Donna e famiglia Pubblicato il 24 giugno 2016

Articolo di

Donna e famiglia Stalking: per l’ammonimento del Questore non è necessario l’avviso

> Donna e famiglia Pubblicato il 24 giugno 2016

L’avviso di avvio del procedimento, contro il colpevole del reato di stalking, non è necessario se il Questore motiva l’urgenza del provvedimento.

Nel caso di procedura di ammonimento del Questore per stalking, non è necessario l’avviso di avvio del procedimento nei confronti del colpevole se la misura adottata risulta essere motivata dall’urgenza, motivazione che, comunque, deve risultare in modo chiaro e netto dal provvedimento. È quanto chiarito dal Consiglio di Stato in una recente sentenza [1].

La vicenda

Un uomo, accusato di stalking, riceveva l’ammonimento dal Questore. Contro il provvedimento, l’uomo proponeva prima il ricorso gerarchico al Prefetto e, dopo il rigetto, ricorso al giudice amministrativo (TAR). Al centro della contestazione del colpevole, il fatto che allo stesso non fosse stato inviata la comunicazione di avvio del procedimento. La doglianza veniva accolta in primo grado; tuttavia, in secondo, davanti al Consiglio di Stato, la decisione veniva capovolta e l’ammonimento del Questore veniva ritenuto legittimo.

Cosa dice la legge

La legge sul procedimento amministrativo [2] stabilisce che, se non vi siano particolari necessità di urgenza e di celerità del procedimento, l’avvio del procedimento stesso va comunicato personalmente al soggetto nei confronti del quale il provvedimento finale è destinato a produrre effetti diretti ed agli altri soggetti che, per legge, devono intervenirvi. Resta salva la facoltà dell’amministrazione di adottare, anche prima di tale comunicazioni, provvedimenti cautelari.

L’obbligo di partecipazione dell’interessato è per garantire a quest’ultimo la possibilità di presentare difese a sostegno della propria posizione e, nel caso di stalking, per dimostrare l’infondatezza delle accuse ricevute. Si tratta, anche dell’espressione del principio di contraddittorio insito in ogni procedimento che possa comportare la compressione di diritti soggettivi.

Stalking: l’ammonimento del Questore

Fino a quando non è proposta querela per il reato di stalking la persona offesa può rivolgersi all’autorità di pubblica sicurezza avanzando richiesta al Questore di ammonimento nei confronti dell’autore della condotta [3]. Il Questore, dopo aver assunto le necessarie informazioni dagli organi investigativi e sentite le persone informate sui fatti, se ritiene fondata l’istanza, ammonisce oralmente il soggetto nei cui confronti è stato richiesto il provvedimento.

Una volta investito della questione, il Questore è tenuto a valutare, con ampia discrezionalità, ogni elemento del caso concreto: in particolare, egli deve verificare non solo se sia giusto emettere o meno l’ammonimento per stalking, ma anche quando emetterlo. In particolare egli può decidere se adottare immediatamente detto provvedimento oppure se le circostanze consentano di avvisare prima il presunto colpevole dell’avvio del procedimento, dandogli il tempo di difendersi e chiedere di essere ascoltato.

In buona sostanza, il Questore deve valutare se sussistano le condizioni di urgenza, richieste dalla legge sul procedimento amministrativo (di cui abbiamo parlato nel precedente punto [2]), che consentano di emettere l’ammonimento senza bisogno di avviare in anticipo la fase di partecipazione dell’interessato all’emissione dell’atto.

Se nel proprio provvedimento il Questore da espressamente atto che sussistono “particolari esigenze di celerità del procedimento amministrativo” e che la misura va senz’altro emessa immediatamente “al fine di scongiurare il possibile scatenarsi di dinamiche reattive ulteriori”, allora l’ammonimento può essere inflitto anche senza bisogno del preventivo avviso all’interessato.

Il Consiglio di Stato ha così valutato ragionevoli le considerazioni fatte dal Questore, anche in ragione dei fatti posti a fondamento della richiesta avanzata dalla persona offesa (come il possesso di una licenza di polizia per porto d’armi da parte del destinatario dell’ammonimento).

Non solo quindi la natura cautelare del provvedimento, ma altresì le risultanze del procedimento sono state poste dal Questore a fondamento dell’urgenza oltre che della necessità della misura adottata.

