HOME Articoli

Lo sai che? Pubblicato il 9 luglio 2016

Articolo di

Lo sai che? Come si riscuotono i voucher?

> Lo sai che? Pubblicato il 9 luglio 2016

Il lavoratore che viene pagato coi “buoni lavoro” ha l’esigenza di trasformarli in denaro: ecco come.

I voucher sono la modalità con cui vengono retribuiti i lavori occasionali e discontinui, e le prestazioni di lavoro accessorie, cioè non disciplinate da forme contrattuali tradizionali. I voucher hanno un valore di 10 euro l’uno: 7,5 euro vanno al lavoratore e le restanti 2,5 euro sono necessarie alla copertura Inps e Inail.

I buoni lavoro possono essere utilizzati seguendo precise condizioni, in particolar modo per quanto concerne il valore delle somme percepite:

  • i compensi ricevuti dal lavoratore nel corso dell’anno solare (cioè dal 1 gennaio a 31 dicembre) non possono oltrepassare il limite di 7.000 euro netti (9.333 euro lordi).
  • i compensi ricevuti da imprenditori commerciali o liberi professionisti non possono superare nell’anno solare i 2.020 euro netti (2.693 euro lordi) per ciascun committente [1].

Riscuotere i buoni lavoro

I buoni lavoro sono riscuotibili presso tutti i rivenditori autorizzati, dal secondo giorno successivo alla fine della prestazione di lavoro accessorio, per un importo massimo 1.500 euro al giorno e 500 euro come limite per ogni singola operazione di riscossione.

I buoni lavoro possono essere incassati presso gli uffici postali, le tabaccherie convenzionate e gli sportelli bancari. Per riscuotere i buoni lavoro, però, bisogna fare attenzione alla modalità con la quale il datore di lavoro li ha acquistati:

– se acquistati presso l’Inps, si possono riscuotere presso gli uffici postali entro 2 anni dal giorno dell’emissione;

– se acquistati presso le tabaccherie, si possono riscuotere presso le tabaccherie abilitate entro 1 anno dal giorno dell’emissione, dal secondo giorno successivo alla fine della prestazione di lavoro accessorio. Non tutti i tabaccai sono rivenditori autorizzati. Per sapere se in quell’esercizio si vendono e cambiano “buoni lavoro”, bisogna verificare che in vetrina vi sia un particolare adesivo “qui Inps”. Altrimenti, più semplicemente, l’Inps, sul proprio sito internet, ha messo a disposizione un servizio che consente di individuare le tabaccherie autorizzate digitando il cap e il Comune di proprio interesse al seguente link: http://serviziweb.tabaccai.it/voucherinps/

– i buoni lavoro acquistati presso le banche si possono riscuotere solo all’interno del medesimo circuito bancario, entro 1 anno dal giorno dell’emissione, dopo 24 ore dalla fine della prestazione di lavoro accessorio;

– i buoni lavoro acquistati presso gli uffici postali sono riscuotibili presso i medesimi uffici, dal secondo giorno successivo alla fine della prestazione di lavoro, entro 2 anni dal giorno dell’emissione;

I buoni lavoro telematici possono essere riscossi tramite:

– Inps Card (carta prepagata di Poste Italiane sulla quale è possibile accreditare la pensione);

– bonifico domiciliato, da incassare presso gli uffici postali.

Il lavoratore, per incassare i buoni, deve esibire carta d’identità e codice fiscale. Effettuato il pagamento, viene rilasciata un ricevuta riepilogativa di tutti i voucher che sono stati pagati al prestatore. Qualora sorgano delle problematiche sul pagamento, il lavoratore deve rivolgersi alla sede Inps.

I voucher sono di proprietà del lavoratore, che è il solo a poter procedere alla riscossione. Nè il datore di lavoro, nè altre persone delegate dal lavoratore possono effettuare l’incasso.

note

[1] Valore aggiornato al 2015.

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter.
Scarica L’articolo in PDF

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

I PROFESSIONISTI DEL NOSTRO NETWORK