Lavoratrice madre: quando è possibile il licenziamento
Lo sai che?
19 Giu 2016
 
L'autore
Redazione
 


Leggi tutti gli articoli dell'autore
 

Lavoratrice madre: quando è possibile il licenziamento

Le ipotesi di licenziamento durante il periodo protetto, fino a un anno di età del bambino, il periodo in prova, la ristrutturazione, la cessione o la cessazione del ramo d’azienda, l’outsourcing, il licenziamento disciplinare.

 

Non si può licenziare un dipendente durante:

  • l’assenza dal lavoro per astensione obbligatoria e facoltativa, congedo di paternità, riposi giornalieri e permessi per malattia del bambino
  • nel cosiddetto periodo protetto ossia fino al compimento di 1 anno di età del bambino.

 

 

L’astensione e il rientro al lavoro

Al termine dei periodi di astensione obbligatoria o di congedo di paternità, i lavoratori hanno diritto di conservare il posto di lavoro e, salvo che vi rinuncino espressamente, di rientrare nella stessa unità produttiva nella quale erano occupati in precedenza (o in altra ubicata nel medesimo comune), e di permanervi fino al compimento di un anno di età del bambino.

Essi hanno inoltre diritto di essere adibiti alle mansioni svolte da ultimo o a mansioni equivalenti, nonché di beneficiare di eventuali miglioramenti delle condizioni di lavoro, previsti dai contratti collettivi o in via legislativa o regolamentare, che sarebbero loro spettati durante l’assenza.

 

 

Il divieto di licenziamento

L’azienda non può assolutamente intimare il licenziamento:

  • alla lavoratrice madre dall’inizio della gravidanza e sino al compimento di un anno di età del bambino. L’inizio della gestazione si presume avvenuto 300 giorni prima della data presunta del parto indicata nel certificato di gravidanza;
  • del padre lavoratore che fruisce del congedo di paternità, per la durata del congedo stesso e fino al compimento di un anno di età del bambino;
  • causato dalla domanda o dalla fruizione dell’astensione facoltativa e del congedo per malattia del bambino da parte della lavoratrice o del lavoratore.

 

 

Le conseguenze del licenziamento

Il licenziamento durante il periodo protetto è nullo e obbliga l’azienda alla reintegra sul posto di lavoro e al pagamento delle mensilità arretrate.

 

 

Quando è possibile licenziare la lavoratrice madre

Solo in casi eccezionali l’azienda può provvedere al licenziamento durante il cosiddetto “periodo protetto”. Ecco tali casi:

 

– Licenziamento disciplinare per colpa grave del lavoratore (giusta causa di licenziamento)

Prima di valutare l’eventuale colpa della lavoratrice, il giudice deve tenere comunque conto delle sue particolari condizioni psico-fisiche [1]. Ad esempio, è stato ritenuto valido il licenziamento per assenze ingiustificate ed inaffidabili [2] e nullo quello per un’assenza ingiustificata protrattasi per pochi giorni [3].

 

– Cessazione dell’attività aziendale

Il licenziamento è giustificato solo in presenza della cessazione totale dell’attività aziendale [4] mentre non è giustificato nell’ipotesi di cessazione del ramo d’azienda alla quale la lavoratrice è addetta [5].

 

– Ristrutturazione, esternalizzazione e cessione del ramo d’azienda

Con una recente sentenza la Cassazione [6] ha ritenuto illegittimo il licenziamento determinato da una semplice esternalizzazione del servizio cui era adibita la lavoratrice. Solo la cessione del ramo d’azienda potrebbe giustificare la cessazione del rapporto di lavoro. Quindi, se l’azienda decide di ristrutturarsi e di ridurre le spese, affidando alcuni servizi in outsourcing, la dipendente in precedenza addetta a tali servizi non può essere licenziata se ha appena avuto un figlio. Neanche la ristrutturazione aziendale, dunque, può dinanzi alla tutela della maternità.

Il licenziamento, anche se dettato da riduzione del personale per ottimizzare la produzione e tagliare gli sprechi rappresenta – secondo tale sentenza – una clamorosa violazione della normativa secondo cui “le lavoratrici non possono essere licenziate fino al compimento di un anno di età del bambino”.

Secondo la Cassazione [7] è illegittimo il licenziamento motivato da ragioni di ristrutturazione produttivo-organizzativa in quanto non costituenti un’ipotesi di cessazione dell’attività d’azienda.

 

– Scadenza del contratto a tempo determinato

 

Ultimazione della prestazione per la quale la lavoratrice era stata assunta.

Tale causa è possibile solo per i contratti a tempo determinato e non per quelli a tempo indeterminato.

 

– Assunzione in prova con esito negativo della prova

Il licenziamento all’esito della prova deve essere motivato: l’azienda deve cioè motivare il giudizio negativo circa l’esito della prova, proprio per scongiurare il rischio di abusi ed escludere che l’interruzione del rapporto di lavoro sia stata determinata dallo stato di gravidanza. Il licenziamento semplice, senza motivazioni, è legittimo solo se il datore di lavoro non è a conoscenza dello stato di gravidanza.


La sentenza

Corte di Cassazione, sez. Lavoro, sentenza 17 marzo – 10 giugno 2016, n. 11975
Presidente Venuti – Relatore D’Antonio

Svolgimento dei processo

La Corte d’appello di Lecce ha confermato la sentenza dei Tribunale di Brindisi con cui era stata dichiarata la nullità dei licenziamento di P.S. comminato dalla soc Atitecnica 85 in violazione del divieto di licenziamento fino al compimento del primo anno di età del bambino.
La Corte ha rilevato che la società nel costituirsi aveva eccepito che la domanda della lavoratrice non poteva trovare accoglimento in quanto basata sulla violazione dell’art 54 , comma 2, lett. C) (ultimazione della lavorazione per la quale la lavoratrice era stata assunta ); che invece il licenziamento era stato comminato ai sensi dell’art 54 citato lett. B) per cessazione del ramo d’azienda e che la lavoratrice aveva introdotto alla prima udienza la domanda nuova di declaratoria del licenziamento ai sensi dell’art 54 citato lett B) .
Secondo la Corte l’eccezione di novità della domanda era infondata . Ha affermato, infatti, che il licenziamento era stato impugnato per violazione delle norme che vietano di disporre il licenziamento fino al compimento di un anno del bambino al di là delle motivazioni adottate ; che del resto la domanda

Mostra tutto

[1] Cass. sent. n. 16060/2004, C. App. Ancona sent. del 19.08.2009

[2] Cass. sent. n. 9405/2003.

[3] Cass. sent. n. 19912/2011.

[4] Trib. Bari sent. del 24.04.2014; Cass. sent. n. 1334/1992.

[5] Cass. sent. n. 18363/2013.

[6] Cass. sent. n. 11975/2016 del 10.06.2016.

[7] Cass. sent. n. 27055/2013.

 

Autore immagine: Pixabay.com

 


richiedi consulenza ai nostri professionisti

 


Download PDF SCARICA PDF
 
 
Commenti