Detassazione stipendio, cosa fare per averne diritto
Lo sai che?
15 Ago 2016
 
L'autore
Noemi Secci
 


Leggi tutti gli articoli dell'autore
 

Detassazione stipendio, cosa fare per averne diritto

Tassazione sostitutiva premi di risultato e detassazione del welfare aziendale: quali sono i benefici, chi ne ha diritto, che cosa fare per ottenerli.

 

La Legge di stabilità 2016 ha previsto delle nuove importanti agevolazioni per i dipendenti: si tratta della tassazione sostitutiva, pari al 10%, delle cosiddette retribuzioni di risultato, cioè dei compensi legati al miglioramento della qualità, produttività, efficienza, innovazione etc. La detassazione può anche essere totale, se i premi sono erogati sotto forma di servizi di welfare aziendale (ad esempio benefit o servizi di assistenza per i familiari).

Non tutti i dipendenti, però, possono usufruire di questi benefici; inoltre, perché si possa applicare la detassazione, devono essere depositati degli accordi collettivi e devono essere previsti dei criteri chiari ed omogenei per stabilire la sussistenza di effettivi miglioramenti della produttività o degli altri standard dell’azienda.

 

 

Detassazione: quali dipendenti ne hanno diritto

I lavoratori che possono usufruire degli sgravi fiscali sono coloro che possiedono un reddito da lavoro dipendente non superiore a 50.000 euro. Per la verifica di questo limite devono essere considerati anche i premi di risultato detassati, nonché eventuali rapporti di lavoro con aziende diverse; se i premi in denaro, però, sono sostituiti con i servizi di welfare, non vanno compresi nella soglia limite.

L’importo detassato non può superare 2.000 euro annui, o 2.500 euro se l’azienda coinvolge i dipendenti attivamente nell’organizzazione. Non sono previsti limiti nel caso in cui al posto dei premi in denaro siano erogati servizi.

 

 

Detassazione: gli adempimenti dell’azienda

Per poter applicare la tassazione al 10% o la detassazione totale, l’azienda è tenuta:

 

– a siglare un accordo collettivo in cui si fissino i criteri di produttività (cioè gli obiettivi di miglioramento della qualità, dell’efficienza, dell’innovazione, etc.), concluso con le organizzazioni sindacali comparativamente più rappresentative sul piano nazionale;

– a depositare l’accordo presso la DTL (Direzione territoriale del lavoro), in via telematica, entro 30 giorni dalla sottoscrizione;

– a verificare, prima di applicare la detassazione, se gli obiettivi fissati nell’intesa sindacale sono stati raggiunti.

 

 

Detassazione: quali sono i benefici

Oltre ai premi in denaro, che fruiscono della tassazione sostitutiva del 10%, l’azienda può riconoscere i seguenti servizi, che non sono tassati:

 

– servizi per i figli dei dipendenti, come gite didattiche, centri estivi, sostegno scolastico, ingressi a ludoteche, frequenza di centri sportivi e borse di studio;

– lavori e attività di manutenzione domestica;

– servizi di sostegno allo sviluppo familiare, come asili nido aziendali o prestazioni di baby-sitting;

assistenza sanitaria integrativa;

previdenza complementare;

– servizi di assistenza destinati a familiari anziani o comunque non autosufficienti;

– incentivi alla mobilità sostenibile;

– misure che favoriscono il benessere dell’individuo nel suo complesso;

– altre misure utili alla conciliazione famiglia-lavoro (work life balance).

 

La detassazione totale è applicata anche quando l’azienda offre i servizi sotto forma di voucher. È però indispensabile che il buono sia:

 

– nominativo (cioè identifichi univocamente chi può fruirne);

– non utilizzabile da persona diversa dal titolare;

– non monetizzabile o cedibile a terzi.

 

Il voucher, inoltre, deve dare diritto a un solo bene o servizio per l’intero valore nominale (cioè indicato nel buono), senza che possa essere integrato dal titolare (come una sorta di buono sconto).

 

 

I controlli dell’Agenzia delle Entrate

Per scoraggiare i furbetti degli sgravi fiscali, i controlli dell’Agenzia delle Entrate saranno molto dettagliati. In particolare, l’Agenzia verificherà:

 

– l’esistenza di un accordo collettivo sui criteri di produttività effettivamente depositato alla Dtl;

– il raggiungimento degli obiettivi prefissati che danno diritto alla detassazione;

– l’applicazione dei benefici in modo obiettivo (ad esempio per categorie omogenee di dipendenti e non per un solo lavoratore, o per pochi dipendenti non appartenenti oggettivamente a una categoria);

– il superamento delle soglie di reddito e l’effettiva capacità contributiva dei lavoratori.


 


richiedi consulenza ai nostri professionisti

 
 
Commenti