L’obbligo di motivazione dell’ammonimento del Questore

La sentenza in commento chiarisce, comunque, un punto fermo: se vero è che il provvedimento di ammonimento, assolvendo a una funzione tipicamente cautelare e preventiva, non deve necessariamente essere preceduto dalla comunicazione di avvio del procedimento, è anche vero che tale decisione deve essere comunque motivata dal Questore sulla base della particolarità del quadro indiziario alla base della misura adottata.

note

[1] Cons. St. sent. n. 2419/2016 del 6.06.2016.

[2] Art. 7, legge 241/1990.

[3] Art. 8 del Dl n. 11 del 2009.

Autore immagine: 123rf com

N. 02419/2016REG.PROV.COLL. N. 01964/2016 REG.RIC.

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato
in sede giurisdizionale (Sezione Terza) ha pronunciato la presente SENTENZA

sul ricorso numero di registro generale 1964 del 2016, proposto dal Ministero dell’Interno, in persona del legale rappresentante pro tempore, rappresentato e difeso per legge dall’Avvocatura Generale dello Stato, presso i cui uffici è domiciliato in Roma, alla via dei Portoghesi, n. 12;

contro

Il signor Le. Man., rappresentato e difeso dall’avvocato Maria Riccio, con domicilio eletto presso la signora Giulia Nicolais in Roma, piazza G. Mazzini, n.27;

nei confronti di
La signora Da. San.;
per la riforma
della sentenza del T.A.R. per la Liguria, Sez. II, n. 701/2015, resa tra le parti;

Visti il ricorso in appello e i relativi allegati;
Visto l’atto di costituzione in giudizio del signor Le. Man.; Viste le memorie difensive;
Visti tutti gli atti della causa;

Relatore nell’udienza pubblica del giorno 26 maggio 2016 il pres. Luigi Maruotti e uditi per le parti l’avvocato Giulia Nicolais, su delega dell’avvocato Maria Riccio, e l’avvocato dello Stato Maria Vittoria Lumetti;

Ritenuto e considerato in fatto e diritto quanto segue.

FATTO e DIRITTO

1. Con decreto del 3 luglio 2014, n. 9903, emanato ai sensi degli articoli 7 ed 8 della legge n. 38 del 2009, il Questore di Genova ha ammonito l’appellato ad astenersi da qualsiasi comportamento molesto nei confronti della signora Da. Sa.

L’interessato ha proposto ricorso gerarchico al Prefetto di Genova, che con la decisione di data 9 aprile 2015, n. 14734, ne ha disposto il rigetto.

2. Col ricorso di primo grado n. 593 del 2015 (proposto al TAR per la Liguria), l’interessato ha impugnato l’atto del Questore e quello del Prefetto, chedendone l’annullamento.

Il TAR ha accolto il motivo col quale è stata lamentata la mancata comunicazione dell’avviso di avvio del procedimento, prevista dall’art. 7 della legge n. 241 del 1990, ha assorbito le residue censure ed ha annullato «il provvedimento impugnato».

3. Con l’appello in epigrafe, il Ministero dell’Interno ha chiesto che, in riforma della sentenza impugnata, il ricorso di primo grado sia respinto.

L’Amministrazione ha dedotto che nella specie non occorreva la comunicazione prevista dall’art. 7 della legge n. 241 del 1990, sia per la natura cautelare del provvedimento previsto dagli artt. 7 e 8 della legge n. 38 del 2009, sia in considerazione delle specifiche circostanze emerse nel corso del procedimento.

L’appellato si è costituito in giudizio e, con la sua memoria difensiva, ha riproposto le censure formulate in primo grado e non esaminate dal TAR.

4. Ritiene la Sezione che l’appello del Ministero dell’Interno sia fondato e vada accolto.

4.1. Va respinta l’eccezione di inammissibilità dell’appello del genericità, formulata dall’appellato.

Infatti, le censure del Ministero dell’Interno sono state specificamente formulate avverso ogni passaggio argomentativo della ratio decidendi posta a base della sentenza impugnata.

4.2. L’art. 8 del d.l. n. 11 del 2009, convertito nella legge n. 38 del 2009, prevede che:

«1. Fino a quando non è proposta querela per il reato di cui all’art. 612 bis c.p., …, la persona offesa può esporre i fatti all’autorità di pubblica sicurezza avanzando richiesta al questore di ammonimento nei confronti dell’autore della condotta. La richiesta è trasmessa senza ritardo al questore».

«2. Il questore, assunte se necessario informazioni dagli organi investigativi e sentite le persone informate dei fatti, ove ritenga fondata l’istanza, ammonisce oralmente il soggetto nei cui confronti

è stato richiesto il provvedimento».

