Prostitute: a chi va con le escort multe e carcere
Lo sai che?
17 Lug 2016
 
L'autore
Noemi Secci
 


Leggi tutti gli articoli dell'autore
 

Prostitute: a chi va con le escort multe e carcere

Sino a un anno di reclusione e multa da 10.000 euro, arriva il nuovo reato di acquisto dei servizi sessuali: quali comportamenti sono puniti.

 

Acquisto dei servizi sessuali“: si chiama così il nuovo reato previsto da un disegno di legge recentemente presentato alla Camera, finalizzato a contrastare la prostituzione e lo sfruttamento sessuale.

In base alla nuova normativa, chi viene sorpreso con una prostituta rischia multe sino a 10.000 euro e la reclusione sino a un anno. Ad essere puniti, dunque, non sono più solo lo sfruttamento e il favoreggiamento della prostituzione, ma anche il pagamento della prestazione sessuale.

Resta non punibile, invece, la prostituzione in sé: la prostituta, difatti, non ha responsabilità, perché la legge la presume vittima degli sfruttatori (cioè di chi si pone come “intermediario”) che dei clienti.

La prostituta può essere sanzionata, ma non penalmente, solo per l’adescamento. Parliamo di adescamento quando:

 

– una persona, in un luogo pubblico o aperto al pubblico, invita al libertinaggio in modo scandaloso o molesto;

– una persona segue i passanti per strada, invitandoli con atti e parole al libertinaggio.

 

 

Prostituzione: quali comportamenti sono punibili

Vediamo ora una breve carrellata dei principali reati previsti in materia di prostituzione:

 

sfruttamento della prostituzione: questo reato si concretizza quando una persona fa da intermediario tra prostituta e cliente a titolo oneroso o, comunque, lucra sulle prestazioni della prostituta (ad esempio mettendo a disposizione a pagamento un immobile per gli “incontri”);

 

favoreggiamento della prostituzione: questo termine indica ogni comportamento volto a facilitare l’esercizio della prostituzione, anche se chi lo mette in atto non ne trae alcun guadagno;

 

induzione alla prostituzione: in questo caso, è punito chi pone in essere qualsiasi attività di persuasione o convincimento ad offrire il proprio corpo ad un numero indeterminato di persone.

 

Ora a questi reati si aggiungerà presto l’acquisto dei servizi sessuali, che punirà molto severamente i clienti delle prostitute, infliggendo loro una pena sino a 10.000 euro e prevedendo la reclusione sino a un anno. Il carcere, comunque, potrà essere evitato offrendo dei lavori di pubblica utilità: il cliente, in pratica, potrà evitare la galera ed alleggerire la multa da pagare prestando attività non retribuita presso associazioni, enti e altri organismi no profit. Questa agevolazione, però, potrà essere concessa una volta sola, dunque non a chi “ricade” nel comportamento proibito.

Non ha rilevanza, ai fini del reato, il luogo in cui è offerta la prestazione sessuale: il comportamento è punibile a prescindere, non solo se si “viene beccati” in strada, ma anche in un’abitazione privata.

 

 

Prostituzione in strada

A proposito della prostituzione in strada, quasi tutti i Comuni la proibiscono, prevedendo sanzioni amministrative pesanti. Ad essere punita non è la prostituzione in sé, ma gli specifici comportamenti messi in atto: in alcune zone, ad esempio, è sanzionata la contrattazione di prestazioni, in altre l’abbigliamento indecoroso, in altre ancora la sosta in determinate zone. Ogni Comune ha adottato delle ordinanze differenti, ma alcune di esse sono state dichiarate incostituzionali.

È stato invece depenalizzato il reato di atti osceni in luogo pubblico, anche se resta sanzionato in via amministrativa, con multe pesanti.

 

 

Riapertura delle case chiuse

Se la punibilità dell’acquisto di prestazioni sessuali entrerà in vigore, mal si concilierà con la regolamentazione dell’esercizio della prostituzione. Sull’argomento, attualmente, sono state presentate numerose proposte di legge, che mirano a regolamentare il mercato, prevedendo zone a luci rosse e case di tolleranza autogestite.

La riapertura delle case chiuse comporterebbe l’abolizione del reato di favoreggiamento della prostituzione, o lo circoscriverebbe a determinate ipotesi ma, d’altra parte, riuscirebbe a far diventare la prostituzione una vera e propria professione, con l’apertura della partita Iva e il pagamento delle tasse.

Tasse che, secondo una nota sentenza della Corte di Giustizia Europea, recepita recentemente dalla Commissione Tributaria Provinciale di Savona [1] e da diversi altri tribunali, dovrebbero comunque essere pagate dalle prostitute; ma non si sa con quali modalità, dato che l’attività, essendo priva di regolamentazione, non dà la possibilità di aprire la partita Iva, né di iscriversi all’Inps.


[1] Ctp. Savona, sent. n. 389/2016.

 


richiedi consulenza ai nostri professionisti

 
 
Commenti
17 Lug 2016 Raffaello Bardi

Incredibile! Un disegno di Legge fatto da chi?! Siamo nel 2016 ante o post Cristum natum? È evidente che i pochi o tanti imbecilli che nascono con tare oscurantistiche cerebrali congenite, frequentano tutti il Nostro Parlamento o il Nostro corrotto Governo! A quando il reato di idiozia manifesta?!

 
17 Lug 2016 Francostars

Il proibizionismo è l’acqua del pesce Mafia ed è meglio evitare questo dove si può, come il sesso a pagamento tra adulti e consenzienti. Inoltre, voglio sottolineare che gli avvalenti delle meretrici in Italia sono ben undici milioni dei quali nove milioni affezionati alle stradali, che sono le più economiche di tutte. Quindi, cari politici, in considerazione del fatto che nove milioni di votanti non sono pochi e che a fare la differenza sono proprio gli elettori indecisi, OCCHIO AI VOTI ed anche al 2 PER MILLE IRPEF.

 
17 Lug 2016 Bart Torto

Se avessi letto questa notizia da qualche altra parte, avrei subito pensato ad una bufala, tanto idiota e’ l’idea di creare il reato di “acquisto dei servizi sessuali” . ma siamo in Italia, e qui tutto e’ possibile.

 
18 Lug 2016 gio

Solo un demente frustato può concepire una legge del genere