Segnalazione certificata di inizio attività (SCIA): elenco attività 2016
News
19 Giu 2016
 
L'autore
Maria Monteleone
 


Leggi tutti gli articoli dell'autore
 

Segnalazione certificata di inizio attività (SCIA): elenco attività 2016

Modello unico di SCIA ed elenco delle attività per quali è necessaria la segnalazione certificata di inizio attività: novità approvate dal Consiglio dei ministri in vigore entro il 1 gennaio 2017.

 

Il Consiglio dei ministri ha approvato, in esame definitivo, i decreti legislativi contenenti le nuove disposizioni in materia di segnalazione certificata di inizio attività (SCIA) [1].

 

Non sono ancora stati pubblicati i testi di legge approvati ma, da quanto annunciato dal Consiglio dei ministri [2], emerge che:

 

– sarà possibile presentare presso un unico ufficio, anche in via telematica, un unico modulo SCIA valido in tutto il paese. La pubblica amministrazione destinataria delle istanze e richieste pubblica sul proprio sito istituzionale il modulo;

 

– è previsto un unico ufficio a cui rivolgersi, che avrà il compito di interagire con tutti gli altri uffici e/o amministrazioni interessate. La richiesta al cittadino di documenti ulteriori rispetto a quelli previsti è considerata inadempienza sanzionabile sotto il profilo disciplinare;

 

– la ricevuta che viene rilasciata a seguito della presentazione di istanze, segnalazioni o comunicazioni costituisce comunicazione di avvio del procedimento: essa deve indicare i termini entro i quali l’amministrazione è tenuta a rispondere o entro i quali il silenzio dell’amministrazione equivale ad accoglimento dell’istanza;

 

– il provvedimento di sospensione dell’attività intrapresa è ora limitato ai soli casi di attestazioni non veritiere o di coinvolgimento di interessi sensibili (ambiente, paesaggio, ecc.);

 

– nel caso di Scia unica la possibilità di iniziare subito l’attività è circoscritta ai casi in cui non siano presupposte autorizzazioni o altri titoli espressi.

 

E’ introdotta una disposizione transitoria che consente a Regioni ed enti locali di adeguarsi al nuovo regime entro il 1º gennaio 2017.

 

 

Decreto SCIA 2

Il Consiglio dei ministri ha approvato anche il Decreto SCIA 2 che provvede alla mappatura completa e alla precisa individuazione delle attività oggetto di procedimento di mera comunicazione o segnalazione certificata di inizio attività (SCIA) o di silenzio assenso, nonché quelle per le quali è necessario il titolo espresso e introduce le conseguenti disposizioni normative di coordinamento. Inoltre è prevista la semplificazione di regimi amministrativi in materia edilizia.

 

Per i dettagli sull’elenco delle attività per le quali è prevista la SCIA 2016 e sulle regole procedimentali, si attende la pubblicazione dei decreti in Gazzetta Ufficiale. 


[1] Decreti attuativi della delega di cui all’articolo 5 della legge 7 agosto 2015, n. 124.

[2] Consiglio dei Ministri, comunicato stampa n. 120 del 15.6.16.

 


richiedi consulenza ai nostri professionisti

 
 
Commenti
21 Giu 2016 Francesco Di Pace

Domanda : Si può effettuare un riempimento con terreno vegetale in area agricola assolutamente scevra di manufatti variando, fortemente innalzandolo, il Piano Campagna a danno dei terreni confinanti ?
Essendo il terreno costeggiato da un canale di irrigazione su di un lato ,si possono autorizzare i lavori in assenza di richiesta all’Ente Consorzio deputato all’irrigazione ?
Si possono iniziare i lavori senza attendere alcuna autorizzazione ?
L’ente comune è dotato di uno strumento urbanistico scaduto da anni .
Ha in itinere un PUC adottato e non ancora approvato.
L’area indicata è un’area agricola .
In attesa di una vs. gentile risposta , Ringrazio .