Infedeltà coniugale: quando spiare il marito è reato
Lo sai che?
18 Giu 2016
 
L'autore
Maura Corrado
 


Leggi tutti gli articoli dell'autore
 

Infedeltà coniugale: quando spiare il marito è reato

Coniuge infedele: molto spesso mariti e mogli riescono a scoprire il tradimento  con l’aiuto di videocamere nascoste o investigatori privati. Ma attenzione: spiare i coniuge è reato. Ed è meglio non raccontare in giro quanto scoperto.

 

Interferenze nella propria vita privata e diffamazione: sono queste le accuse che una moglie fedifraga, sorpresa dal marito mediante l’uso di un apparecchio di videoregistrazione, potrà muovergli. Ciò in quanto la legge punisce chiunque, mediante l’uso di strumenti di ripresa visiva o sonora, si procura indebitamente notizie o immagini relative alla vita privata altrui nella sua dimora. È, pertanto, illecita l’acquisizione delle prove dell’avvenuto adulterio con tali modalità [1].

 

Né è consentito rivelare ad altri le informazioni apprese. Scoprire con tali mezzi un tradimento e raccontarlo non risparmierà, quindi, un’accusa per diffamazione [2].

 

A scanso di equivoci, però, chiariamo subito che lo stesso vale se è il marito infedele ad essere spiato dalla moglie.

 

 

Coniuge fedifrago: il diritto alla riservatezza vale sempre

Ciò in quanto i doveri di solidarietà derivanti dal matrimonio non sono incompatibili con il diritto alla riservatezza di ciascuno, ma ne presuppongono, anzi, l’esistenza: la solidarietà, infatti, si realizza solo tra persone che si riconoscono piena e pari dignità. Ciò vale anche nel caso di infedeltà del coniuge, poiché la violazione dei doveri di solidarietà coniugale non è sanzionata dalla perdita del diritto alla riservatezza.

 

Spiare il proprio partner è un reato che può comportare una pena non proprio tenue, quindi. Si rischia dai sei mesi ai quattro anni di reclusione. La fiducia tradita vale quanto l’intimità del partner… a parte il fatto che l’infedeltà non costituisce reato, mentre le interferenze illecite nella vita privata sì.

 


[1] Art. 615-bis cod. pen.

[2] Art. 595 cod. pen.

 


richiedi consulenza ai nostri professionisti

 
 
Commenti