4.3. Il Questore, nell’ambito dei suoi poteri discrezionali, può valutare il se ed il quando emanare il provvedimento di ammonizione: oltre ad essere titolare del potere di emettere o meno la misura, egli può decidere se emanare senza indugio il provvedimento di ammonizione, oppure se le circostanze consentano di avvisare il possibile destinatario dell’atto, con l’avviso di avvio del procedimento, previsto dall’art. 7 della legge n. 241 del 1990.

4.4. Nella specie, il provvedimento del Questore ha dato espressamente atto che sussistevano «particolari esigenze di celerità del procedimento amministrativo» e che la misura andava senz’altro emessa, «al fine di scongiurare il possibile scatenarsi di dinamiche reattive ulteriori».

Una tale valutazione risulta del tutto ragionevole, in considerazione del fatto che, nella richiesta inviata al Questore, la ex convivente dell’appellato aveva segnalato le proprie preoccupazioni per la situazione venutasi a verificare, evidenziando anche che egli risultava titolare di una licenza di polizia per porto d’armi.

4.5. Va dunque respinta la censura di primo grado, di violazione dell’art. 7 della legge n. 241 del 1990: il provvedimento del Questore ha espressamente dato atto dell’urgenza, con una specifica valutazione contro la quale non sono state formulate specifiche contestazioni e che comunque risulta motivata e suffragata dalle risultanze del procedimento.

4.6. Peraltro, l’interessato a suo tempo ha proposto ricorso gerarchico avverso l’atto del Questore (senza prospettare in questa sede di aver proposto in quella sede la censura di violazione del citato art. 7), sicché sotto tale profilo si deve ritenere che in sostanza comunque egli ha potuto rappresentare le proprie ragioni in sede amministrativa, prima ancora di proporre il ricorso giurisdizionale.

5. Si deve dunque passare all’esame delle articolate censure dell’appellato, assorbite in primo grado, secondo cui il provvedimento del Questore sarebbe stato emanato in assenza dei relativi presupposti, poiché la richiesta di ammonimento aveva segnalato l’invio di alcuni messaggi alla settimana, in assenza di atti di violenza fisica o verbale.

Ritiene la Sezione che le censure dell’appellato, riproposte in questa sede, vadano respinte, perché infondate.

Dalla documentazione acquisita, emerge che la richiesta di emanazione dell’atto di ammonimento è stata formulata a seguito del ricevimento di una serie di sms e di email, nonché anche di messaggi scritti sul selciato della adiacente abitazione.

Il Questore ha complessivamente valutato la situazione, giungendo alla conclusione – di per sé ragionevole e motivata – per la quale la misura dell’ammonimento avrebbe potuto indurre l’interessato a non avere più comportamenti molesti nei confronti della richiedente.

Non rileva la circostanza evidenziata dall’appellato, sul numero di sms e di email trasmesse nel corso del tempo.

Infatti, dalla documentazione acquisita emerge che già nel corso del procedimento il Questore ha constatato la notevole ripetitività di tali contatti, malgrado la ripetuta richiesta che essi non ci fossero.

6. Per le ragioni che precedono, l’appello risulta fondato e va accolto e, previa reiezione delle censure assorbite in primo grado, il ricorso originario va respinto.

La condanna al pagamento delle spese dei due gradi del giudizio segue la soccombenza.

Di essa è fatta liquidazione nel dispositivo.

P.Q.M.

Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Terza) accoglie l’appello e, previa reiezione delle censure assorbite in primo grado, respinge il ricorso originario n. 593 del 2015.

Condanna l’appellato al pagamento – in favore del Ministero appellante – di euro 3.000 per spese ed onorari dei due gradi del giudizio, di cui euro mille per il primo grado ed euro 2.000 per il secondo grado.

Ordina che la presente sentenza sia eseguita dall’autorità amministrativa.

Così deciso in Roma, presso la sede del Consiglio di Stato, Palazzo Spada, nella camera di consiglio del giorno 26 maggio 2016, con l’intervento dei magistrati:

Luigi Maruotti, Presidente, Estensore Carlo Deodato, Consigliere
Lydia Ada Orsola Spiezia, Consigliere Paola Alba Aurora Puliatti, Consigliere Pierfrancesco Ungari, Consigliere

IL PRESIDENTE, ESTENSORE

DEPOSITATA IN SEGRETERIA Il 06/06/2016
IL SEGRETARIO
(Art. 89, co. 3, cod. proc. amm.)

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter.
Scarica L’articolo in PDF

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

I PROFESSIONISTI DEL NOSTRO NETWORK