redditi da lavoro autonomo e dipendenti, nella stessa misura.

Con la reintroduzione dell’istituto della conservazione dello stato di disoccupazione si ripristina la situazione standard secondo cui il percettore di Naspi (con cumulabilità parziale) deve essere in stato di disoccupazione per tutto il periodo di fruizione della medesima.

La precedente disciplina della disoccupazione [2], alla conservazione affiancava la disciplina della sospensione dello status nel caso di rapporti di lavoro di durata fino a sei mesi.

 

I centri per l’impiego dovranno effettuare un’attività di verifica circa il rispetto dei limiti di reddito, accertabile attraverso il sistema informativo unitario delle politiche del lavoro, in cui confluiranno anche le informazioni della banca dati reddituale dell’agenzia delle Entrate.


[1] Dlgs 22/2015.

[2] Dlgs 181/2000.

 

Autore immagine: 123rf com

 


richiedi consulenza ai nostri professionisti

 


Download PDF SCARICA PDF
 
 
Commenti
14 Giu 2016 massimiliano vasques

salve
vorrei maggiori informazioni su questa nuova legge