Notifica di cartelle Equitalia nulla senza avviso alla porta?
Lo sai che?
26 Giu 2016
 
L'autore
Redazione
 


Leggi tutti gli articoli dell'autore
 

Notifica di cartelle Equitalia nulla senza avviso alla porta?

Ho ricevuto una notifica di una cartella di Equitalia mentre ero assente ma il postino non ha affisso avviso di deposito alla Casa comunale alla porta della mia abitazione come prescrive il codice di procedura civile all’art. 140. È valida la notifica?

 

In caso di irreperibilità del destinatario della notifica di una cartella di pagamento, il codice di procedura [1] stabilisce che, se non è possibile eseguire la consegna dell’atto da notificare per irreperibilità del destinatario o per incapacità o rifiuto delle altre persone presenti in casa (familiari conviventi o donna addetta alle pulizie), l’ufficiale giudiziario deposita la copia nella casa del Comune dove la notificazione deve eseguirsi e affigge avviso del deposito in busta chiusa e sigillata alla porta dell’abitazione o dell’ufficio o dell’azienda del destinatario, e gliene dà notizia per raccomandata con avviso di ricevimento.

 

Può dirsi violato il codice di procedura civile per non avere il soggetto notificatore affisso dietro la porta del destinatario l’avviso di deposito dell’atto notificando presso la casa comunale? La questione è stata di recente decisa dalla Cassazione [2] secondo cui tale vizio non comporta alcuna nullità della notifica se il postino o il messo notificatore ha completato la procedura immettendo il relativo avviso nella cassetta delle lettere e ha anche inviato la seconda raccomandata di avviso, in cui si comunica al destinatario che la cartella può essere ritirata presso la Casa Comunale presso cui è stata depositata. In ogni caso, si tratterebbe di eventuale nullità sanata dalla proposizione del ricorso.

 

La Corte Costituzionale [3] ha dichiarato illegittima la predetta norma nella parte in cui prevede che la notifica si perfeziona, per il destinatario, con la spedizione della raccomandata informativa, anziché con il ricevimento della stessa o, comunque, decorsi dieci giorni dalla relativa spedizione.


[1] Art. 140 cod. proc. civ.

[2] Cass. sent. n. 13073/16 del 23.06.2016.

[3] C. Cost. sent. n. 3/2010

 


richiedi consulenza ai nostri professionisti

 


Download PDF SCARICA PDF
 
 
Commenti