HOME Articoli

Editoriali Pubblicato il 27 giugno 2016

Articolo di

Editoriali Separazione: col divorzio le condizioni non si cambiano più

> Editoriali Pubblicato il 27 giugno 2016

Divorzio breve: il breve decorso del tempo non consente più di rivedere le condizioni fissate dalla sentenza di separazione.

 

Rivoluzione in materia di separazione e divorzio: dopo l’introduzione della nuova legge sul divorzio breve, il giudice – chiamato a sciogliere definitivamente il matrimonio – non può più mutare le condizioni di separazione fissate solo sei mesi (o, al massimo un anno) prima. È quanto chiarisce il tribunale di Brescia con una recente ordinanza [1].

Il divorzio breve

Come noto, la recente riforma ha mutato i termini di attesta che devono (tutt’ora) sussistere tra la separazione e il divorzio, termini che un tempo erano sempre di 3 anni. Oggi, invece, la coppia separata si può divorziare dopo:

  • 6 mesi, se la separazione è stata consensuale
  • 1 anno, se la separazione è stata giudiziale (ossia senza il consenso reciproco, ma con l’intervento del giudice in una ordinaria causa).

Questo termine decorre, nel caso di:

  • separazione consensuale, dall’udienza innanzi al Presidente del tribunale che ha confermato l’accordo dei coniugi;
  • separazione giudiziale, dall’udienza innanzi al Presidente, che si svolge prima della causa, in cui vengono fissate le condizioni provvisorie di separazione in attesa della sentenza definitiva;
  • separazione in Comune, dalla data di firma dell’accordo di separazione innanzi all’ufficiale di Stato civile;
  • separazione con negoziazione assistita, dalla data di firma dell’accordo stilato dai rispettivi avvocati delle parti.

Le condizioni di separazione si possono sempre modificare

In materia di famiglia, vige il principio secondo cui i provvedimenti del giudice non sono mai irrevocabili, a differenza di quel che succede, invece, in qualsiasi altro settore del diritto (dove la sentenza, una volta divenuta definitiva, non può essere più ritoccata). Quando sono in gioco i diritti degli ex coniugi e/o dei figli, le sentenze possono essere riviste nel loro contenuto quando cambiano le condizioni dei soggetti coinvolti nella vicenda familiare. Ad esempio, se la moglie, che prima ha ottenuto il mantenimento per via del suo stato di disoccupazione, riesce a trovare lavoro, il giudice può revocare l’obbligo dell’ex marito di versare l’assegno mensile. Se il figlio, divenuto maggiorenne, ottiene un reddito stabile, non ha più diritto al mantenimento. E così via.

In virtù di questo principio, si è sempre detto che il giudice del divorzio non è vincolato da quanto deciso, dal suo collega, in sede di separazione: egli potrebbe rivedere quindi gli obblighi economici dei coniugi così come decidere diversamente anche in merito all’affidamento dei figli.

Ciò però aveva un senso quando tra separazione e divorzio dovevano decorrere almeno tre anni. Oggi, invece, le cose sono notevolmente mutate e, dopo sei mesi (o, al massimo, un anno), le condizioni dell’ex marito e dell’ex moglie possono non essersi modificate affatto. Dunque, il giudice ha le mani legate, apparendo del tutto ingiustificata un’eventuale revisione delle condizioni di separazione con la sentenza di divorzio. Infatti, la circostanza che la separazione sia “particolarmente recente” contribuisce a far sì che non ci siano mutamenti tali da giustificare la revisione delle condizioni.

Per rivedere le condizioni economiche decise in sede di separazione, ricorda l’ordinanza in commento, l’assetto emerso durante la separazione, seppur non vincolante, rappresenta un indice di riferimento idoneo a fornire elementi utili per valutare sia il tenore di vita coniugale che le condizioni economiche delle parti.

Tutto può succedere…

In ogni caso, poiché “tutto può succedere”, ben potrebbe succedere che uno dei due coniugi, in un brevissimo tempo dalla separazione, veda mutare le proprie condizioni di reddito: in tal caso, se tali circostanze riusciranno ad essere adeguatamente provate, potranno dar vita, anche in caso di divorzio breve, al mutamento delle condizioni di separazione.

note

[1] Trib. Brescia, ord. 13.05.2016.

