Concorso magistratura 2016: testi ammessi e regole di scrittura
Lo sai che?
24 Giu 2016
 
L'autore
Maria Monteleone
 


Leggi tutti gli articoli dell'autore
 

Concorso magistratura 2016: testi ammessi e regole di scrittura

Il Ministero della Giustizia comunica quali sono i codici ammessi e le regole per la redazione e consegna degli elaborati.

 

Si avvicinano le date delle prove scritte del concorso a 350 posti di magistrato ordinario (5, 6 e 8 luglio 2016). Nel frattempo sono state pubblicate le indicazioni ministeriali in merito alla redazione e consegna dei temi e all’utilizzo dei testi e materiale ammesso.

 

 

Cosa non si può portare in aula d’esame

È fatto assoluto divieto di introdurre nell’aula d’esame:

– carta da scrivere,

– appunti,

– manoscritti,

– libri o pubblicazioni di qualunque genere non autorizzati,

– telefoni cellulari,

– agende elettroniche

– e qualsiasi strumento idoneo alla memorizzazione di informazioni o alla trasmissione di dati.
Le aule saranno sottoposte a schermatura e i concorrenti potranno essere sottoposti in qualsiasi momento a controlli.

 

Non è consentito introdurre borse di alcun tipo o dimensione.
I candidati, oltre agli indispensabili effetti personali, potranno portare con sé, per consumarli nel corso delle prove, alimenti e bevande contenuti in appositi sacchetti trasparenti.
Non sono previsti servizi di guardaroba o deposito bagagli; pertanto i candidati devono lasciare altrove qualsiasi oggetto di cui non è permessa l’immissione in sala.

 

 

Regole di scrittura del tema

Si raccomanda inoltre di:

 

NON SOTTOLINEARE I CODICI ED I TESTI DI LEGGE CHE SARANNO SOTTOPOSTI AL VAGLIO DELLA COMMISSIONE,

NON UTILIZZARE POST IT,

NON UTILIZZARE MATITE, EVIDENZIATORI O PENNARELLI.

 

I CANDIDATI DOVRANNO UTILIZZARE PENNE DI COLORE NERO O BLU.

IL TEMA DEVE ESSERE SCRITTO, SIA IN BELLA COPIA CHE NELLA MINUTA, CON PENNA DELLO STESSO COLORE.

 

Per espressa indicazione del presidente della Commissione:

E’ vietato, prima della dettatura della traccia, utilizzare i fogli protocollo forniti dall’Amministrazione per redigere appunti, schemi o annotazioni di qualunque genere.
Il candidato che contravviene alla presente disposizione sarà escluso dalla procedura concorsuale mediante immediata espulsione.

Al termine della prova, ogni candidato, pena l’espulsione,

– dovrà consegnare sia la bella che la brutta copia,

– nonché restituire all’Amministrazione i fogli residui non utilizzati.

Quali sono i codici ammessi?

Sono vietati i codici illustrati, annotati e/o commentati con dottrina e/o giurisprudenza (con esclusione delle sentenze della Corte Costituzionale riportate in addenda ai singoli articoli interessati direttamente dalle pronunzie di incostituzionalità totale o parziale), esplicitati articolo per articolo, muniti di schemi di qualunque genere, contenenti “mappe” esplicative o “tabelle” che non siano quelle previste dalla legge (ad es. in materia di stupefacenti), aggiunta, suggerimenti o specificazioni di tipo dottrinario o enciclopedico di qualunque tipo.

 

In conformità agli orientamenti espressi dalle Commissioni dei precedenti concorsi nazionali in Magistratura, sono ammissibili i codici comunemente diffusi in commercio, corredati da indici cronologici, analitico-alfabetico (o sistematico-alfabetico) e/o sommario.

 

Si rammenta, infine, che la Commissione esaminatrice procederà al controllo dei codici e dei testi ammessi in ogni momento della procedura (tutti i giorni compreso il giovedì di sospensione) sino alla conclusione delle prove concorsuali. Salvo che il candidato non si ritiri, gli è fatto divieto di portare via, al termine delle prime due prove scritte, i codici che ritenga non più utilizzabili.

 

L’Amministrazione presenterà denunzia penale nei confronti del candidato che verrà trovato in possesso di un codice dolosamente artefatto.

 

Infine, il Ministero comunica che le domande (ammesse) di partecipazione al concorso magistratura 2016 sono 16.144.


[1] Ministero della Giustizia, avviso del 24.6.16.

 


richiedi consulenza ai nostri professionisti

 
 
Commenti