HOME Articoli

Lo sai che? Pubblicato il 30 giugno 2016

Articolo di

Lo sai che? Donazione di immobile revocata se il figlio non assiste il genitore

> Lo sai che? Pubblicato il 30 giugno 2016

La nuda proprietà della casa donata torna al padre usufruttuario se il figlio non gli presta assistenza.

La donazione con cui il genitore trasferisce al figlio la nuda proprietà di un immobile (conservando per sé l’usufrutto) può essere subordinata alla condizione che il donatario si prenda cura, vita natural durante, del donante. In tal caso si parla della cosiddetta donazione modale [1], con la conseguenza che, se il beneficiario della donazione non adempie al proprio obbligo di prestare l’assistenza richiesta, si può vedere revocato il trasferimento della nuda proprietà. È quanto chiarito dal Tribunale di Cagliari in una recente sentenza [2].

Il codice civile stabilisce che la donazione può essere gravata da un “onere” come, appunto, una prestazione vitalizia di assistenza in favore del donante. Il donatario, al pari di qualsiasi controparte contrattuale, è tenuto a rispettare tale obbligo, adempiendo l’onere, tuttavia entro i limiti del valore della cosa donata; ad esempio, al donatario non possono essere chiesti sforzi economici superiori al prezzo di mercato del bene donato. Oltre tale limite, infatti, egli può esimersi dal rispettare l’onere.

In caso di inadempimento a tale obbligo da parte del donatario, il donante – o, in caso di successivo decesso, i suoi eredi – può chiedere la risoluzione della donazione per inadempimento, il che significa, da un punto di vista pratico, che il bene donato ritorna al precedente proprietario.

La donazione della nuda proprietà

La donazione modale si è diffusa soprattutto tra genitori e figli per evitare le scartoffie sulla successione e iniziare a disporre dei beni di famiglia tra i vari eredi già prima del decesso del proprietario. Proprio perché la donazione viene effettuata in età avanzata, il genitore vuol garantirsi due utilità:

  • la possibilità di continuare a vivere nell’immobile donato: a tal fine, egli regala solo la “nuda proprietà” della casa, riservandosi però il diritto di usufrutto, ossia di poter continuare ad abitare nell’immobile;
  • la possibilità che il beneficiario della donazione si prenda cura di lui nei momenti di difficoltà fisica: a tal fine, il donante sottopone la donazione alla condizione che il donatario gli presti un’assistenza fino al termine dei suoi giorni. Si realizza così la cosiddetta donazione modale.

La donazione modale

Trasferire la nuda proprietà dell’immobile in cambio di una prestazione vitalizia di assistenza costituisce una donazione gravata da onere modale, onere tuttavia che non costituisce un corrispettivo tale da trasformare la donazione in una vendita e non snatura la gratuità del gesto. Tuttavia se il donatario non si prende effettivamente cura del donante, la donazione può essere “cancellata” per inadempimento.

Per stabilire se si tratti o meno di donazione modale è bene leggere con attenzione l’atto di donazione siglato davanti al notaio. È in esso che deve risultare, in modo chiaro, l’onere per il donatario. Non si può considerare quindi una semplice “clausola di stile”, dal valore formale e non sostanziale, l’impegno del donatario a prendersi cura del donante in cambio della donazione: si tratta, al contrario, di un vero e proprio obbligo.

Tuttavia, è bene chiarire che il passaggio della proprietà si verifica immediatamente, alla stipula dell’atto di donazione e non subordinatamente a una successiva verifica dell’adempimento della prestazione del donatario. Piuttosto, in caso di inadempimento, il donante o i suoi eredi possono agire per ottenere la restituzione dell’immobile.

Nel caso di specie, il Tribunale ha risolto per inadempimento, in favore dell’anziano genitore, una donazione con riserva di usufrutto: in essa si stabiliva il trasferimento gratuito della nuda proprietà dell’immobile al donatario in cambio, da parte di quest’ultimo, di una prestazione vitalizia di assistenza in favore del donante. Per il giudice, lo spirito di liberalità è perfettamente compatibile con l’imposizione di un peso al beneficiato “purché esso, non assumendo il carattere di corrispettivo, costituisca una modalità del beneficio senza snaturare l’essenza di liberalità della donazione”. E dunque, la prestazione imposta al beneficiario di prestare assistenza al donante, in quanto finalizzata “al perseguimento di ulteriori fini di natura non patrimoniale”, non trasforma la donazione in una comune vendita.

Spetta comunque al donante o ai suoi eredi, che vogliano far sciogliere il trasferimento della proprietà, dimostrare l’inadempimento da parte del donatario.

note

[1] Art. 793 cod. civ.

[2] Trib. Cagliari sent. n. 1321/16 del 27.04.2016.

