YouTube Kids, video senza rischi per bambini
News
14 Lug 2016
 
L'autore
Carlos Arija Garcia
 


Leggi tutti gli articoli dell'autore
 

YouTube Kids, video senza rischi per bambini

Attesa ancora in Italia, l’app di Google garantisce sugli smartphone IOS e Android contenuti per i più piccoli in totale sicurezza e rispetto della privacy.

 

Bambini più felici e genitori più tranquilli. E’ quanto garantisce Google con l’app YouTube Kids, l’applicazione per smartphone IOS e Android già presentata in alcuni Paesi americani ed europei e ancora attesa, almeno in forma ufficiale, in Italia.

L’app si rivolge a bambini tra i 3 e gli 8 anni, un segmento a rischio nell’intricato mondo del web, di cui, anche loro, diventano ogni giorno più esperti.

I baby-utenti di YouTube Kids possono trovare diverse macro-categorie: programmi (compresi i cartoni animati), musica, navigazione, consigliati e imparare. Quest’ultima, in particolare, propone ore di tutorial su matematica, filmati scientifici ed altro materiale didattico. Al suo debutto negli Usa, YouTube Kids ha siglato accordi con colossi come Dream Works Tv ed il National Geographic. I genitori hanno la possibilità di impostare un timer per limitare la visione ed evitare che i figli restino “attaccati” allo schermo dalla mattina alla sera.

 

 

YouTube Kids: come funziona

YouTube Kids funziona grazie ad un algoritmo che filtra i contenuti adatti ai bambini, sia quelli suggeriti dall’app, sia quelli trovati se si attiva l’opzione di ricerca. L’algoritmo fa una prima selezione ma uno staff del social media controlla, comunque, i contenuti, soprattutto quelli denunciati dai genitori perché potenzialmente inadeguati. Se mamma o papà inciampassero in uno di questi, devono solo cliccare sul menù e selezionare Notifica.

Nel momento in cui viene installata, l’app guida l’adulto nella configurazione. Non ci sarà alcun form da compilare, quindi i dati del bambino non verranno registrati. Non sarà possibile, quindi, aggiungere dei video o commentare quelli esistenti.

 

E’ possibile, inoltre, configurare il tipo di video che il bambino può vedere: se deve essere rivolto ai piccoli in età prescolare, a quelli più grandi oppure a entrambi. La configurazione può essere protetta da una password, in modo da evitare che un bambino particolarmente abile con la tecnologia cambi le scelte dei genitori.

 

Come nella versione di YouTube per gli adulti, anche in quella dei bambini c’è la pubblicità. Gli spot, però, sono legati al tipo di video che si deve visionare. Non ci sono né banner né annunci di certe categorie come cibo, bevande o prodotti di bellezza.

 

L’aspetto grafico è semplice. Nella parte superiore si trovano le icone delle categorie principali: consigliati, navigazione, programmi, imparare, musica. Nella prima categoria vengono mostrati i contenuti inerenti a quelli già visualizzati, come nella versione di YouTube a cui sono abituati gli adulti.

 

La domanda viene spontanea: come fa un bambino di 4 anni a cercare un contenuto se non sa ancora scrivere? Google ha pensato anche a questo. Cliccando sull’icona della ricerca (la solita lente di ingrandimento), appaiono sia una tastiera (per i bambini più grandi) sia un microfono rosso (per chi ancora va all’asilo). Grazie a questo microfono è possibile dettare la ricerca desiderata. Il sistema riconosce anche la voce dei bambini: mentre viene dettata la ricerca appare quello che si dice e l’app rettifica automaticamente eventuali errori.

 

Il filtro di YouTube Kids è piuttosto efficace. Un bambino è in grado di vedere i video di una cantante pop, ma solo quelli in cui la cantante sia vestita in modo decoroso. Se proprio non esistono, perché l’artista è troppo trasgressiva, i video non verranno visualizzati, ma appariranno dei tutorial per cantare le sue canzoni o per giocare con argomenti (innocui, ovviamente) che la riguardano.

 


 


richiedi consulenza ai nostri professionisti

 
 
Commenti