Pubblico dipendente e contratto a tempo determinato: risarcimento
Lo sai che?
20 Lug 2016
 
L'autore
Redazione
 


Leggi tutti gli articoli dell'autore
 

Pubblico dipendente e contratto a tempo determinato: risarcimento

 

Precarizzazione del lavoratore dipendente da parte della pubblica amministrazione: per le Sezioni Unite della Cassazione scatta il risarcimento del danno per il rinnovo a vita del contratto a termine.

 

Il pubblico dipendente cui l’ente presso cui è assunto abbia rinnovato più volte il contratto di lavoro a tempo determinato, costringendolo a una vita di precariato, ha diritto al risarcimento del danno. È quanto chiarito l’altro ieri dalle Sezioni Unite della Cassazione [1]. In particolare la Cassazione ha sancito che, nel regime del lavoro pubblico contrattualizzato, in caso di abusivo ricorso al contratto di lavoro a tempo determinato da parte di una PA, il dipendente ha diritto al risarcimento del danno per l’illegittima precarizzazione.

Viene così accolta la richiesta di indennizzo avanzata dal dipendente di una ASL per via della illegittima reiterazione di contratti a termine cui era stato sottoposto per molto tempo.

 

Solo qualche giorno fa la Corte Costituzionale ha dichiarato illegittime le ultime norme, ancora presenti nel nostro ordinamento, che consentono di far ricorso al contratto a termine per gli insegnanti laddove ciò non corrisponda a esigenze temporanee, situazione a cui ha comunque tentato di porre rimedio il decreto sulla Buona Scuola (leggi “Insegnanti precari: le supplenze a vita sono illegittime”).

La pronuncia in commento si inserisce sulla stessa linea e precisa, comunque, che nel pubblico impiego si può dar vita solo al risarcimento del danno e non c’è invece spazio per la conversione del rapporto da contratto a termine in uno a tempo indeterminato.

Al dipendente pubblico non resta che accontentarsi dell’indennizzo per l’illegittima precarizzazione nella misura e nei limiti stabiliti dalla legge del 2010 [2].

 


La sentenza

Corte di Cassazione, sez. Lavoro, sentenza 27 aprile – 18 luglio 2016, n. 14633
Presidente Macioce – Relatore Napoletano

Svolgimento del processo

La Corte di Appello di Bologna, riformando la sentenza dei Tribunale di Modena, rigettava il capo della domanda di M.B., proposto nei confronti dell’Azienda Unità Sanitaria locale di Modena, diretto ad ottenere il risarcimento del danno conseguente la illegittima reiterazione di contratti a termine stipulati con la predetta AUSL.
A base del decisum la Corte del merito poneva il rilievo, per un verso che il B. non aveva svolto nel ricorso di primo grado una domanda diretta al risarcimento del danno quale conseguenza dell’illegittimità dei plurimi contratti a termini e, dall’altro che comunque il danno non era stato provato.
Avverso questa sentenza il B. ricorre in cassazione in ragione di due censure. Resiste con controricorso la parte intimata.

Motivi della decisione

Con la prima censura parte ricorrente, deducendo “falsa ed erronea applicazione dell’art. 112 cpc”, sostiene che la Corte dei merito nel ritenere viziata la sentenza del Tribunale per ultrapetiziione in ordine al capo della domanda relativo al risarcimento del danno conseguente alla illegittima reiterazione dei contratti a termine non ha valutato

Mostra tutto

[1] Cass. sent. n. 14633/16 del 18.07.2016.

[2] Art. 32, comma 5, l. n. 183/10.

 


richiedi consulenza ai nostri professionisti

 


Download PDF SCARICA PDF
 
 
Commenti