Tribunale di Cagliari – Sezione civile – Sentenza 27 aprile 2016 n. 1321

TRIBUNALE DI CAGLIARI

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

Il giudice, dott. Valeria PIRARI, ha pronunciato la seguente

SENTENZA

nella causa iscritta al numero 8696 del ruolo generale degli affari contenziosi civili dell’anno 2007, promossa da:

PI.VI., elettivamente domiciliato in VIA (…) CAGLIARI presso lo studio dell’avv. CA.MA. e dell’avv. TO.SE. che lo rappresentano e difendono in virtù di procura a margine dell’atto di citazione

– attore –

PI.IT., elettivamente domiciliato in VIA (…) CAGLIARI presso lo studio dell’avv. GA.FR. che lo rappresenta e difende in virtù di procura a margine della comparsa di costituzione e risposta

– convenuto –

MOTIVI DELLA DECISIONE

Preliminarmente, con atto di citazione ritualmente notificato in data 25 ottobre 2007, PI.VI., premesso di aver donato al figlio PI.IT., con atto del 6 aprile 2005, la nuda proprietà dell’immobile sito in Villaputzu, con accesso dalla via (…), in catasto al F. (…), di sua esclusiva proprietà, riservandosi il diritto di usufrutto vita natural durante e ponendo a carico del donatario l’onere di provvedere al suo mantenimento, indipendentemente dallo stato di bisogno, e all’assistenza materiale e morale, a fornire vitto e vestiario e a provvedere ad eventuali cure mediche ospedaliere, ai relativi medicinali e a quant’altro necessario ad una decorosa esistenza, a pena di risoluzione dell’atto di donazione ai sensi dell’art. 793 c.c., ha convenuto in giudizio quest’ultimo perché venissero accolte le domande di cui in epigrafe, sostenendo che il figlio, successivamente alla stipula del rogito, non avesse mai adempiuto all’onere assunto e l’avesse costretto ad assumere badanti a pagamento per ottenere l’assistenza materiale e morale di cui aveva bisogno.

Costituitosi in giudizio con comparsa depositata in data 14 gennaio 2008, PI.IT., concludendo come in epigrafe, ha negato di aver inadempiuto all’onere assunto, sostenendo di essersi recato quotidianamente presso l’abitazione paterna e di aver portato il vitto necessario e fornito l’assistenza richiesta, mentre era l’attore che aveva rifiutato le sue prestazioni, intimandogli di non recarsi a casa sua, e ha evidenziato come il contratto stipulato avesse carattere corrispettivo e non potesse considerarsi liberalità, e come, nel corso degli anni, avesse provveduto col proprio lavoro e le proprie risorse alla ristrutturazione dell’immobile.

Ciò premesso, la domanda attorea è fondata e deve pertanto trovare accoglimento. È innanzitutto documentalmente provato che la donazione onerata con riserva di usufrutto, di cui all’atto del 6 aprile 2005, avesse ad oggetto la nuda proprietà dell’immobile sito in Villaputzu, via (…), in catasto al F. (…), mappale (…), e che con essa fosse stato imposto al donatario, l’odierno convenuto, l’onere “di provvedere al mantenimento, a prescindere dallo stato di bisogno, e quindi di assistere materialmente e moralmente, per tutta la durata nella sua vita, il donante, fornendogli vitto e vestiario, provvedendo ad eventuali cure mediche, ospedaliere e ai relativi medicinali, e a quant’altro necessario ad una decorosa esistenza”, a pena di risoluzione della donazione ai sensi dell’art. 793 c.c.

In merito al contenuto del contratto di donazione gravata da onere modale che si concreti in una prestazione vitalizia di assistenza in favore del donante, la giurisprudenza di legittimità si è espressa sostenendo che lo spirito di liberalità sia perfettamente compatibile con l’imposizione di un peso al beneficiato purché esso, non assumendo il carattere di corrispettivo, costituisca una modalità del beneficio senza snaturare l’essenza di liberalità della donazione (cfr. Cass. 28.6.2005, n. 13876).

Ed è in questi termini che, si ritiene, deve essere interpretato il contratto in esame, non essendo in esso ravvisabile un vincolo di sinallagmaticità tra il trasferimento della nuda proprietà del bene e la prestazione imposta al beneficiato, siccome finalizzata quest’ultima al perseguimento di ulteriori fini di natura non patrimoniale del donante (quello ad ottenere assistenza da parte del figlio) atti a limitare il beneficio, senza incidere sulla causa del negozio in quanto non costituente una forma di compensazione economica per l’atto di liberalità.

La predetta valutazione appare del resto suffragata non soltanto dal nomen iuris impresso al .negozio in esame, dicente “donazione onerata con riserva di usufrutto”, e dalla stessa formulazione letterale delle pattuizioni in esso espressa, nei termini sopra riportati, ma anche dal fatto che lo stesso beneficiato, pur deducendo una diversa interpretazione del contratto nei termini della sua onerosità, non ha messo in dubbio che il bene ricevuto gli fosse stato trasferito come atto di liberalità.

Ebbene, la disciplina dettata dall’art. 793, co. 4, c.c. per la risoluzione della donazione modale, costituisce contestualmente applicazione del generale principio di cui all’art. 1372 c.c., secondo cui il contratto non può essere sciolto che per cause ammesse dalla legge, e regola peculiare dell’istituto cui inerisce, differente da quella generale in tema di risoluzione dei contratti, siccome tesa a garantire maggiore resistenza all’atto di liberalità rispetto alle vicende funzionali (vizi), che interferiscono negozio (cfr. sentenza citata).