TRIBUNALE DI BRESCIA

­ Sezione Centrale Civile ­

Nella causa civile R.G. n. (…) 2015 promossa da (…)

contro (…)

Il giudice delegato a svolgere le funzioni presidenziali, a scioglimento della riserva assunta all’udienza del 13 maggio 2016, esaminati atti e documenti di causa, analizzate le questioni controverse, ha pronunciato la seguente

ORDINANZA Rilevato che:

le parti, genitori di (…) e (…) si sono separate come da sentenza in data 24 novembre 2015, pronunciata sulla base di conclusioni congiunte, che prevedono: l’obbligo del padre di contribuire al mantenimento del figlio (…) con la somma mensile di euro 100,00 e a quello della madre con quella di euro 400,00 mensili, nonché l’assegnazione della casa coniugale, di proprietà del sig. (…) alla moglie;

l’attore ha domandato la cessazione degli effetti civili del matrimonio, con revoca di ogni precedente statuizione economica, allegando la raggiunta indipendenza economica del figlio (…) la convenuta si è opposta, affermando che nulla sarebbe cambiato dai tempi della separazione;

ritenuto che:

ai fini delle statuizioni economiche nel giudizio di divorzio, l’assetto economico relativo alla separazione, pur non essendo vincolante per il giudice, può rappresentare un valido indice di riferimento nella misura in cui appaia idoneo a fornire utili elementi di valutazione relativi al tenore di vita goduto durante il matrimonio e alle condizioni economiche dei coniugi (Cass. Civ., Sez. I, 19.10.2006, n. 22500);

tale valore orientativo delle condizioni di separazione è in particolar modo evidente nella fase presidenziale del giudizio di divorzio, ove il materiale probatorio è ridotto ed il giudice deve adottare i provvedimenti temporanei ed urgenti sulla base di una cognizione sommaria: è allora evidente che quanto stabilito (in seguito a compiuta attività istruttoria) o concordato (in ossequio alla volontà dei coniugi) in sede di separazione assume un importante valore indiziario ai fini delle determinazioni provvisorie di tipo economico, soprattutto quando poco tempo sia trascorso dalla separazione all’udienza presidenziale di divorzio;

nel caso di specie, la sentenza di separazione è particolarmente recente e non risulta che siano intervenute modifiche tali, nella condizione delle parti, da giustificare una eliminazione del mantenimento in favore della moglie (la quale, nel contempo, ha pure perso il lavoro) o in favore del figlio (…), tenuto conto che il suo (provvisorio) trasferimento negli Stati Uniti non sembra consentirgli una vera e propria indipendenza economica e, soprattutto, è un fatto precedente alla pronuncia di separazione (risalente, secondo la concorde prospettazione delle parti, all’ottobre 2015);

devono pertanto trovare conferma, in via provvisoria, le condizioni di separazione; P.Q.M.

visto l’art. 4 1. div.,

conferma in via provvisoria le condizioni di separazione;

nomina giudice istruttore il dott. Andrea Tinelli;

fissa l’udienza del 29 settembre 2016 ad ore 9.00 per comparizione dei soli difensori e trattazione;

assegna termine: a) a parte ricorrente sino al 30 giugno 2016 per il deposito in cancelleria di memoria integrativa che deve avere il contenuto di cui all’art. 163 comma 3 numeri 2), 3), 4), 5) e 6) c.p.c.; b) a parte convenuta sino a dieci giorni prima dell’udienza per la costituzione in giudizio ai sensi degli artt. 166 e 167 commi 1 e 2 c.p.c., nonché per la proposizione delle eccezioni processuali e di merito non rilevabili d’ufficio;

avverte parte convenuta che la costituzione oltre il suddetto termine implica le decadenze di cui all’art. 167 c.p.c. e che oltre il termine stesso non potranno più essere proposte le eccezioni processuali e di merito non rilevabili d’ufficio;

ordina la comunicazione degli atti al P.M.;

invita le parti ad un accordo: in caso di accordo, le stesse potranno chiedere una anticipazione della udienza e presentare conclusioni congiunte.

Si comunichi.

Così deciso in Brescia, il 13 maggio 2016. Depositata in Cancelleria il 13 maggio 2016.

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter.
Scarica L’articolo in PDF

ARTICOLI CORRELATI

1 Commento

SERGIO NICOSIA

29 giugno 2016 alle 10:59

La mia ex moglie mi scrive con un sms che da domani non vedrò più mia figlia xkè la sentenza di affidamento condiviso è stata cambiata nella sentenza di divorzio dove io non ero presente dato ke ero presente (non sapevo neanke ke dovevo andare) e il giudice ha deciso genialmente di annullare la sentenza ke dal 2008 era in vigore e deciso senza ascoltarmi per l’affidamento esclusivo e quindi legalmente non sono più il papà di mia figlia Anastasia xkè sono un padre di merda ma adesso sarà guerra e vedremo se non mi ridanno a mia figlia che piange da oggi e sua madre che è una madre di merda le dice che non è lei che ha deciso ma il giudice … VERGOGNA

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

I PROFESSIONISTI DEL NOSTRO NETWORK