Autovelox e tutor: in quali strade sono installati?
Lo sai che?
10 Lug 2016
 
L'autore
Redazione
 


Leggi tutti gli articoli dell'autore
 

Autovelox e tutor: in quali strade sono installati?

Le strade e autostrade dove possono trovarsi tutor, autovelox fissi e autovelox mobili: le postazioni della polizia di strada.

 

Dove sono gli autovelox e i tutor? In quali strade è possibile che venga scattata la fotografia per eccesso di velocità e dove si nasconde la polizia con gli apparecchi mobili? Si potrebbe pensare che si tratti di informazioni segrete, per giocare sull’effetto “sorpresa” per gli automobilisti e costringerli così, nel timore di essere multati, a mantenere sempre moderata la velocità. E invece non è così e, anzi, è possibile sapere in anticipo dove si trovano i tutor e in quali strade è possibile trovare gli autovelox mobili o fissi. Del resto, se un principio di sicurezza stradale e di trasparenza dell’azione amministrativa vuole che gli automobilisti siano preventivamente avvisati, con un cartello stradale, della presenza del rilevatore elettronico di velocità (leggi “Perché tutor e autovelox anno segnalati prima?”) è anche vero che non è affatto contraddittorio comunicare in anticipo anche le strade ove si trovano tutor e autovelox.

 

Questo servizio è, tuttavia, erogato solo dalla polizia stradale che, ogni settimana, rende noto alla collettività e aggiorna, sul proprio sito, le informazioni relative a dove sono tutor e autovelox. Non quindi dai Comuni che potrebbero aver collocato, sulle strade di propria pertinenza, ulteriori autovelox, presidiandoli con i vigili urbani o la polizia municipale.

 

In ogni caso, chiunque, collegandosi sul sito della polizia di stato, prima di mettersi in viaggio, può sapere dove si trovano tutor, autovelox mobili e autovelox fissi.

 

 

Tutor e Autovelox fissi

I tutor sono tutti fissi. Essi, infatti, avendo la funzione di rilevare la velocità media dei veicoli, sono costituiti da due postazioni di rilevamento: la prima (cosiddetta porta in entrata) intercetta le auto man mano che passano; la seconda invece (cosiddetta porta in uscita) riconosce le stesse auto prima fotografate e confronta i tempi di percorrenza in rapporto allo spazio percorso. In questo modo, il computer riesce a comprendere se il veicolo, nel viaggiare nel tratto di strada compreso tra le due porte, ha superato o meno i limiti di velocità.

 

L’autovelox fisso, invece, è costituito generalmente da un apparecchio, a volte contenuto in un box protettivo, azionato senza la contestuale presenza della polizia. In tal caso, l’automobilista che vi passa a fianco potrebbe non accorgersi della presenza del misuratore elettronico qualora il suo occhio fosse invece intento a cercare i lampeggianti della volante parcheggiata a bordo strada.

 

Per conoscere l’elenco delle postazioni di autovelox fisse in autostrada clicca qui.

Per conoscere invece l’elenco delle postazioni di autovelox fisse sulle strade statali clicca qui.

 

 

Autovelox mobili

Per quanto riguarda invece gli autovelox mobili, come si diceva, l’elenco viene aggiornato settimanalmente ed è scaricabile su https://www.poliziadistato.it/articolo/175 in base alla Regione (i singoli file pdf possono essere scaricati sulla destra della pagina).


Autore immagine: 123rf com

 


richiedi consulenza ai nostri professionisti

 


Download PDF SCARICA PDF
 
 
Commenti
10 Lug 2016 GRANDE Vincenzo

ma i tutor sono legali su strade a scorrimento per una corsia di marcia senza il divisorio centrale? grazie