Costituendo l’onere imposto una vera e propria obbligazione, poi, l’indagine, in presenza di un’azione di risoluzione ex art. 793 c.c., deve essere volta all’accertamento della imputabilità al donatario della sua mancata esecuzione (cfr. Cass. sez. un. 11.4.2012, n. 5702), stante l’assoggettabilità del rapporto alla disciplina ordinaria e ai criteri della responsabilità contrattuale, sia per quanto riguarda la fattispecie dell’adempimento, che deve essere curato con Ja diligenza del buon padre di famiglia ai sensi dell’articolo 1176 c.c., sia per quanto riguarda l’eventuale inadempimento, al quale si applicano i principi concernenti il grado sufficiente di colpa, l’onere della prova, la natura e l’entità dei danni risarcibili, la prescrizioni.

Ma se così è, non può non ritenersi come, in tema di prova dell’inadempimento di un’obbligazione, il creditore che agisca per la risoluzione contrattuale debba limitarsi a provare la fonte (negoziale o legale) del suo diritto, allegando la circostanza dell’inadempimento della controparte, mentre spetti al debitore convenuto la prova del fatto estintivo dell’altrui pretesa, costituito dall’avvenuto adempimento (per tutte, vedi Cass. 20 gennaio 2015, n. 826).

Nel caso di specie, il convenuto, pur gravato dal relativo onere, non ha dimostrato di avere esattamente adempiuto alla sua obbligazione, avendo i testi sentiti riferito che egli si era recato in casa del padre, dal mese di marzo 2007 al mese di marzo 2011, soltanto in due o tre occasioni, che l’attore si lamentava del fatto che il figlio si fosse rifiutato di fornirgli assistenza (vedi dichiarazioni rese da Pa.Eu., che aveva lavorato per l’attore), che l’attore era una persona sola, che da circa quattro anni (rispetto al mese di novembre 2011) aveva una persona che lo assisteva e che il figlio era stato visto in poche occasioni (vedi deposizione resa da Ma.Ma., che abitava a fianco all’attore).

Tali circostanze del resto non sono state smentite dagli ulteriori testi sentiti, avendo essi riferito genericamente di aver visto il convenuto passare nelle vicinanze, diretto, a suo dire, in casa del padre, senza specificarne la frequenza o le attività compiute (cfr. deposizione resa da Pi.Gi.), ovvero di aver saputo dall’attore che i nipoti, figli di It., gli avevano portato da mangiare, senza specificarne la frequenza e i riferimenti temporali (cfr. deposizione resa da Si.Se.).

Né può dirsi che l’adempimento fosse stato inibito dalla stessa condotta dell’attore, stante la laconicità della deposizione resa in merito da Si.Se., che lo aveva personalmente visto chiudere la porta, in faccia al figlio per non consentirgli l’accesso in casa, senza ulteriori specificazioni sulla data dell’accaduto, e da Pa.Eu., che ha ricordato di uria discussione avvenuta fra i due nel mese di ottobre 2007.

Se anche un litigio tra i due vi era stato, infatti, ciò non costituisce valido motivo per impedire l’eventuale prosecuzione dei rapporti, interrottisi invece per anni ad appena due dalla stipula dell’atto, senza contare che, ancor prima della discussione del mese di ottobre 2007, il convenuto era stato visto sulla porta della casa del padre soltanto due o tre volte. Considerato dunque l’inadempimento dell’onere imposto, con l’atto del 2005, al convenuto, deve ritenersi sussistano i presupposti per la risoluzione dell’atto di donazione oggetto di domanda.

Quanto alla domanda riconvenzionale proposta dal convenuto, deve ritenersene l’infondatezza, non avendo egli provato di avere svolto a sue spese, nell’unità immobiliare trasferitagli o in altre, lavori di ristrutturazione, rimasti peraltro generici anche in punto di deduzioni, ed essendo anzi emerso che quelli effettivamente posti in essere (ad esempio l’impianto elettrico) erano stati pagati proprio dall’attore (cfr. deposizioni rese dai testi sentiti).

Per quanto detto, la domanda riconvenzionale deve essere rigettata.

Le spese del giudizio, liquidate come in dispositivo, seguono la soccombenza e devono essere poste a carico del convenuto.

P.Q.M.
IL GIUDICE
definitivamente pronunciando,

1. Dispone la risoluzione dell’atto di donazione del 6 aprile 2005, intervenuto tra Pi.Vi. e Pi.It., avente ad oggetto la nuda proprietà dell’immobile sito in Villaputzu, con accesso dalla via (…), in catasto al F. (…);

2. Rigetta la domanda riconvenzionale proposta da Pi.It.;

3. Condanna Pi.It. alla rifusione in favore di Pi.Vi. delle spese processuali che liquida in complessivi Euro 4.000,00, oltre accessori di legge.

Così deciso in Cagliari il 22 aprile 2016. Depositata in Cancelleria il 27 aprile 2016.

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter.
Scarica L’articolo in PDF

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

I PROFESSIONISTI DEL NOSTRO NETWORK