La compensazione
Professionisti
25 Giu 2016
 
L'autore
Edizioni Simone
 


Leggi tutti gli articoli dell'autore
 

La compensazione

Compensazione: nozione, tipologie di compensazione (legale, giudiziale, volontaria) e crediti che non ammettono compensazione.

 

La compensazione si verifica quando due soggetti sono contestualmente creditore e debitore l’uno dell’altro (Tizio deve a Caio 1000, Caio deve a Tizio 800); la legge in tal caso dispone che, senza dar luogo a due adempimenti, le obbligazioni reciproche si estinguono fino a concorrenza dell’ammontare comune, rimanendo in vita, per il residuo, quella eventualmente di ammontare maggiore (Tizio dovrà 200 a Caio).

 

La giurisprudenza e la dottrina prevalente ritengono necessaria l’autonomia dei rapporti obbligatori (BIANCA), che, quindi, devono avere fonte diversa: ad es., in un contratto sinallagmatico la reciprocità delle prestazioni inerisce alla causa del contratto e non può essere eliminata attraverso il meccanismo della compensazione. Il fondamento dell’istituto si rinviene nell’esigenza di evitare due adempimenti separati (economicità degli atti giuridici) e di evitare, per i singoli soggetti, il rischio di adempiere o dover adempiere senza ricevere la controprestazione.

 

 

Tipi di compensazione

Il nostro codice elenca tre tipi di compensazione:

 

compensazione legale, che si verifica tra debiti: omogenei (che abbiano per oggetto somme di denaro o altre quantità di cose fungibili dello stesso genere); liquidi (certi e determinati nel loro ammontare); esigibili (non sottoposti a termine).

L’estinzione dei due debiti opera fin dal giorno della loro coesistenza. Tuttavia, il giudice non può rilevare d’ufficio la compensazione e, pertanto, la parte che vuole avvalersene, ha l’onere di sollevare la relativa eccezione. Questa disciplina fa discutere se l’effetto estintivo si produca automaticamente dal giorno della coesistenza dei debiti (BIANCA, BARBERO) o se sia reso operante dall’opposizione di colui che deve adempiere. In particolare, si osserva (GAZZONI) che il legislatore, attraverso l’onere di sollevare la relativa eccezione, ha lasciato alla parte la possibilità di valutare il proprio interesse all’adempimento e si è riconosciuto (BIGLIAZZI-GERI) nel potere di opporre la compensazione un diritto potestativo non processuale al cui esercizio consegue, con effetto retroattivo, l’estinzione delle obbligazioni;

 

compensazione giudiziale: si verifica quando il debito opposto, anche se non liquido, è di «facile e pronta liquidazione»; in questo caso, la compensazione opera della sentenza, che ha pertanto carattere costitutivo. In tale ipotesi, il giudice può — con efficacia ex nunc — pronunciare la compensazione per la parte del debito che riconosce esistente o, addirittura, sospendere la condanna per il credito liquido fino all’accertamento di quello opposto in compensazione;

 

compensazione volontaria (art. 1252): si ha in seguito a un accordo tra le parti che intendano compensare le rispettive ragioni, anche se non ricorrono alcune delle condizioni richieste dalla legge (ad es., debiti di cose non omogenee).

 

 

Crediti che non ammettono compensazione

Alcuni crediti, per la loro causa, esigono che la prestazione sia comunque eseguita, sicché non possono essere oggetto di compensazione ai sensi dell’art. 1246:

 

— i crediti per la restituzione di cose di cui il proprietario sia stato ingiustamente spogliato;

 

— i crediti per la restituzione di cose depositate o date in comodato. In questo caso il divieto è posto a tutela dell’interesse del depositante e del comodante a riottenere la cosa propria, per cui la compensazione non si verifica, ad es., nell’ipotesi in cui Tizio e Caio siano titolari di crediti reciproci e scaduti aventi ad oggetto rispettivamente il deposito gratuito di un frigorifero del valore di 500 euro ed il comodato di una bicicletta di analogo valore;

 

— i crediti dichiarati impignorabili;

 

— i crediti circa i quali vi è stata rinunzia preventiva del debitore;

 

— i crediti per i quali è stabilito un divieto dalla legge (ad es., credito alimentare: art. 447).iniziale o a condizione sospensiva).

 

Manuale-di-Istituzioni-di-Diritto-Privato

 

 

 

 


 


richiedi consulenza ai nostri professionisti

 
 
Commenti